Hamsik: «Nel 2016 ho trattato con il Borussia Dortmund»

L’intervista di Hamsik alla Sport Bild: «Non rimpiango il fatto di essere rimasto a Napoli per tanti anni, lo farei di nuovo».

Hamsik: «Nel 2016 ho trattato con il Borussia Dortmund»
Foto Ssc Napoli

L’intervista a Sport Bild

Marek Hamsik ha rilasciato una lunga intervista alla Sport Bild, magazine tedesco di sport. Una delle dichiarazioni più importanti riguarda una trattativa del 2016 con il Borussia Dortnumd per il suo trasferimento in Germania. Ecco il suo racconto: «Ho avuto dei contatti con il BVB, abbiamo negoziato un contratto. Ma non è stato facile, loro volevano acquistarmi ma prima avrebbero dovuto cedere altri calciatori. Il discorso si è trascinato fino ad agosto, poi però avevo iniziato la preparazione con il Napoli e non volevo più andare via».

Sull’arrivo di Ancelotti al Napoli: «È un allenatore eccezionale. Quando parla, si nota il fatto che sia stato un grande calciatore. Sa come funziona all’interno di una squadra, sa come parlare ai professionisti. E poi è un uomo molto amabile, non è mai stressato, è sempre calmo quando si rivolge a noi. Il fallimento al Bayern? Ancelotti non deve dimostrare niente a nessuno, ha già fatto tanto durante la sua carriera».

Hamsik e il paragone con Maradona: «Sono consapevole del fatto che Diego sarà sempre un’icona, un idolo per i napoletani. Non penso a fare confronti, anzi non è male che io sia il secondo giocatore più importante del Napoli subito dopo di lui».

La vita a Napoli e la paura dei furti: «A Napoli ci sono le stesse dinamiche delle altre città. Noi calciatori viaggiamo ogni settimana, ovunque può succedere qualcosa. Per sicurezza, comunque, io parcheggio sempre con sicurezza la mia Ferrari».

L’egemonia della Juventus in Serie A potrebbe diventare noiosa? «I bianconeri sono i favoriti numero uno, hanno preso anche Ronaldo, ma non sono imbattibili. Noi vogliamo essere subito dietro di loro, possono perdere punti e a quel punto dobbiamo essere pronti ad approfittarne».

Hamsik si è mai pentito di non aver lasciato Napoli? «Quando sono arrivato c’era già una buona base, poi io e il club siamo cresciuti insieme. Mi rendo conto che grandi club come Real Madrid o Barcellona possano esercitare una grande attrazione, lo hanno fatto anche su di me. Ma io non rimpiango il fatto di essere rimasto a Napoli, lo farei di nuovo».

 

ilnapolista © riproduzione riservata