Il malore di Mazzarri, non sarà in panchina per Cagliari-Torino

Già affetto da problemi cardiaci, il tenico del Toro si è sentito male venerdì sera prima di cena. La solidarietà di tutto il mondo del calcio.

Il malore di Mazzarri, non sarà in panchina per Cagliari-Torino

L’articolo della Gazzetta

Walter Mazzarri ha avvertito un malore venerdì sera, poco prima di cena. La corsa in ospedale, alla Molinette, e poi il rientro a casa dopo l’iniziale spavento. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, c’è anche lo stress alla base della disavventura del tecnico granata: «Dalle pochissime informazioni filtrate in una giornata lunghissima, avrebbe giocato un ruolo il forte stress al quale l’allenatore del Toro è stato sottoposto nell’ultimo periodo costringendolo a correre in ospedale. Non sembrerebbe nulla di grave, sia chiaro: una spia d’allarme accesa in un uomo di 57 anni che sei anni fa ebbe un problema cardiocircolatorio risolto presso la clinica Montevergine di Mercogliano (Avellino)». La speranza, scrive la rosea, è che tutto possa rientrare entro qualche giorno.

Quindi, squadra temporaneamente affidata a Frustalupi e niente viaggio a Cagliari per Walter. Anche se le sue condizioni sono in via di miglioramento, non c’è nessun motivo per rischiare. Tanto affetto intorno all’ex allenatore del Napoli, citato anche da Allegri ieri sera dopo Juventus-Spal. Anche lo stesso Napoli ha pubblicato dei post sui suoi canali social per incoraggiare Mazzarri:

Anche tanti giocatori, tra cui Koulibaly e Insigne, hanno manifestato la propria solidarietà all’allenatore toscano. Ovviamente, anche la redazione del Napolista si unisce agli auguri di immediata guarigione. La Gazzetta chiude il suo pezzo ricordando proprio il periodo di Napoli e il vizio del fumo coltivato da Mazzarri: «Nel 2012, durante gli anni di Napoli, risolse un problema cardiaco: all’epoca riuscì a smettere di fumare, abitudine ripresa poi all’Inter. Ieri Mazzarri ha promesso a se stesso di dare nuovamente un taglio alle sigarette».

ilnapolista © riproduzione riservata