Tornano i santini, ma sparisce de Magistris (si sarà arrabbiato per le parole di DeLa su Napoli?)

Fuori Giggino, dentro il Santino e il Napoli torna alla vittoria! Ieri sera al San Paolo gli azzurri di Aurelione De Laurentiis sono tornati finalmente a vincere una partita di campionato in casa: i tre punti casalinghi mancavano all’appello dallo scorso anno. Telecamere puntate come sempre sulla tribuna d’onore ed ecco una poltrona vuota accanto a De Laurentiis.

E’ quella riservata solitamente al sindaco Luigi De Magistris, che ieri non si è visto. Come mai? “Eppure l’Inter non giocava…” sussurrano i maligni. Vuoi vedere che a Giggino ‘a Manetta non è andato giù lo sfogo del presidente di qualche giorno fa, quando Aurelione senza freni sbottò: “A Napoli non funziona un cazzo”?

Giggino, secondo i soliti bene informati, non ha digerito la sobria esternazione del presidente. E del resto, il rapporto tra i due è sempre stato difficoltoso: tutti ricordano l’endorsement di Aurelio per Gianni Lettieri, candidato Pdl alle comunali, screzio poi superato dall’obbligo di collaborazione tra un presidente che ha bisogno del sostegno del Comune per quel che riguarda, ad esempio, lo stadio, e un sindaco che aveva trovato nelle vittorie del Napoli una grande opportunità di passerella tra tv e fotografi.

Comunque sia, per un sindaco che diserta lo stadio ecco che tornano i tre “santini” protagonisti del caso della settimana: le immagini sacre di San Gennaro, della Madonna di Pompei, di Padre Pio e di San Gaetano Errico. Posizionate decenni fa alla fine del sottopassaggio, le immagini erano state rimosse. Eppure, i calciatori del Napoli erano abituati da sempre a omaggiarle con il segno della Croce, una carezza o un bacio prima di entrare in campo. “Rimettiamo subito i santini al loro posto, ci serve la loro protezione!”: così aveva tuonato il capitano Paolo Cannavaro, poche ore prima della partita contro il Chievo.

“Li avevamo spostati nello spogliatoio – aveva risposto serissimo Mazzarri prima della partita – proprio per evitare che tutti potessero trarne benefici ed ovviamente mi riferisco agli avversari, dato che i risultati non erano entusiasmanti. Ma se ci tenete tanto li rimetteremo lì già con il Chievo”. Santini ritornati, e tre punti ritrovati!

Carlo Tarallo (tratto da dagospia.com)

ilnapolista © riproduzione riservata