De Laurentiis: «Se finiremo sei punti dietro alla Juve, qualcuno ci avrà tolto lo scudetto»

Aurelio De Laurentiis durante la conferenza stampa di presentazione del ritiro di Dimaro: «Non dobbiamo avere paura di dirlo, nel calcio ci sono condizionamenti esterni».

De Laurentiis: «Se finiremo sei punti dietro alla Juve, qualcuno ci avrà tolto lo scudetto»

Un estratto della conferenza stampa

Durante la conferenza stampa di presentazione del ritiro di Dimaro, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha parlato dell’andamento del campionato, dal punto di vista arbitrale. Queste le sue frasi: «Il calcio è complesso, la palla può andare a destra e a sinistra. Ci sono dei condizionamenti esterni che sono al limite della liceità, non c’è stata ancora una chiarificazione su quanto sia lecito e non illecito nel mondo del calcio. Noi cerchiamo di condurre la nostra azienda da persone perbene, divertendoci».

«Vediamo di vincere nelle prossime due partite – continua De Laurentiis -, in modo da poter dire a chi ha creato casino: “Strunz!”. Alla napoletana. Così vediamo se sono reali questi punti che mancano. Se dovessimo mantenere questa distanza di sei punti anche a fine campionato, vorrà dire che gli otto punti che mancano per mancate applicazioni della Var e comportamento discutibile degli arbitri danno lo scudetto al Napoli. Dobbiamo dire le cose come stanno, non dobbiamo avere paura. In Italia, questo atteggiamento silente porta ad accettare la mafia, la mafia di stato, la camorra, la sacra corona unita. Il nostro è il paese più inquinato al mondo. E la colpa è anche nostra. Del nostro silenzio».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Come riuscire ad avere torto marcio pur avendo sostanzialmente ragione: secondo me ci hanno tolto pochissimo (mica siamo la Lazio ) e hanno invece regalato tantissimo alla Juve, che nel girone di ritorno non ha nulla da recriminare nelle poche partite dove ha perso punto mentre è stata favorita con un episodio a suo favore in un momento “topico” in sei o sette partite, nelle quali ha poi faticosamente vinto. Ma una cosa è dirlo con forza prima, ad esempio dopo l’episodio più che dubbio di Alex Sandro contro la Fiorentinae i veri e propri furti quasi conseucutivi con Cagliari e Lazio (magari dopo si sarebbero frenati…) un’altra alla fine e in modo così scomposto, non argomentato e ad essere buoni cabarettistico. Se fosse serio si farebbe paladino di una riforma immediata del VAR e del ripristino del sorteggio arbitrale integrale (le “designazioni” tassello importantissimo della famosa sudditanza).
    Dal lato della tifoseria non sarebbe male che qualche sito o giornale o club organizzasse un serio boicottaggio delle pay-per-view, ad esempio con disdetta coordinata degli abbonamenti almeno per luglio e agosto e ritorno all’abbonamento dopo segnali concreti di maggiore obiettività (un solo ex-juventino per rete già sarebbe una prima richiesta equa, oppure cooptazione di altri non sospettabili di simpatie juventine o addirittura ostili dichiarati tipo Pistocchi)

  2. se il presidente è così convinto che “ci hanno fatto perdere lo scudetto”, come mai è stato zitto per così tanti giorni ? io, nel mio piccolo, l’ho capito appena dopo inter-scornacchiati e, se fossi stato il presidente della società così palesemente danneggiata, qualcosa l’avrei fatta. cosa ? qualcosa di clamoroso. ad esempio schierare la primavera. magari proprio a firenze. se si tace allora si è collusi. parlare così in ritardo è inutile è avvalora l’effetto piangina di cui spesso siamo accusati.

    • Forse perché a conti fatti il Napoli ha un saldo favori/errori migliore di quello della Juve.

    • Giovanni Cuglini 11 maggio 2018, 13:00

      ma non mandate il cervello al macello e fatevi una vostra opinione ragionata ed onesta, strano caso il Presidente ha fatto queste dichiarazioni populiste e ridicole, dopo essere stato contestato allo stadio….vi pubblico una cosa ufficiale x capire di che parliamo:
      CLASSIFICA AGGIORNATA TRATTA DA CALCIOMERCATO.COM

      CLASSIFICA (squadra – sviste a favore – errori contro – saldo):
      Roma 6 – 1 (+5)
      Napoli 4 – 0 (+4)
      Atalanta 5 – 1 (+4)
      Milan 6 – 3 (+3)
      Cagliari 8 – 5 (+3)
      Genoa 5 – 2 (+3)
      Chievo 2 – 0 (+2)
      Sampdoria 5 – 4 (+1)
      Benevento 4 – 3 (+1)
      Fiorentina 6 – 5 (+1)
      Inter 4 – 4 (0)
      Bologna 4 – 5 (-1)
      Crotone 3 – 4 (-1)
      Verona 2 – 4 (-2)
      Juventus 4 – 7 (-3)
      Udinese 2 – 5 (-3)
      Sassuolo 0 – 3 (-3)
      Torino 3 – 6 (-3)
      Lazio 3 – 7 (-4)
      Spal 2 – 9 (-7).

  3. Giulio Valerio Maggioriano 10 maggio 2018, 19:13

    Tranquillo che finisci a -9…

  4. Delamentisback

  5. La colpa è anche nostra e soprattutto di tutta la Serie A, arrivati a questo punto omertoso. Esempio? FIRENZE dichiarati stoici nemici juventini, aspettano il Napoli in quel modo becero cafone. Qua sotto non ci piove, lo sappiano quei porci toscani.

Comments are closed.