Gianni Mura: «I più riluttanti a usare il Var sono proprio gli arbitri»

L’editorialista di Repubblica: “Guida a Firenze ha sbagliato due volte: il rigore c’era e non è andato a guardare le immagini in tv”

Gianni Mura: «I più riluttanti a usare il Var sono proprio gli arbitri»
Gianni Mura

Guida a Firenze ha sbagliato due volte

Anche Gianni Mura, oltre a Mario Sconcerti, fa una riflessione sul Var. Nella sua tradizionale rubrica domenicale su Repubblica. “Sette giorni di cattivi pensieri”.

Mura parte dall’episodio di venerdì sera a Firenze, scrive di caso limite ma scrive anche Guida ha sbagliato due volte. “La prima: il rigore c’era. La seconda: perché non è andato di persona a controllare le immagini? Questo è un errore psicologico: se tu arbitro non ti muovi e aspetti il responso di un collega, molti pensano che tu sia condizionato o prevenuto. Pensieri che è sempre meglio evitare ed è per evitarli che Var è stato creato. Come rete di salvataggio per gli acrobati del fischietto, dei contorsionisti dell’interpretazione, dei giudici giudicanti ma anche dei giudicati…”

Il passaggio finale su Rizzoli e la riluttanza degli arbitri. “Nicola Rizzoli, designato a spiegare il come e il perché, la rava e la fava, da mesi sta dicendo che Var è alleato degli arbitri, non nemico. Ma i più riluttanti a servirsene sembrano gli arbitri, non tutti. Guida poteva benissimo rivedere le immagini e decidere di testa sua, ma ha rinunciato a farlo e ha preferito che decidesse un collega”.

 

ilnapolista © riproduzione riservata