Epifania ‘a munnezza porta via?

I bimbi si preparano a scartare regali sotto l’albero perché questa è festa degli occhi meravigliati dei più piccoli (si, però ce sta ‘a munnezza). In fondo all’animo di ogni tifoso è nascosto un fanciullo sognante che ambisce a nuovi e più definitivi traguardi ( si, però ce sta ‘a munnezza). Sognare costa nulla, ma più bello ancora è farlo con concrete prospettive (si, però ce sta ‘a munnezza). L’anno che va via ci regala la cavalcata mazzarriana che attesta gli azzurri al secondo posto (si, però ce sta ‘a munnezza). I cuori che corrono forte, più delle gambe, nei minuti di recupero. L’anno che verrà ci porta sulla sponda nerazzurra di San Siro (ce starrà ancora ‘a munnezza?). Passeranno due lunghissime settimane senza Napoli, senza divano e Tv, senza probabili formazioni e le liturgie che ci accompagnano nelle settimane di azzurro (e chissà si a levano ‘a munnezza). È tempo di ricaricare le pile tra struffoli, rococò e insalate di rinforzo (e ‘a munnezza). Ci aspetta una nuova Inter, quella che inspiegabilmente ha cacciato via Rafa Benitez (che tenimme a vedè, si ce sta ‘a munnezza). A sentire i commenti degli amici nerazzurri è sembrata la scelta più ovvia (invece ‘e penzà ‘a munnezza). Il tecnico spagnolo paga invece colpe non sue: campagna acquisti inesistente, infortuni, caporalati nello spogliatoio nostalgico di Mou (e nuie stamm cu ‘a munnezza). Ci sarà Leonardo sulla panca di Milito e compagnia (e nuie probabilmente stamm ancora cu ‘a munnezza). Lo scorso anno non ci andò male con il brasiliano: epica (e solita) rimonta al San Paolo, pareggio al Meazza con Hugo Boss (quanno dicevano che a levavano ‘a munnezza). Nell’era De Laurentiis mai vincenti al Meazza. Eppure dopo i tanti tabu infranti speriamo un po’ tutti che quella simpatica vecchina della Befana possa regalarci questa soddisfazione (niente a paragone si ce levano ‘a munnezza). Personalmente ho già preso il mio biglietto nel settore ospiti (accussì nun ce penzo cchiù ‘a munnezza). Non succede ma se succede voglio abbracciarmi uno a uno ogni napoletano che fra mille sacrifici lancia il cuore e lo rincorre nella gelida Milano (e ‘a munnezza?). Tribune stampa o autorità non hanno lo stesso sapore, quel friccichio di anime che si uniscono in un coro (quanno ce a levate sta munnezza?).
Provo a parlare di calcio ma una vocina interna mi disturba.. Perché l’anno che va via è stato invece per Napoli l’ennesima umiliazione dei rifiuti in strada. Foto sui giornali di una città che diventa vergogna nazionale. Fa male come aghi che pungono il cuore soltanto a parlarne. Il calcio regala due ore di euforia e poi fuori dalla finestra si guarda tristemente il solito cumulo che si ammassa in strada e un poco pure in gola. Cosa dire di più senza essere retorici? L’epifania ogni festa si porta via – si diceva un tempo – quest’anno che si porti pure la monnezza.
Allora auguri alla città, all’emigrato che ritorna, a chi non ritorna perché si è stancato di credere, a chi non va via perché sopporta, a chi sta male, a chi comunque ci sta bene, a chi ha la delicatezza di esserci nato e sentirsi ospite a prescindere. Auguri all’innamorato che aspetta alla stazione, a chi sa aspettare senza aspettarsi nulla, a chi ha aspettato. Auguri alla vita che si muove dietro i balconi e dietro le finestre dei palazzi che costeggiano la metropolitana. Auguri a chi legge, a chi ha navigato uno sguardo, al curioso, al viaggiatore, allo scrittore.
Auguri ai napolisti che attraverso un pallone che rotola provano pure a raccontare cosa vive intorno ad un verde che ci siamo ormai stancati di chiamar speranza. Buon Natale ( e nun facite troppa munnezza).
Valentino Di Giacomo

ilnapolista © riproduzione riservata