La risposta della Curva Nord dell’Atalanta: «Il nostro non è razzismo, ma campanilismo»

Il comunicato firmato Curva Nord Bergamo 1907: «Essere tacciati di razzismo ci ferisce, abbiamo accolto a Bergamo Makinwa e Migliaccio. Lasciateci vivere con fantasia le nostre rivalità».

La risposta della Curva Nord dell’Atalanta: «Il nostro non è razzismo, ma campanilismo»

Il comunicato ufficiale

Ieri è arrivata la decisione del Giudice Sportivo in merito ai cori razzisti, a Bergamo, contro Kalidou Koulibaly e i napoletani. La sentenza di chiusura della Curva Nord Pisani è stata sospesa per un anno, “in attesa” del reiterarsi di nuovi episodi. Sui social e sul sito Sportpeople viene riportato il comunicato ufficiale del tifo organizzato dell’Atalanta in Curva Nord. Nel testo, che alleghiamo integralmente sotto, mancano riferimenti agli oggetti (la bottiglietta) che hanno colpito Koulibaly dopo il gol di Mertens.

I tifosi dell’Atalanta fanno risalire i loro cori e i loro “buu” alla semplice rivalità calcistica, non al colore della pelle. E per quanto riguarda le offese contro il popolo napoletano, il loro riferimento sta nel «campanilismo» del rapporto tra questo i termini “terroni” e “polentoni”. Il documento è firmato Curva Nord Bergamo 1907.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Ho letto i suoi primi bei libri. Ma da quando ha preso questa deriva da opinionista-tifoso mi ha fatto passare la voglia di leggerlo.

    • Lui parla solo in modo intreessato. Più fa il populista più comprano i suoi libri secondo lui.

  2. Con fantasia, libertà … e bottiglietta!

  3. PS Migliaccio quando giocava a Palermo disse di Napoli; quando ritorno al mio paese Mugnano, faccio di tutto per fare un giro largo e non passare per Napoli. Questo è partenopeo? no partenopei si nasce in loco, lui no da queste affermazioni. Forse perchè il Napoli, da quando giocava al Paese vicino Giugliano, non lo ha mai ca…..to.

  4. Campanilismo? quando verranno a Napoli, getteremo in faccia a lora bottiglie piene di piscio e le definiamo campanile goliardia di campanile. Ma la sanno la differenza tra campanilismo e becero razzismo del becero popolo bergamasco? Il campanilismo è tra quartieri cittadini ecco i campanili più belli più alti più maestosi per inteso, no Regioni che sono centinaia di KM distanti come Lombardia e Campania. Inventatevene un’altra che questa non regge. Ma dico, tifate per la vostra squadra, l’Atalanta, per questo si va allo Stadio per sostegno alla propria squadra cittadina. A Napoli i napoletani tifano solo esclusivamente per il Napoli, altro contro l’avversario e il loro pubblico si pensa relativamente, zero quello che conta è la propria squadra. Questo lo intendete o per voi fare razzismo becero è campanile è goliardia, no è BECERUME. Forza “intelligenti emancipati” siamo nel 21°mo Secolo e stiamo con queste idiozie razziste. Crescete!

  5. 90 mila euro in dieci anni sono una cifra ridicola

  6. confy1926 fnsempre 24 gennaio 2018, 20:08

    Idee un tantino distorte sul concetto di razzismo e campanilismo. Ma erano sobri quando hanno realizzato il comunicato?

  7. “Non siamo noi che siamo razzisti, sono LORO che sono napoletani!”. Ricordate? Stamme sempe llà.

  8. “……… Accusiamo altri di razzismo quando ci danno dei contadini che zappano la terra ?!”
    Poverini, in fondo in fondo anche loro sono dei terroni

  9. Colpa tua che li segui. Alvino fa passare il genio pure a mio padre che ha 81 anni e non perde una partita (in TV o radio) dagli anni 50.
    De Giovanni lo conosco poco, ma la sua bravura di scrittore (riferitami da amici di cultura classica superiore alla mia) e’ superata dai commenti da webete che leggo quando si parla del Ciuccio e di nord-sud.
    Detto questo, le parole della curva Atalantina sono da Zelig.

    • Forse hai ragione. Ma i toni pacati ed un pò vintage di Bartoletti mi piacciono. È un modo di raccontare lo sport ed il calcio in maniera serena. Su De GIovanni sottoscrivo la tua considerazione.

  10. La verità è che ci schifiamo reciprocamente e quindi noi abbiamo goduto a fargli la siringa e loro sono andati in freve. Si erano allummati un pò troppo. Ora tentano di salvare la faccia

  11. So’ bravi ragazzi, non sono loro a essere razzisti è Kalidù a essere troppo abbronzato. Fratelli d’Italia? Kalidù fratammè!

  12. Giuseppe Scazziota 24 gennaio 2018, 15:53

    dispiace averli feriti metaforicamente, rispetto questa sensibilità d’altri tempi. A quanto sembra invece la bottiglietta tirata a Koulibaly la ferita la voleva provocare non nello spirito ma nel corpo. Potere della goliardia!

Comments are closed.