Mancini: “In Italia non abbiamo un Baggio e un Totti, ma ci sono giovani di qualità”

Il CT Mancini intervistato da Radio Deejay: “I giovani italiani devono giocare”.

Mancini: “In Italia non abbiamo un Baggio e un Totti, ma ci sono giovani di qualità”

L’intervista a Radio Deejay

Roberto Mancini, CT della nazionale italiana, è intervenuto in diretta a Radio Deejay per parlare del campionato di serie A: “Sempre meno italiani in campo? È un problema, effettivamente. Spero che riescano a giocare più italiani, quelli in panchina sono bravi e possono migliorare. In questo momento storico, non abbiamo un Baggio o un Totti ma possono emergere elementi con buone qualità. In passato mancavano i difensori, poi sono tornati, ora mancano altri ruoli”.

Mancini su Bernardeschi: “Ha qualità enormi, le ha messe in evidenza anche a Firenze. È ovvio che alla Juve si giochi per vincere ogni gara. È migliorato per qualità e personalità”.

Baotelli, Jorginho e Verratti: “Marco ha problemi fisici, Mario aveva la chance di andare al Marsiglia, ma l’importante è che giochi con continuità. Jorginho è stato tra i migliori centrocampisti in Europa quando era a Napoli, giocare al Chelsea lo migliorerà molto. Fisicamente e tecnicamente“.

La Serie A: “La Roma ha giocato un’ottima partita a Torino, ha tanti giovani. Sarà una squadra stuzzicante. Voglio vedere il Milan, mentre l’Inter come la Juve è migliorata molto col mercato estivo“.

ilnapolista © riproduzione riservata