Sul Mattino l’attacco del cardinale Sepe : “Napoli è dolente, la borghesia non resti più zitta”

Lunga intervista al Cardinale sull’ondata di violenza in città: “I camorristi sono peggio delle belve. Non sono degni dei loro padri”

Sul Mattino l’attacco del cardinale Sepe : “Napoli è dolente, la borghesia non resti più zitta”

Sul Mattino, una lunghissima intervista al cardinale Crescenzo Sepe sull’ondata di violenza in città. Ci soffermiamo sulle parole durissime che usa contro i camorristi e la borghesia. Sui primi, ecco il commento del cardinale:

“Non sono uomini degni di tale nome, peggiori delle belve, perché quelle pure si danno delle regole a protezione dei cuccioli. I criminali di oggi non sono neppure degni dei loro padri”.

Prima era diverso, un tempo i delinquenti almeno rispettavano i bambini e le donne, oggi invece neanche più questo. Oggi i criminali sono “degli sconfitti” che si fanno forti solo perché possiedono le armi. Il loro unico mezzo di affermazione è la violenza, lo spargimento di sangue.

“Sono destinati a non lasciare traccia significativa di sé nella loro vita. Non fanno paura neppure ai turisti che continuano a venire”.

La Chiesa fa quello che può per salvare i ragazzi dalla perdizione della strada, dice Sepe, con le sue tante iniziative, ma il vero nodo cruciale, per il cardinale, è l’assenza di azione da parte della borghesia.

“Si ha la sensazione che in questa città, più che altrove, c’è una classe borghese indifferente e silente. Quelli che dovrebbero essere classe dirigente di Napoli o voltano le spalle o sono addirittura complici della malavita”.

 

ilnapolista © riproduzione riservata