Napoli col lutto al braccio, appello a quota 4.000

L’appello del Napolista (Caro Napoli gioca col lutto al braccio per sensibilizzare l’opinione pubblica sul dramma rifiuti e il Comune a rendere obbligatoria la raccolta differenziata a tutta la città) va fortissimo su Facebook. Ha sfondato quota mille alle 13.30 di venerdì e tre ore dopo ha toccato quota duemila per arrivare  alle 20.30 a tremila e stamane a 4.000. L’iniziativa è stata ripresa da non pochi quotidiani, il Sole 24Ore, il Mattino, il Riformista, giornali on line come, il sito del Corriere del Mezzogiorno, Agora Vox e siti azzurri come CalcioNapoli1926 e Azzurrissimo. Attendiamo un cenno dalla Società calcio Napoli per dare maggior forza alla nostra iniziativa. Il link dell’evento, aperto a tutti, è il seguente: http://www.facebook.com/#!/event.php?eid=120808674650263

Va bene, avete ragione. Il Napolista è prima di tutto calcio. E allora partiamo da qui. L’idea l’ha data Lisa (ti ringrazio infinitamente, un’illuminazione nell’ennesima giornata densa di pioggia), il Napolista ha fatto il resto. Da pochi minuti abbiamo creato un evento Facebook per convincere la società, l’allenatore e i calciatori del Napoli a giocare con il lutto al braccio affinché l’amministrazione comunale renda OBBLIGATORIA PER TUTTI la raccolta differenziata, tirando fuori la nostra città da un’emergenza ventennale. Siamo riusciti a far inserire Gianluca Grava nelle figurine Panini, non vedo perché non si possa fare anche questo.
Perciò chiediamo a tutti di collaborare. Aderite all’evento, diffondete la notizia, agli amici napolisti che scrivono sui giornali dico che è sacrosanto dare l’opportuno risalto all’iniziativa. Se il riscatto della città deve venire dal calcio, anche il calcio deve prendere posizione. L’hanno fatto per primi gli Ultras della Curva A, ai quali, per una volta, deve andare il plauso di tutti. Non si può far finta di non vedere. Tutti possono fare qualcosa. Questo è il nostro modo di contribuire. Proviamoci. Forza Napoli. Sempre.
Ilaria Puglia

ilnapolista © riproduzione riservata