Mazzarri: Lo Steaua
è avvantaggiato

Walter Mazzarri parla alla vigilia della sfida con lo Steaua Bucarest (in programma domani sera al San Paolo, inizio ore 21.05, diretta tv su Retequattro): “Non so se è la partita più importante da quando sono a Napoli. Sicuramente è una sfida cui tengo molto, siamo ancora in corsa in Europe League e siamo l’unica italiana che può centrare questo traguardo. La giochiamo nel nostro stadio, abbiamo un solo risultato su tre, loro sono avvantaggiati, ma è un motivo d’orgoglio per dare seguito a quello che abbiamo fatto nella scorsa stagione. Già esserci è un aspetto fondamentale”. Il dubbio riguarda Lavezzi: “Non sta benissimo, verificheremo durante l’allenamento di oggi per capire come sta la caviglia e se può scendere in campo”.
L’avversario è di tutto rispetto: “Lo Steaua è un’ottima squadra e ce ne siamo resi conto a Bucarest. In Romania ci trovammo in svantaggio in maniera inusuale per episodi sfortunati, poi siamo riusciti a raddrizzarla. Saranno motivatissimi. Vedremo se cambieranno qualcosa tatticamente, siamo abbastanza preparati ad ogni evenienza. Loro avranno delle assenze e forse ci sarà un piccolo vantaggio, ma l’eventuale forfait di Lavezzi compensa la situazione. Quando un giocatore non sta benissimo fisicamente, è meglio farlo partire dall’inizio e poi toglierlo, altrimenti brucio due cambi. Quindi se ce la fa, sarebbe meglio che giocasse dal primo minuto. E’ in ballottaggio con Sosa e Zuniga. Ho solo un altro dubbio sulla sinistra tra Dossena e Vitale. Domani ci vuole cuore e testa, vorrei che dagli spalti si capisse questo aspetto. Serve una partita perfetta in fase passiva per non correre rischi. Quando la facciamo bene, siamo in grado di mettere in difficoltà tutti. Siamo migliorati anche sulle palle inattive e ci stiamo riuscendo. Bisogna cercare di fare un gol in più degli avversari. Non bisogna mai strafare e ci vuole attenzione nervosa, tattica e psicologica. Sosa? E’ reduce da un infortunio alla caviglia, non è al top soltanto per motivi fisici. Daremo il massimo e mi auguro non ci sia troppa ostruzione, altrimenti la partita può anche durare all’infinito per quanto mi riguarda. L’arbitro deve stare attento al recupero”.
De Laurentiis ieri ha annunciato quattro acquisti, uno solo a gennaio: “Di mercato non voglio parlare, penso solo alla squadra che deve fare il massimo in ogni gara. Non voglio pensarci e concentrarmi sul mio gruppo. Per noi l’Europe League è una grande esperienza a livello internazionale e ci consente di crescere. Magari si può perdere qualche punto in campionato, ma io credo che ne valga la pena andare avanti. Per la città, per la società e per la squadra è una vetrina che non vogliamo perdere. Il Lecce viene soltanto dopo, affrontiamo una gara alla volta, poi penseremo alla prossima avversaria. Ora siamo concentrati solo sullo Steaua”. Mazzarri si augura una grande serata di sport: “In campo siamo avversari, poi basta. Ci sono delle regole da rispettare di vita e di lealtà sportiva e questo discorso deve valere anche sugli spalti. La civiltà è fondamentale”. Mazzarri non ci sarà in panchina: “Sono stato squalificato, ma ad Utrecht ho protestato in maniera garbata, non mi preoccupo, i miei collaboratori sono all’altezza”. Il tecnico ha già vinto il gironcino con il Siviglia quando era alla Samp: “Tocco ferro”. (radiomarte)

ilnapolista © riproduzione riservata