Zoff: «Il Napoli mi ha sorpreso: ha un gruppo di qualità, non serviva comprare senza senso»

Dino Zoff commenta l’avvio di campionato sulla Gazzetta: «Ancelotti aveva il calendario più complicato, haa cominciato con due grandi risultati».

Zoff: «Il Napoli mi ha sorpreso: ha un gruppo di qualità, non serviva comprare senza senso»

Il commento sulla Gazzetta

Dino Zoff analizza l’avvio di campionato con un articolo di commento sulla Gazzetta. Il suo giudizio sul Napoli è positivo, soprattutto in senso di sorpresa dopo un’estate complessa. Leggiamo: «Nelle amichevoli erano emerse delle difficoltà, Ancelotti aveva il calendario più complicato. La rimonta sul Milan, che ritengo un’ottima squadra, è stata straordinaria. Un ottimo inizio per gli azzurri».

Sulla squadra affidata ad Ancelotti e sulla percezione del calciomercato: «Spesso nelle valutazioni alla vigilia di un campionato si indugia troppo sul mercato e sugli acquisti. Non bisogna guardare, però, solo ai nomi. Il Napoli ha già un gruppo consolidato e di qualità. Per migliorarlo serviva Cristiano Ronaldo, e l’ha preso la Juventus, o Messi o Modric. Comprare per comprare non ha molto senso. E allora bene ha fatto De Laurentiis a puntare su un tecnico esperto come Ancelotti. Io sono uno che crede nei numeri dello sport. E se quelli della Juve sono eclatanti, non sono da meno i successi di Carlo in Italia e in Europa. È tornato per mettersi in gioco in un club che non ha vinto molto, ma ha un pubblico eccezionale».

Zoff e la crescita del Napoli: «Ha cominciato con due grandi risultati. Ora potrà lavorare meglio, con un ambiente entusiasta intorno. Ha una buona rosa e la capacità di capire i momenti in cui cambiare uomini o modulo. Perché alla fine, al di là della teoria, serve molto buon senso. E ad Ancelotti non manca».

Le altre

Zoff analizza anche l’avvio delle altre squadre: «La Juventus ha dato subito un segnale di forza enorme. Allegri ha già dimostrato di saper gestire una rosa ancor più completa e competitiva. E i meriti sono suoi e anche della società per il mercato. Il fatto che Cristiano Ronaldo non abbia ancora segnato ci può stare e il giocatore non si può discutere. L’approccio del portoghese è stato eccellente: da campione, non da prima donna. La Champions distrarrà i bianconeri? Non penso, sono abituati a primeggiare. E vincere aiuta a vincere. Non credo in strategie a tavolino. E poi guardate cosa è successo nella stagione scorsa al Napoli di Sarri. Ha tralasciato le coppe e poi in campionato non è andata come sperava».

Inter, Milan e Roma: «L’Inter mi pare debba trovare una identità tattica per sfruttare al meglio la campagna acquisti. E poi magari è meglio non si parli più di Modric. Nel Milan invece credo molto, perché può sfruttare il buon lavoro già realizzato da Gattuso nella seconda parte della stagione. E poi se Higuain torna a essere Higuain… Infine, la Roma: la nuova squadra mi piace. Ha
cambiato parecchio e Di Francesco deve trovare nuovi equilibri. Ma non è partita male, contro l’Atalanta non era semplice recuperare la partita. Sintomo di convinzione del gruppo, che ha giocatori di personalità»

ilnapolista © riproduzione riservata