Il rapporto tra Cavani e Neymar sta migliorando

Intervento abbastanza duro di Cavani sul brasiliano durante Brasile-Uruguay, i gesti di fair play successivi sono evidentemente forzati. Love is (not) in the air.

Il rapporto tra Cavani e Neymar sta migliorando

Durante Brasile-Uruguay

Il match amichevole tra il Brasile e l’Uruguay non sarà ricordato solo per l’esordio di Allan con la Seleçao, ma anche per il momento in cui Neymar e Cavani hanno appianato le loro presunte divergenze. I due giocatori sono da tempo protagonisti di un racconto impregnato di antipatie reciproche che non trova assolutamente riscontro con la realtà. Anzi, la collaborazione in campo con la maglia del Psg e il fair play negli scontri da avversari la fanno da padrone. È successo anche ieri sera, quando Cavani ha deciso di non entrare male sul calciatore brasiliano in un’azione uno contro uno. Dopo il lieve intervento giudicato falloso dall’arbitro, scuse immediate da parte del centravanti uruguagio e immediato, caldo abbraccio con sorrisi chiarificatori. Roba da buoni amici. Sotto, la gif di questo momento di assoluta tenerezza:

Come avrete potuto intuire, stiamo lavorando nel campo dell’ironia. Il fallo di Cavani c’è, forse non è tanto grave ma di certo non rientra in una casistica “da amichevole”. Un po’ troppa garra charrua (Lele Adani dove sei?) per il Matador, che dopo solidarizza con il compagno di club, lo aiuta a rialzarsi con uno sguardo e un fare non proprio amichevole. Neymar ricambia con un gesto anche abbastanza plateale, niente di clamoroso ma di certo una spia su un rapporto non proprio idilliaco tra le due star.

Proprio questa mattina abbiamo riportato un pezzo della Gazzetta che racconta di una convivenza non proprio facile tra i due calciatori, uno dei motivi che spingerebbe il Psg e lo stesso Cavani a riflettere sul rinnovo del contratto in scadenza nel 2020. Il Napoli sarebbe in agguato, pronto ad attuare una strategia per riprendersi Cavani. Uno dei più dispiaciuti di questa eventuale partenza sarà sicuramente Neymar. O forse no.

ilnapolista © riproduzione riservata