Il Napoli in cerotti perde 3-1 a Salisburgo e va ai quarti di finale di Europa League

Decisivo il gol iniziale di Milik. Poi il regalo di Allan per l’1-1. Nella ripresa il raddoppio, si fa male pure Chiriches e nel finale gli austriaci segnano il terzo

Il Napoli in cerotti perde 3-1 a Salisburgo e va ai quarti di finale di Europa League

Si è fatto male pure Chiriches

La sofferenza non è mancata, anche se è stata una sofferenza più da tifosi che altro.

Il Napoli va ai quarti di finale di Europa League ma nel finale avverte la paura. Soprattuto nell’ultimo quarto d’ora, quando Chiriches è costretto a uscire per infortunio. Al suo posto entra Malcuit e va a giocare centrale Hysaj. Il Salisburgo colpisce un palo sul 2-1 a cinque minuti dalla fine, ancora con Dabbur autore del gol dell’1-1, e poi al 90esimo, su azione da calcio da fermo, sigla la rete del 3-1 con Leitgeb. La partita finisce qui. E tutto sommato il Napoli l’ha portata a casa con merito e senza barricate. E va considerato che nell’ultimo quarto d’ora non c’era in campo nemmeno un difensore centrale.

La partita è stata tutto sommato agevole. Il Napoli l’ha chiusa in apertura di gara, dopo 14 minuti, con Milik in semi rovesciata dopo una bella azione di Mario Rui che ha recuperato palla su sinistra, ottenuto il dai e vai da Zielinski e poi ha crossato. Un rimpallo ha favorito il polacco.

Di fatto, la partita è finita qui. Poi la squadra di Ancelotti ha regalato, sempre nel primo tempo, una rete al Salisburgo con una palla persa in uscita – in maniera banale – da Allan. Ma gli azzurri hanno reagito e hanno colpito anche un palo con Fabian con un tiro da fuori area.

Nella ripresa, Salisburgo mai pericoloso fino al gol del 2-1 ottenuto con Gulbrandsen ancora lui. Da questo momento, il Salisburgo ha colpito un palo e ha segnato la rete del 3-1. Tutto sommato, il Napoli ha mostrato grande maturità e retto senza particolari brividi. Anche se è una squadra che ovviamente deve crescere a livello europeo. Manca l’esperienza. Lo scorso anno, nel finale, la Lazio subì tre gol. Il Napoli, senza quattro difensori centrali, uno solo.

Il Napoli ha giocato anche senza Insigne che si è infortunato durante il riscaldamento.

Ottima prova di Mertens e Fabian Ruiz. Anche di Luperto e Mario Rui. Il Napoli torna ai quarti di Europa League dopo cinque anni. Compresa la Coppa Uefa, per la terza volta nella propria ,

ilnapolista © riproduzione riservata