Gazzetta: Manca solo il sì di Verdi per chiudere l’operazione col Bologna

Il quotidiano milanese individua le differenze rispetto allo scorso gennaio, alla trattativa saltata in extremis. E pone gli obiettivi dell’intero mercato, al netto delle cessioni: due portieri e un terzino destro.

Gazzetta: Manca solo il sì di Verdi per chiudere l’operazione col Bologna

Da gennaio ad oggi

Si parte da Verdi, come se gennaio 2018 non fosse mai passato. Solo che questa volta l’epilogo potrebbe/dovrebbe essere diverso, come fa intendere la Gazzetta dello Sport nel suo punto mercato. Leggiamo: «L’accordo tra le società, sulla base di 25 milioni di euro, risale appunto all’inverno e non prevede sostanziali novità. Anzi, è bello e pronto per essere siglato. Questo aspetto pone il Napoli in netto vantaggio sulla concorrenza di Inter e Roma, necessariamente “ingessate” per almeno un mese visti i paletti Uefa del Fair Play finanziario. Per centrare l’obiettivo serve solo l’ok del ragazzo, che non tarderà ad arrivare».

Insomma, ci siamo. Dovremmo esserci. Anche perché «ci sono non poche differenze rispetto a gennaio quando Simone non se l’è sentita di lasciare Bologna e tradire l’affetto della gente del Dall’Ara (ma non ha mai rifiutato, sia chiaro, Napoli ed il Napoli). Anzi, in quei giorni Verdi si era anche sentito con Maurizio Sarri, suo mentore ad Empoli, per capire quale spazio avrebbe avuto. Alla fine, però, aveva maturato, per svariate ragioni, la scelta di restare in rossoblu e nel contempo al fianco della fidanzata Laura».

Gli altri nomi

Per quanto riguarda il resto del calciomercato, tutto parte da obiettivi chiari e delineati: due portieri, un terzino destro, Verdi come esterno d’attacco. Poi, qualcos’altro arriverà in caso di cessioni. La Gazzetta scrive di Giuntoli attivo sul mercato degli estremi difensori, tra Rui Patricio (che ha chiesto la rescissione), Areola e Leno, Per quanto riguarda il laterale basso, Vrsaljko potrebbe diventare un obiettivo sensibile solo in caso di addio di Hysaj. Altrimenti, dentro un’alternativa come Bereszynski. Infine, il regista: De Laurentiis ha spiegato di aver “bloccato” Jorginho, in realtà la sua è solo una mossa per ottenere più soldi dal City. Che, a sua volta, dovrebbe alla fine soddisfare le richieste del presidente del Napoli. Solo dopo arriverà il sostituto: pronti 30 milioni da destinare alla Sampdoria per Torreira o al Betis per Fabian Ruiz.

ilnapolista © riproduzione riservata