In banca al lavoro, pensando al Palermo

Che strano lunedì. Sembra quasi un’appendice della domenica. Per carità tutti in ufficio, tutti a fare il proprio dovere. Napolisti milanesi, romani, torinesi e napoletani. Chi in banca, chi in un ufficio pubblico, chi in un ufficio privato, ma diciamo la verità, quel +3 della Juve proprio non va giù. C’è un fremito, un sentimento comune che dice vai, vai, che stasera ti riacchiappo. O lo spera. Un occhio all’orologio, quello grande, della parete dell’ufficio o quello piccolo in basso a destra sul desktop del pc. E il tempo che scorre, inesorabilmente. E’ già passato mezzogiorno, tra un po’ si pensa al break del pranzo. Miccoli, Ilicic, Pastore, ce li mangiamo a cena. O forse no. Ma chi marcherà Pastore, Grava? O sarà su Miccoli? E’ vero, ha fermato Ibra, Eto’o, Ronaldinho, ma l’anno scorso, oggi è diverso. Oddio, Milito. Un altro piccolo e brevilineo dopo il male che ci hanno fatto Zarate e Di Natale. E l’attesa cresce, assieme al timore di non essere all’altezza e a quella Juve a +3. Cielo uggioso a Napoli. Atmosfera tranquilla a Fuorigrotta. Poche file ai botteghini del san Paolo aperti per permettere l’acquisto di altri tagliandi. Ieri Quagliarella ha ricominciato a picconare le nostre certezze fatte di Cavani da quindici gol, un  Lavezzi ritrovato ed un Hamsik che ha ripreso a segnare. Certezze che non ci convincono. L’Inter incalza, la Roma pure, la Lazio non molla. Ma questo Napoli è in grado di entrare in Champions League? Il lunedì è il dì dopo la festa oddio che mal di testa non posso lavorar. E’ veramente il dì dopo la festa. O il giorno della festa. E l’orologio va avanti: tic-toc. Le 20.45 si avvicinano. Lo stivale visto all’ingiù. Ci aspettano anche a Milano e Torino. Il big match è ottocento chilometri più in basso. Bella sensazione, non c’è che dire soprattutto quando la classifica del Sole 24 ore dice impietosamente, e giustamente, che siamo gli ultimi della classifica in Italia. Ma aspettiamo. Tic-Toc. Per godere una sera, almeno una sera.

Stefano Romano

ilnapolista © riproduzione riservata