Dodici minuti per la metro al Vomero nell’ora di punta

Dodici minuti per la metro al Vomero nell’ora di punta

Nei miei intenti, il Napolista doveva essere un sito sul nostro Napoli ma anche (un po’) sulla nostra Napoli. Poi, però, almeno finora, le cose sono andate diversamente. Anche perché buttarla in politica è pericoloso e non mi va di farlo. Però oggi un’eccezione sulla nostra città voglio farla.
Per dire che – secondo me – solo a Napoli si può attendere una metropolitana dodici minuti nell’ora di punta. Ci è accaduto – a me e al Caudino – oggi a piazza Vanvitelli, ore 13.30. Abbiamo perso il treno per cinque secondi e subito è apparsa la scritta: il prossimo tra dodici minuti. Ma che è? La tartametro?
Ovviamente nessuno protesta, sono tutti più o meno rassegnati. Il principio guida è sempre lo stesso: ringraziamo il cielo che abbiamo la metro. Un po’ come bisogna ringraziare il cielo che De Laurentiis ha rilevato il Napoli. Mah. Mi verrebbe da chiedere il motivo a quelli di Metronapoli (si chiama ancora così?) ma poi già so che mi passa la voglia. La prossima volta – come faccio spesso – me ne tornerò a piedi. Più divertente.

ilnapolista © riproduzione riservata