De Laurentiis: «Hamsik? Non potevo dirgli di no. Vedremo, i cinesi vogliono fare i napoletani»

«Napoli sarà sempre casa sua. Poiché abbiamo Ancelotti che sperimenta e mette alla prova i suoi, adesso possiamo a fare a meno di lui. Vedremo come finirà»

De Laurentiis: «Hamsik? Non potevo dirgli di no. Vedremo, i cinesi vogliono fare i napoletani»

Napoli è casa di Marek

«Anni fa ero a pranzo con Galliani e c’era un signore che non conoscevo, era Mino Raiola. Parlava di Hamsik, volevano Hamsik. Così come mi chiamò Massimo Moratti e gli disse che non si sarebbe mosso da Napoli. Allegri, da sempre estimatore di Marek, sin da quando era al Milan, lo voleva alla Juve. Io dissi che era una bandiera del Napoli. Questo ragazzo d’estate mi ha chiesto di andare in Cina, ma d’estate è un mercato freddo. D’inverno si riscalda. Non potevo certo negare la sua richiesta. Gli dissi: sei convinto di voler finire in Cina? Feci una richiesta di prezzo e nessuno si presentò. Avendo cambiato allenatore, non volevo sottrarre un pezzo importante. Ero contento che non fosse partito.

Poi abbiamo visto che Ancelotti fa giocare tutti, sperimenta tutti, anche in maniera ardita. Ha messo alla prova i nuovi arrivi. Lui non si è messo in testa di fare più punti di Sarri, ha voluto vedere che potenzialità ha il Napoli. quindi deve sperimentare e ha sperimentato. Con tutti gli infortuni e gli accidenti. Che Hamsik abbia chiesto di partire in un momento in cui a centrocampo siamo più consolidati, non ci creerebbe un problema. Adesso però, poiché tra i cinesi e i napoletani c’è una bella differenza, soprattutto quando il cinese vuole fare il napoletano più del napoletano. Vediamo quello che accadrà L’ho detto a Marek: il Napoli sarà sempre la tua casa, sei un pezzo della storia del nostro Napoli, credo che la città ti voglia bene, si è comprato una casa a Castel Volturno. Tutte le volte che gli ho detto di no, ha sempre fatto il suo dovere. Dal punto di vista professionale, è impeccabile».

Cambio generazionale

«Ho sempre puntato sui giovani, è sempre stata mia maniacale impostazione. Certo che un De Rossi che rientra, che fa il regista della partita, serve. Con Ancelotti non abbiamo nessun problema a immettere giovani.

ilnapolista © riproduzione riservata