John Terry: «Ancelotti sa gestire gli uomini e sa adattarsi»

John Terry parla di Ancelotti: «Parlava molto con noi calciatori, cercava il giusto equilibrio tra responsabilità e condivisione».

John Terry: «Ancelotti sa gestire gli uomini e sa adattarsi»

L’intervista a The Coaches’ Voice

John Terry è uno dei simboli della storia del Chelsea, giocatore per i Blues dal 1998 al 2017. Ha lavorato due anni con Ancelotti, oggi è vice-allenatore dell’Aston Villa. Proprio in merito a questa sua nuova avventura professionale, si è espresso al sito specializzato The Coaches’ Voice, un contenitore di interviste ad allenatori in tutto il mondo.

Questo è il giudizio dell’ex difensore sull’attuale allenatore del Napoli. Sotto, il video del suo intervento: «Ho apprezzato molto Ancelotti per la sua capacità di gestire gli uomini, e il suo modo di adattarsi alla cultura di un altro paese. Lui aveva un suo modo di allenare, non perfettamente aderente al calcio inglese. Eppure riuscì subito a calarsi nella realtà del Chelsea. Quando parlava con me, con Frank Lampard, con Didier Drogba, cercava di entrare nel nostro cervello. Ci chiedeva: stiamo facendo troppo lavoro tattico per voi? Questa scelta è vicina al nostro modo di giocare? Ecco, in questo modo lui stava trovando il giusto equilibrio. Non ho mai avuto un manager che lavorasse in questo modo, tutti avevano una loro importanza, un certo input in ogni seduta d’allenamento. Allo stesso tempo, però, aveva creato un gruppo di lavoro di cui lui era il primo responsabile, e ti faceva sentire parte di un amviente che progrediva insieme. In questo modo, la sintonia era pressoché totale, un viatico importante per arrivare a grandi traguardi, a grandi vittorie».

ilnapolista © riproduzione riservata