Nel 2011 senza il gol di Cagliari, e quelli contro Lecce e Lazio, di che avremmo parlato?

Cari amici Napolisti
tutti voi ricorderete Sliding Doors, un bellissimo film di pochi anni fa. Nel film venivano evidenziate le possibili traiettorie che la vita della protagonista tracciava, nel momento che faceva (o non faceva) una scelta, peraltro inconsapevole.
E’ un tema risaputo ed anche gli antichi adagi hanno molto ricamato sul fatto che molte scelte di vita sono affidate ad un momento, al caso, all’emozione piuttosto che a scelte razionali. Niente di particolarmente nuovo, tranne il fatto che ognuno di noi ha potuto riflettere e trovare il momento in cui, con una propria azione/decisione ha fatto svoltare la propria vita.
E’ in questa prospettiva che mi piacerebbe valutare il campionato del Napoli. E mi piacerebbe anche srotolare la bobina anche di quello dell’anno scorso.
Mi vengono in mente tre partite della cavalcata che ci ha portato alla Champions, partite che dovrebbero rendere bene l’idea di quello che voglio dire.

1. Cagliari-Napoli. Punizione allo scadere per il Cagliari. Tutti a tremare e sperare che l’arbitro fischi la fine. Tiro, rimpallo, ripartenza, gol del Napoli. Tre punti
2. Napoli-Lecce. Cazzata della difesa, salvataggio a tempo scaduto di Grava sulla linea, ripartenza, gol di Cavani. Tre punti.
3. Napoli – Lazio. Devo descrivere? No che lo sapete come é andata!

E partite come queste descritte ce ne sono state altre (con la Samp a Genova, con il Palermo a Napoli, ecc). Cosa ha fatto la differenza? Beh anche un pizzico di buona sorte. Mi chiedo però cosa sarebbe successo senza questo pizzico di buona sorte. Come avrebbe girato la stagione. Voglio rispondermi in questo modo: sarebbe diventata come quella di questo anno: abulica, grigia, da ignavi.
E facendo un salto in avanti ripenso alle molte partite pareggiate in questo campionato. In ognuna di queste partite, anche in quelle orrende come a Siena in campionato, abbiamo avuto la palla per vincere. Ma non abbiamo avuto quel pizzico di buona sorte che ci avrebbe portato ai 3 punti. Non dico che li avremmo meritato, no, su questo Massimiliano Gallo ha ragione, giochiamo male. Ma, come nel film, mi sarebbe piaciuto capire come sarebbero evolute quelle partite se il Napoli il gol lo avesse fatto per prima e quale sarebbe stato il campionato con quei punti in più. Si sa, vincere poi aiuta a vincere.

Ultima nota di speranza. Il maltempo prima o poi finirà e tornerà il sole. Speriamo che accada prima di salutare quest’annata, tempo ce ne é…

Forza Napoli sempre
Antonio Coppola

ilnapolista © riproduzione riservata