Crosetti: “il calcio italiano è intriso di razzismo”

Su Repubblica: “Il veleno gocciola ormai da ogni partita”. Mihajlovic insultato dai suoi ex tifosi a Firenze e l’inaccettabile bassezza sportiva di Kessié e Bakayoko

Crosetti: “il calcio italiano è intriso di razzismo”
Duro editoriale di Maurizio Crosetti su Repubblica. Scrive di razzismo, di maleducazione.
Scrive di “calcio incattivito, irrispettoso, maleducato e isterico”.
Siamo messi male, e malissimo sta finendo questo campionato mai iniziato. La scena peggiore l’abbiamo vista sabato, con la maglietta di Acerbi esposta come uno scalpo alla tribù urlante: l’inaccettabile bassezza sportiva di Kessié e Bakayoko (almeno si è scusato) è stata addirittura difesa dal Milan.
“Il veleno – scrive – gocciola ormai da ogni partita”. Fa riferimento a Cairo («Se guardi la partita del Milan, qualche domanda te la fai»), scrive che “persino l’impeccabile Prandelli” se l’è presa con il Var. “Un suo collega, Mihajlovic, è stato ancora insultato dai suoi ex tifosi a Firenze: ogni volta che torna in quello stadio lo chiamano serbo di merda. Siamo intrisi di razzismo e maleducazione”.
ilnapolista © riproduzione riservata