Milan-Roma, per chi tifa
stasera un napolista?

Accesa discussione ieri sera a cena. Stasera c’è Milan-Roma, il Napolista per chi deve tifare? Per il rossonero, abbandonando così ogni sogno scudetto e  guardandosi dietro nella speranza di aumentare il solco che lo divide dalla Roma diretta concorrente per la Champions? Oppure per il giallorosso perché in fondo bisogna sempre pensare in grande e chi non risica non rosica?
Due fronti si sono contrapposti. A capotavola l’interista maradoniano che ha Napoli nel cuore, forse anche un po’ per tutelare i suoi interessi, sbotta: “Ma senza sogni non si va da nessuna parte. E’ una mentalità provinciale quella di guardarsi alle spalle. Bisogna crederci fino alla fine. Poi quello che viene viene”. Al suo fianco c’è la napoletana ultrà che lo appoggia: “Crederci sempre, poi quello che viene viene. Io sabato sera tiferò per la Roma. Ce l’ha insegnato il Napoli che bisogna giocare fino al 95’ e anche oltre. Crederci fino alla fine”.
A centrotavola gli scettici. Ecco il maestro: “Finisce 4-1 per il Milan, ma noi non siamo attrezzati per lo scudetto. Anche la Lazio ci può essere superiore da un certo punto di vista. Poi mi fanno paura le ultime due di campionato con l’Inter e a Torino contro la Juventus.  Per cui Milan tutta la vita”. Il dirimpettaio mettendo il cappotto: “sono d’accordo con il maestro, ma Forza Milan proprio non si può dire. E allora più che tifare per i rossoneri preferisco sperare che la Roma perda”.
Io che raccolgo queste testimonianze mi schiero con i sostenitori di allargare il solco alle spalle dietro di noi. La delusione sarebbe troppo forte per aver sperato l’impossibile. L’avvocato che mi è di fronte tifa per l’X. E c’è pure chi fa lo Scilipoti calcistico, vale a dire che prima propende per una tesi e poi si sposta sull’altra. Insomma siamo spaccati: sognare o restare con i piedi per terra. Aver paura di rimanere con un pugno di mosche in mano o puntare la luna? Stasera si gioca, per chi si tifa?
Gianluca Agata

ilnapolista © riproduzione riservata