D’Aversa: «Gervinho titolare a Napoli? Non ve lo dico, ma penso di mettere i migliori»

Roberto D’Aversa in conferenza per presentare Napoli-Parma: «Affrontiamo una squadra fortissima, ma nella vita nulla è impossibile».

D’Aversa: «Gervinho titolare a Napoli? Non ve lo dico, ma penso di mettere i migliori»

In conferenza stampa

Roberto D’Aversa, tecnico del Parma, è intervenuto in conferenza stampa per presentare il match di domani contro il Napoli: «Affrontiamo una squadra molto forte, abbiamo avuto poco tempo per riposare ma possiamo prendere forza dall’atmosfera del San Paolo. Potrà mancare la brillantezza visti i match ravvicinati ma credo sarà più importante l’aspetto mentale. Avremo la possibilità di confrontarci con una squadra che ha dato filo da torcere alla Juventus per la vittoria del campionato. Ha in panchina uno de migliori tecnici, Ancelotti sta provando a portare le sue idee, il Napoli gioca con maggiore libertà. Però nella vita non c’è nulla di impossibile, proveremo a portare a casa il risultato nonostante la differenza di valori in campo».

D’Aversa e il possibile turn over: «Quando hai tre gare in una settimana pensi a fare dei cambi, magari qualcuno non ha recuperato al 100%. In difesa e in avanti ho tante alternative, le difficoltà sono a centrocampo avendo quattro giocatori per tre ruoli. Bisognerà considerare la condizione fisica. E poi avremo l’Empoli in casa nel turno successivo. In ogni caso, il mio pensiero è quello di mettere i migliori giocatori contro il Napoli».

L’incontro con Ancelotti: «Parliamo di un tecnico che non ha niente da dimostrare, ha già fatto tantissimo in Italia e in Europa. È sempre stato un grande nella gestione del gruppo, tutti i calciatori hanno sempre parlato benissimo di lui, sia chi giocava sia chi non giocava. Io ho avuto la fortuna d’incontrarlo nel mio ultimo anno di settore giovanile. Però adesso conta solo portare un risultato a casa».

Il Parma e le scelte di formazione: «Siamo stati bravi a non far calare la tensione dopo il successo contro l’Inter. Dovremo stare compatti e provare a rendere difficile la vita al Napoli, che ha giocatori devastanti tra le linee e in azione personale. Gervinho titolare o no? Non ve lo dico, di certo inserirlo nel finale può essere devastante per le difese avversarie. Allo stesso tempo, però, bisogna avere motivazioni valide perché si possa pensare di privarsi di lui. Se riesce a giocare con continuità è preferibile metterlo in campo dal primo minuto. Ciciretti? Potrebbe anche partire dall’inizio, l’infortunio è stato messo da parte. Mi sarebbe piaciuto dargli più spazio in precedenza, adesso bisogna considerare che sarebbe la prima da titolare dopo tanto tempo»

 

 

 

 

 

 

 

 

ilnapolista © riproduzione riservata