Al Bellini “White Rabbit, Red Rabbit” dell’iraniano Soleimanpour

Lo spettacolo che ha collezionato oltre mille repliche in tutto il mondo. Venerdì al Freqency la cantautrice catanese Katres

Al Bellini “White Rabbit, Red Rabbit” dell’iraniano Soleimanpour

Gli appuntamenti

Un esperimento di teatro al Piccolo Bellini, le opere di Nunzio alla Galleria Casamadre, la musica “rivoluzionaria”  senza direttore dell’orchestra Spira Mirabilis e il live della cantautrice Katres. Ecco una selezione degli appuntamenti in città e in provincia tra il 20 e il 26 febbraio 

Piccolo Bellini

Un copione in busta chiusa per un gioco teatrale intriso di mistero. Ma soprattutto “un esperimento sociale in forma di spettacolo”. È la definizione che si porta dietro White Rabbit, Red Rabbit, progetto firmato dall’iraniano Nassim Soleimanpour, che dal 2011 – anno del debutto all’Edinburgh Fringe Festival – ha collezionato oltre mille repliche in tutto il mondo. Dal novembre scorso è arrivato anche al Piccolo Bellini, che lunedì 26 febbraio ne ospita, alle 21, il quarto appuntamento con protagonista l’attore napoletano Giovanni Esposito. Sul palco pochi elementi: sedia, leggio e due bicchieri. Lo stretto necessario per l’interprete che affronterà un testo mai letto, senza regia e senza prove. Una volta in scena, l’attore – che non conosce lo spettacolo – dovrà aprire la busta, leggere il copione e lasciarsi guidare dal testo coinvolgendo anche il pubblico. Per informazioni, rivolgersi qui

Teatro Sannazaro

Torna a Napoli l’orchestra Spira Mirabilis, formazione nata nel 2007 e composta da 37 giovani musicisti di nazionalità differenti, già in organico di diversi ensemble europei di prestigio. Appuntamento giovedì 22 febbraio, alle 20.30, al Teatro Sannazaro con il concerto targato Associazione Alessandro Scarlatti. Spira Mirabilis si esibirà come di consueto senza direttore ed eseguirà un solo brano: la Sesta Sinfonia “Pastorale” di Beethoven. “Qualche tempo fa abbiamo ascoltato una Pastorale del 1937 – spiegano i musicisti – una registrazione storica che testimoniava una maniera di fare musica senza inibizioni, senza complessi. Sembrava che la sinfonia venisse composta dai musicisti in quel momento. L’ascolto di questa interpretazione (e di molte altre di quel periodo) ci ha fatto venire voglia di provare una lettura della Pastorale più libera di quella che avevamo dato in passato ma, soprattutto, ha sincronizzato i desideri di tutti.” In programma, prima del concerto, un’introduzione a cura dei musicisti di Spira Mirabilis. A seguire, invece, un dibattito con il pubblico.

Info http://www.associazionescarlatti.it/Eventi/concerto-n-16-spira-mirabilis/

Casamadre 

Sarà inaugurata giovedì 22 febbraio, alle 19.30, alla Galleria Casamadre a Palazzo Partanna in piazza dei Martiri, la personale dell’artista abruzzese Nunzio, dal titolo “Giallo di Napoli Nero Pece Blu Cobalto”. Buio e luce per l’installazione curata da Nunzio “caratterizzata – si legge nell’articolo dedicato da Repubblica Napoli all’evento il 19 febbraio – da una serie di sculture che definisce ‘di carbone’, perché realizzate con legno che lui stesso brucia, e bassorilievi concavi a parete di piombo su un telaio di legno”.  Info www.lacasamadre.it/arte-contemporanea/ 

Freqency

Si intitola “Araba Fenice” (Giungla Dischi) il nuovo album di Katres, alias Teresa Capuano, cantautrice catanese ma che da anni vive a Napoli. L’artista presenterà il disco, prodotto da Daniele Sinigallia, venerdì 23 febbraio alle 22 con un live al Freqency di Pomigliano d’Arco, in via dei Romani 11. Si tratta del secondo lavoro discografico di Katres, già vincitrice l’anno scorso del Premio Stil Novo al Lunezia grazie al primo singolo estratto dall’album “Ormai ho deciso” e del premio DiscoDays Giovani. Info https://www.facebook.com/events/1543842042330036/

 

ilnapolista © riproduzione riservata