San Paolo, irrigazione come al Camp Nou

Aurelio De Laurentiis vorrebbe un San Paolo simile a Marassi. Niente pista d’atletica e visibilità perfetta. Il presidente del Napoli lo ha ribadito pure a quello della Provincia, Cesaro, nell’incontro che i due hanno avuto martedì in città. L’ipotesi di costruire uno stadio nuovo continua a stuzzicare il massimo dirigente azzurro, ma di progetti concreti all’orizzonte non se ne vedono. Per adesso, dunque, bisogna accontentarsi dei lavori di ammodernamento dell’impianto di Fuorigrotta, che in questi giorni è un cantiere aperto.
Fondi Nonostante la mancata assegnazione dell’Europeo 2016 all’Italia, infatti, il Comune ha ugualmente stanziato i fondi necessari per alcuni interventi improcrastinabili. Del resto, da agosto il Napoli sarà impegnato in Europa League e bisogna evitare brutte figure. «Nei giorni scorsi abbiamo superato l’esame relativo al rinnovo della licenza Uefa — ha detto l’assessore allo sport, Alfredo Ponticelli, a radio Kiss Kiss Napoli —. Nella prossima stagione avremo un San Paolo diverso e migliore rispetto al passato». Gli operai sono all’opera da qualche settimana. Per il momento si sta procedendo alla pulizia dei sediolini già esistenti ed al ripristino di quelli mancanti, sfruttando i posti a sedere dell’ormai inutilizzato terzo anello («non è possibile renderlo agibile per problemi di sicurezza » , ha spiegato Ponticelli). Inoltre, si sta provvedendo allo spurgo delle fogne, storico problema di tutta la zona circostante lo stadio, e a rendere più accogliente la tribuna stampa. Nulla da fare, invece, per i tabelloni luminosi: «Secondo la convenzione (che scade nel 2014, ndr), competono al presidente De Laurentiis — conclude Ponticelli —. Difficilmente li avremo per inizio campionato. Speriamo vengano installati per fine settembre».
Novità Intanto, la vera novità è rappresentata dalla rizollatura totale del manto erboso. «A fine luglio l’opera sarà completata — fanno sapere dai vivai Marrone —. Ci sono circa 50 persone che stanno lavorando sul prato del San Paolo. Stiamo usando delle tecniche particolari, sul modello di quanto fanno in Germania. Per l’irrigazione, invece, ci siamo ispirati al Camp Nou di Barcellona. Per l’inizio del campionato, l’erba sarà praticamente perfetta».

Gianluca Monti

(da la Gazzetta dello sport)

ilnapolista © riproduzione riservata