Allegri: «La Juve non può perdere punti, Inter e Napoli vicini»

Allegri in conferenza stampa: «Il Napoli paga lo scontro diretto perso, l’Inter ha perso dei punti in casa contro Parma e Torino».

Allegri: «La Juve non può perdere punti, Inter e Napoli vicini»
Photo Matteo Ciambelli

In conferenza stampa

Massimiliano Allegri presenta Juventus-Cagliari in conferenza stampa: «Chiedo ai miei ragazzi di fare quello che devono: vincere la partita. Ad Empoli abbiamo avuto difficoltà ogettive, è la dimostrazione che vincere non è mai semplice. Ti vai a scontrare con squadre che hanno obiettivi diversi dai tuoi, ma hanno sempre obiettivi da raggiungere e poi giocare contro la Juve, per tutti, quest’anno ancora di più, è una sfida dove fare risultato positivo rappresenta un traguardo importante e da ricordare. Domani a Torino arriva la squadra che corre più in Italia, ha elementi di buona tecnica e Pavoletti fortissimo nel gioco aereo».

La corsa in campionato: «Non possiamo permetterci di lasciare punti per strada, Inter e Napoli sono dietro di noi. Il campionato è lungo, ci sono tanti punti a disposizione e noi su questo non possiamo sbagliare. Ho già detto che il campionato è una roba diversa dalla Champions perché lì sono meno partite e sono tutte di grande livello, in campionato è diverso. E noi possiamo mettere a rischio questo campionato perché abbiamo questi cali di tensione».

Le condizioni della Juventus

Allegri e i bianconeri Ronaldo-dipendenti: «Quando hai giocatori come Ronaldo, Messi, come Ibra quando ero al Milan, è normale, perché i gol li fanno loro. Poi fortunatamente noi abbiamo Dybala, che fa gol, Mandzukic che fa qualche gol, e bisogna trovare i gol dei centrocampisti e dei difensori. Domani dobbiamo segnare da palla inattiva perché finora non abbiamo fatto un gol su palla inattiva a parte una spizzata da Ronaldo che ha poi fatto gol Bonucci. Su quello bisogna migliorare, finora è stato il nostro deficit».

Le inseguitrici Inter e Napoli: «Stiamo andando forte, ma anche dietro corrono. L’Inter ha lasciato tre punti col Parma e due col Torino, altrimenti sarebbe stata molto più vicina. Il Napoli ha perso lo scontro diretto e questo fa la differenza. Non possiamo concederci passi falsi».

Le scelte per domani: «Domani saranno fuori Chiellini e Bernardeschi. Khedira e Mandzukic sono di nuovo in gruppo. Spinazzola sta crescendo e giocherà qualche partita con la Primavera. Pjanic e Matuidi giocano a meno che non svengano oggi, ma speriamo di no. Per quanto riguarda il terzo devo scegliere tra Bentancur, Cuadrado mezz’ala e capire le condizioni di Khedira, che è tanto che non gioca quindi ci vuole un rientro graduale. Dietro rientra Cancelo, Bonucci, devo scegliere uno dei due centrali e a sinistra devo decidere se far giocare De Sciglio o Alex Sandro, che ha fatto tante partit. Davanti Ronaldo, poi devo scegliere».

La Champions: «Quest’anno la candidata numero uno alla vittoria è il Barcellona. Stiamo lavorando quest’anno come negli anni precedenti per raggiungere l’obiettivo che in questi anni non siamo riusciti a raggiungere, perché ci vuole anche un pizzico di fortuna. La Juventus ha giocato due finali di Champions negli ultimi quattro anni e non è poco e nelle altre due Champions è stata eliminata dopo aver vinto una grande partita a Madrid e dopo aver pareggiato il Bayern e aver ribaltato il risultato dell’andata a Monaco. Manca questa vittoria, che non deve essere un’ossessione perché poi ripeto, ci vuole anche un pizzico di fortuna».

Buffon e Pogba

Allegri sul ritorno in Champions di Buffon, atteso da Napoli-Psg: «Sono contento per Gigi che torna in Champions in uno uno stadio non facile».

Pogba a Torino con lo United: «Parlare di lui non serve a niente. Certo, è un grandissimo giocatore con enormi margini di miglioramento. Però indossa la maglia delo United e dobbiamo affrontarlo. Se non venisse sarebbe meglio, ma dobbiamo affrontarlo come abbiamo fatto di là. La standig ovation dei tifosi per lui? Devono farla ai nostri giocatori, non agli altri».

ilnapolista © riproduzione riservata