Ancelotti: “Blindiamo il secondo posto, ma fanno paura i cali psicologici”

Il tecnico del Napoli non cerca attenuanti. C’è stato lo sforzo di passare in vantaggio e poi la difficoltà di contenere la squadra orobica

Ancelotti: “Blindiamo il secondo posto, ma fanno paura i cali psicologici”
(Hermann / KontroLab)

Blindare il secondo posto e chiudere velocemente il discorso Champions. E’ quello che Carlo Ancelotti chiede al suo Napoli in conferenza stampa dopo la brutta sconfitta contro l’Atalanta.

«C’è stata un’ora ben fatta, al meglio delle nostre possibilità, e poi lo sforzo di tenere il ritmo alto ci siamo ritrovati solo con un gol ed era difficile reagire al pareggio e finire bene anche psicologicamente. Ora dobbiamo cercare di blindare il secondo posto, chiudere velocemente il discorso Champions, stare focalizzati e poi ripartire»

Su Insigne:

«Come ho detto, ha fatto tre partite, ho la possibilità di ruotare e sarà pronto per le prossime».

Che tipo di giocatori immagine per rinforzare il Napoli?

«Ci saranno accorgimenti sul mercato per migliorare ulteriormente, questo ho detto”. Nessun dubbio sul centravanti: “Sarà Milik il centravanti del Napoli il prossimo anno».

Ancora su Insigne:

«S’è allenato bene, ma erano un po’ tutti stanchi. Visto che posso alternarlo con Mertens, che ha fatto un’ottima partita, non ho voluto rischiare. Fischi? Non è stato per quello»

Un Napoli che continua a prendere gol in abbondanza:

«Abbiamo perso qualcosa nella seconda parte, non sono soddisfatto. Problema di stimoli, concentrazione, s’è meno attenti in entrambe le fasi, questa è la spiegazione. Abbiamo avuto tante occasioni per segnare, non possiamo prendercela sempre con la sfortuna»

.
La fragilità mentale dopo l’1-1 può mettere a rischio il secondo posto?

«Abbiamo ancora vantaggio, ma dobbiamo stare attenti. Per un’ora abbiamo fatto bene, ad alto livello, dobbiamo evitare quei cali d’attenzione e psicologici. Ci siamo affranti dopo il pari perché abbiamo avuto tante occasioni per chiuderla e non ci siamo riusciti»

ilnapolista © riproduzione riservata