Sarri: «Non mi arrendo mai, nemmeno di fronte alla matematica»

Sarri a chi accusa il Napoli di resa. «La gara a Torino sarà difficilissima, ma vogliamo giocarcela. Il Napoli si è arreso? Basta, altrimenti mi arrabbio!»

Sarri: «Non mi arrendo mai, nemmeno di fronte alla matematica»
Sarri (Ciambelli)

Interessante l’intervista di Maurizio Sarri ai microfoni della Rai.

L’allenatore azzurro ha chiarito la discussione avuto con Biglia al termine della gara: «Dal campo sembrava che l’argentino volesse aspettare Insigne nel sottopassaggio e questo m’ha fatto arrabbiare. Poi abbiamo parlato e mi ha fatto capire che la discussione era su tutt’altre cose, e abbiamo chiarito»

Su Milan-Napoli

Nelle sue considerazioni sulla partita contro il Milan ha confermato la prestazione positiva: «Era difficile, abbiamo avuto un’attenzione difensiva di altissimo livello, abbiamo concesso davvero poco, creando le nostre 5-6 situazioni per vincere. Non ci siamo riusciti per una prodezza del portiere avversario, se c’è di mezzo Donnarumma può succedere»

Critico con chi non capisce gli evidenti passi avanti della sua squadra che per un pareggio a San Siro sarebbe stata esaltata fino a tre anni fa. «Non siamo il Real Madrid, non siamo il City, siamo una squadra che ha costruito un’identità col lavoro, ma può avere qualche difficoltà»

Ha risposto anche alle critiche che gli imputano di non dare abbastanza spazio a Milik «Forse sbaglio, ma mi sembra di averlo fatto entrare al 16’ del secondo tempo, non credo sia entrato tardi. Negli ultimi 14 mesi è stato indisponibile 8, praticamente ha lavorato solo due mesi con noi. Sta bene per quello che ha vissuto, nelle prossime potrebbe partire titolare»

Sul campionato

«Non avevamo nessun obbligo di vincere il campionato. Abbiamo tenuto testa a squadre che hanno fatto delle campagne acquisti mostruose. Noi in questi anni non ne abbiamo fatte, abbiamo proseguito il nostro lavoro, spesso, immettendo qualche giovane»

Un Napoli che si è arreso

«Basta, altrimenti mi arrabbio! Non ho mai parlato di classifica, come fate a dire che ho parlato di resa. Siamo seri per favore. Le mie parole sono abbastanza chiare: nessuna resa. Stiamo facendo un campionato strepitoso, se riusciamo a fare qualcosa in più siamo contentissimi. La gara a Torino sarà difficilissima, ma vogliamo giocarcela. Fino a ora loro sono stati più forti di noi. Non mi arrendo mai, nemmeno di fronte alla matematica. Pretendo che la mia squadra dia il 101% fino all’ultimo minuto dell’ultima giornata. Vogliamo battere il record di punti e proveremo a fare qualcosa in più, sappiamo che la Juve è più forte di noi, lo ha dimostrato nei sei anni passati»

ilnapolista © riproduzione riservata