Applausi a Venezia per il cinema napoletano: ieri la Gatta Cenerentola, oggi i Manetti Bros

È stato il giorno della proiezione dell’atteso “Ammore e malavita” che segue l’apprezzatissimo “Song’e Napule” dei due fratelli romani

Applausi a Venezia per il cinema napoletano: ieri la Gatta Cenerentola, oggi i Manetti Bros
I Manetti Bros

Doppio successo

Doppio colpo napoletano a Venezia. Dopo la standing ovation ottenuta da Gatta Cenerentola, il film di animazione della Mad Entertainment, ancora Napoli, ancora musica, ancora applausi per Ammore e Malavita. La “sceneggiata pop” dei Manetti Bros, in concorso per il Leone d’oro alla 74esima edizione della Mostra internazionale d’Arte Cinematografica organizzata dalla Biennale di Venezia, è stata proiettata stamattina ed è arrivato il primo grande successo.

La storia diverte, la musica coinvolge. Con Ammore e Malavita i Manetti hanno mantenuto la promessa fatta con il loro precedente lavoro, Song ‘e Napule, il film uscito nel 2014 che al Festival internazionale del film di Roma, nella sezione Fuori Concorso, è stato il più applaudito della rassegna.

Un musical

Nel musical c’è la camorra e c’è il sentimento. Il tutto nella personalissima versione ironica e smaliziata, a tratti surreale, alla quale ci stanno abituando i registi romani. I personaggi si muovono da Scampia a Posillipo, dalla Sanità al centro storico, fino alle strade di New York, sui testi-sceneggiatura del cantautore napoletano Nelson che ha scritto le 15 canzoni che compongono la colonna sonora.

Ci sono Ciro (Giampaolo Morelli), un terribile killer, e Rosario (Raiz), l’altro “cattivo”, entrambi agli ordini di don Vincenzo (Carlo Buccirosso), detto “o’ rre d’o pesce”, e di sua moglie, donna Maria (Claudia Gerini). Poi c’è Fatima (Serena Rossi), un’infermiera romantica,  eterna sognatrice. A Ciro viene commissionato di sbarazzarsi di Fatima, ma il loro incontro si rivela più fatale del previsto. I due da adolescenti erano innamorati.

Ammore e Malavita sarà al cinema a partire dal 5 ottobre.

ilnapolista © riproduzione riservata