La Roma ha bisogno di soldi, deve vendere. Sacrificato Dzeko?

La difficile situazione della società di Pallotta nonostante il record di plusvalenze: bilancio in rosso e senza Champions sono dolori

La Roma ha bisogno di soldi, deve vendere. Sacrificato Dzeko?

Nonostante il record di plusvalenze

Non bastano alla Roma di Pallotta i trecento milioni di plusvalenze tra il 2011 e il 2017, con il record di 94,8 della stagione 2016-2017 (con le cessioni di Salah, Ruediger e Paredes). La società ha bisogno di fare cassa. Lo dicono i movimenti di mercato, con il Chelsea disposto a offrire sessanta milioni di euro per Dzeko ed Emerson Palmieri. Lo scrive chiaro e tondo la Gazzetta dello Sport: l’ultimo bilancio si è chiuso in perdita con un meno 41 milioni. Il quotidiano, con Marco Iaria, rivela come il fatturato dipenda ancora troppo dai risultati e soprattutto dall’ingresso in Champions, il settore commerciale non abbia mai dato i risultati sperati e che il monte ingaggi sia sempre alto (145 milioni nel 2016-2017).

La Roma ha fatto ricorso ad alcune operazioni, come l’aver dato i propri beni in pegno a Goldman Sachs oltre a una continua serie di ricapitalizzazioni. Senza dimenticare il fair play finanziario.

Il club ha sforato i parametri del break- even con il pesante rosso dell’ultimo bilancio e rischia ulteriori sanzioni, imponderabili dal momento che è già sottoposto al settlement agreement. In primavera si saprà.

ilnapolista © riproduzione riservata