Lo stadio di Verona grida “scimmia” a ogni giocatore del Napoli annunciato dallo speaker

Con l’avvento di Tavecchio il calcio italiano ha deciso di arrendersi al razzismo, e questi sono i risultati. Una multa di 15mila euro potrà mai invertire il trend?

Lo stadio di Verona grida “scimmia” a ogni giocatore del Napoli annunciato dallo speaker
Lo “storico” striscione dei veronesi all'indirizzo dei tifosi del Napoli: “Benvenuti in Italia”

L’annacquamento voluto da Tavecchio

Il calcio italiano si è ufficialmente arreso al razzismo e alla cosiddetta discriminazione territoriale con l’avvento del presidente della Federcalcio Carlo Tavecchio. L’annacquamento delle norme fu al primo posto del suo programma politico e venne votato praticamente da tutti presidenti di Serie A (compreso De Laurentiis). La correzione Tavecchio pose fine alla breve stagione della chiusura dei settori e degli stadi italiani per razzismo. Stagione che venne ferocemente contestata da tanti media, Sky Sport in testa, che derubricarono i cori discriminatori al rango di sfottò.

Una pratica diffusa al Bentegodi, non solo col Napoli

E così oggi negli stadi italiani è possibile ascoltare quel che è avvenuto ieri sera a Verona, con lo stadio intero che accompagnava col grido “scimmia” ogni calciatore del Napoli annunciato dallo speaker. Un’usanza, se così la vogliamo chiamare, che al Bentegodi accompagna più squadre avversarie, non soltanto il Napoli. Ma in questo caso non vale il detto: mal comune mezzo gaudio. Una pratica indecente, da sottosviluppo culturale. La società scaligera se la caverà – come da legge – con una multa che sarà più o meno di 15mila euro. La domande adesso è: davvero il calcio italiano pensa di risolvere il problema – sempre che si ponga l’obiettivo di risolverlo – con multe di 15mila euro?

Napolista ilnapolista © riproduzione riservata
TERMINI E CONDIZIONI
  • drnice

    è un problema che la federazione non vuole risolvere. e non la risolverà.

    • aristoteles logatto

      I cori a Verona? I CORI A VERONA? Ma nessuno ha visto cosa è successo nel dopopartita con lanci di oggetti vari e “sediolini” sui Napoletani? Quel campo va chiuso e basta

      • drnice

        giustissimo.

  • Nemo

    Bestie …. al pari di chi inneggia all’Heysel a Superga e al Vesuvio.

  • Gianni Scotto

    Alla partita era presente anche il sindaco di Londra Kahn. Spero proprio che qualcuno gli abbia spiegato cosa stava gridando il pubblico dello stadio.

  • Paolo Rossi

    Vado controcorrente. I tifosi Hellas gridano scimmia da anni, anzi si può dire che noi abbiamo avuto un trattamento di “favore” infatti a noi è toccato solo oggi per la prima volta . Questo ovviamente significa che la premessa dell’articolo è insussistente in quanto Tavecchio nel caso specifico non c’entra niente . Oltre multe mai fatto niente contro i veronesi in passato mentre la curva era chiusa ieri sera (se non sbaglio ). Ma non è questo punto il punto ; la questione è piuttosto cosa è razzismo nei cori e cosa è sfottò . Perché ‘scimmia’ è politicamente scorretto se gridato a Buffon durante la chiamata della formazione e ‘bastardo’ magari detto da noi allo stesso Buffon (ad ogni rilancio si bada bene ) invece è più giustificato ?

    • Alfonso Di Maio

      Bastardo è una parola italiana che identifica un certo tipo di persona, forse non è l’aggettivo migliore per definire Buffon, che definirei più che altro infimo.
      La parola scimmia, detto dai veronesi ai napoletani, è becero razzismo, non c’è bisogno di spiegarne il motivo.

      • entomologo

        Vediamo se stavolta riesco a non farmi censurare: la parola che il pubblico giuventino grida ad ogni rinvio del portiere avversario (compreso quando in curva ci sono solo innocenti bambini) e che spesso viene gridata alla lettura delle formazioni avversarie in molti stadi italiani, è un insulto tanto fastidioso quanto la parola scimmiA. Che si fa, si chiudono le curve di mezza serie A? Oppure si fa la differenza perché in un caso si tratta di “insulto discriminatorio” e nell’altro caso di “insulto semplice”?

        • michele o pazzo

          Certo che un insulto discriminatorio è differente da un insulto semplice.
          Prova a portare uno striscione antisemita allo stadio e vedi se non ti ritrovi la digos a casa e la tua foto sui giornali di tutto il mondo….

          • entomologo

            Ah, ecco. Però a questo punto mi chiedo come fare a capire quando l’insulto è discriminatorio: lo stesso insulto gridato ai giocatori del Napoli e dell’Inter è discriminatorio solo nel primo caso? A partire da dove vale la regola? Contro la Roma si è contro la Lazio no?

          • michele o pazzo

            Discriminatorio è quando si discrimina, se si insulta tutti allo stesso modo, evidentemente, non si discrimina.
            Io non sono (per mia fortuna) mai stato al bentegodi, ma se lo fanno con tutti, come tu dici, non c’è discriminazione, per come la vedo io.
            Gli insulti discriminatori, a mio modo di vedere, sono quelli più semplicemente intuibili, quando si insulta un napoletano in quanto napoletano, un nero in quanto nero, un ebreo in quanto ebreo, un omosessuale in quanto omosessuale ecc. Insomma dire che i napoletani puzzano, tirare le banane ai neri e cose simili. Dire st…zo a un nero, un napoletano o chiunque altro non è discriminatorio, talvolta è doveroso.
            Personalmente io sarei per non chiuderle mai le curve, qualsiasi sia l’insulto, ma questo è un discorso lungo, la cosa che mi lascia perplesso è che se insulti un nero o un ebreo ti chiudono lo stadio, mentre se insulti un napoletano ti fanno una multina.
            A me pare, per quanto paradossale, discriminazione pure questa…

      • Paolo Rossi

        Il termine scimmia viene usato dai veronesi contro tutte le squadre di serie A però nessuno ne ha parlato in termini razzisti fino ad ora. Ora che è toccato al Napoli tutti ad indignarci. Ci siamo ridotti a considerarci una sorta di riserva indiana, smettiamola di pensare che tutto ciò che è rivolto a noi ha connotazioni razziste.

  • Nevio Pizza

    fossi nel napoli, emetterei un comunicato stampa in cui si spieghi per filo e per segno che il silenzio stampa continuerà (oltre che per motivi che sono esclusivamente del calcio napoli) fino alla risoluzione dei problemi riportati nell’articolo. a quel punto poi voglio vedere cosa succede.

    • drnice

      allora per i prossimi tre campionati la voce dei tesserati del napoli ce la dovremo dimenticare. soluzione radicale secondo me impraticabile ma una soluzione.

      • Nevio Pizza

        ma solo a me interessa poco ascoltare le solite parole dei calciatori?
        l’unico che mi piacerebbe ascoltare è sarri….ma se l’intervista dopo partita dev’essere una valanga di ovvietà alle quali il mister deve rispondere “da contratto” allora mi tengo il silenzio. scommettiamo che questi pseudo-giornalisti avrebbero trovato il modo di chiedere di higuain?

  • alfonso

    Problema che nasce da lontano e la federazione non può risolvere. Certo chi viene ripreso a cantare questi cori dalle telecamere andrebbe identificato e multato pesantemente.

    • Gonzo

      No, non può risolverle. Ma può prendere una posizione chiara e dura in merito.

      • alfonso

        Il problema di colpire le società per i tifosi è che poi questi imbecilli, che sono tanti e li trovi anche in tribuna, acquisiscono ancora più potere. Perche possono ricattare le società di calcio e, da ospiti indesiderati degli stadi, ne diventano protagonisti. Andrebbero identificati, soprattutto i borghesotti in tribuna, e multati pesantemente.

    • n3m0

      Scusami Alfonso, ma non sono proprio d’accordo. A parte il fatto che la federazione non deve risolvere il problema (l’intelligenza e la civiltà), deve semplicemente espellere violenti e razzisti. Il Verona già avrebbe dovuto spiegare alla federazione la sua festa per il ritorno in A marchiata forza nuova (per me già bastevole per una retrocessione).

      • alfonso

        Il punto è che la società verona calcio non è detto che non sia vittima di queste persone. E che non lo siano gli altri tifosi. Difficile crederlo, non ci credo nemmeno io a dire il vero. Ma se fosse così, questa massa di incivili avrebbe vinto.

        • n3m0

          … La festa dentro lo stadio chi l’ha organizzata?

          • alfonso

            E non lo so…se l’ha organizzata il Verona, invitando i nazifascisti, che sia punito! Ma immagina se il Napoli dovesse rispondere delle malefatte di alcuni suoi tifosi…

          • n3m0

            Eh, io pure sto aspettando che sia punito. Di certo la ssc napoli non si fa dettare l’agenda dai tifosi

          • alfonso

            Diciamo che questo atteggiamento della federcalcio tutela la ssc Napoli e un po’ meno i tifosi comuni

          • n3m0

            Cioè?

          • alfonso

            Semplicemente quello che ho già detto: noi ci becchiamo gli insulti, ma il Napoli come tutte le altre società di calcio non è ricattabile. Ricattabile. Il ricatto di delinquenti organizzati. Tu non mi dai i biglietti, non mi consenti di controllare la curva, e io ti faccio squalificare il campo per due giornate, e sono centinaia di migliaia di euro in meno.

          • n3m0

            La cosa non sarebbe meno grave, visto che a questo punto si decide di lasciar inneggiare ai forni crematori uno stadio solo per quieto vivere. Non ribellarsi a questo punto rende complici.
            E poi gli introiti dello stadio sono marginali per molte squadre, a cominciare dal Napoli.

          • alfonso

            Le società farebbero accordi e questi diventerebbero padroni. Film giá visto e noto a tutti. I Desantis, i Carogna, i Grancini, chi li smuoverebbe più. E invece è un vero piacere, ad esempio, vedere società come Napoli e Lazio che non cedono e risolvono i problemi a casa loro.

  • Gino Di Costanzo Pitture

    Invece di reprimere bisognerebbe diffondere cultura sportiva, ma sarebbe una contraddizione in termini, essendo la cultura sportiva incompatibile con uno sport professionistico e miliadario… E poi, se il tifo calcistico contribuisce a separare le persone su base territoriale ciò non può che far piacere ad un certo tipo di potere: è la coesione e la solidarietà reciproca a fare paura a qualcuno…

    • Fabio Milone

      Devo correggerti sull’incompatibilita’ tra miliardi e sport.
      Lo dimostra il calcio stesso al di fuori dell’Italia, oppure il basket negli USA, e si potrebbe andare avanti per molto.

      • Gino Di Costanzo Pitture

        Davvero pensi siano “sistemi” più puliti del nostro calcio? e gli scandali UEFA?mai sentito di doping negli sport professionistici made in USA? Solo per dirne una… La differenza che mi sento di ravvisare è che il nostro calcio è sfacciato, le combine, o meglio, il sistema tutto pende così chiaramente da una parte che ci vuole una vera faccia di bronzo ad affermare il contrario. E la stampa sportiva italiana è vergognosamente unilaterale, per non parlare delle TV… Ecco, forse all’estero c’è un po’ più di pudore…

  • Alberto Longano (Zaltan)

    basterebbe squalificare il campo per 10 giornate la prima volta, poi 20 la seconda e le perdite e le lamentele si faranno sentire.

  • White Shark

    Dai, ma da dementi che prendono un trattore e assaltano il campanile di San Marco per il colpo di mano più ridicolo della storia dell’umanità, che ti vuoi aspettare?

    • drnice

      con l’attuale presidente della regione lombardia steso per terra ed un collare cervicale……….
      hai detto bene, dei dementi.

    • Gregorio Baumann

      il problema è che quei dementi hanno governato il tuo paese per 20 anni. il risultato sul sud lo puoi vedere tu stesso

      • White Shark

        Beh, li allargheresti troppo il dibattito a meridionali (ma anche italiani tutti) opportunisti che in cambio tornaconto personali accettano di tutto. Pure che un razzista di 💩 che ha sempre parlato contro un sud, molto più che parlare a favore della sua area di origine, di venire quaggiù a tenere comizi. Gente come i veneti, fino a qualche generazione fa talmente morti di fame da essere i principali emigranti d’Italia, una volta fatti i soldi ti diventa la peggiore espressione di razzisti che ci siano. Facci caso, nessun altra regione del nord lo è tanto.

  • Domenico Franzese

    Io sono dell’opinione che già dare troppo peso ad eventi del genere sia sbagliato,purtroppo si parla parla senza prendere soluzioni e credo che questo più che risolvere il problema non faccia altro che pubblicizzarlo.La cosa fa rabbia a tutti ma credo debba essere presa con derisione e pensare alla completa ignoranza e incoerenza di Un popolo che si dice civile,molto più di noi partenopei e poi dimostra l’esatto contrario,si commentano e puniscono da soli con i loro stessi cori. Dal lato nostro abbiamo avuto LA vittoria più bella,il 3-1 sul campo insegnando calcio e dominando indomiti,credo che tutto questo finirà quando sarà considerata una stupida bambinata senza peso,detto questo FORZA NAPOLI SEMPRE E DOVUNQUE

  • Vincenzo de Blasio

    Tanto i cori beceri e le intemperanze di segno razzista hanno tutte connotazioni centro-nordiste e quindi annacquare i provvedimenti contro queste vomitevoli manifestazioni sembra solo salvaguardare i soliti noti contro una parte, a questo punto indifesa e rassegnata a subire contumelie di tutti i tipi, se non violenze che non hanno nessuna liceità in un contesto di sport. Anche alcuni decenni or sono vi fu la famosa monetina sulla testa di Alemao, che sancì la vittoria a tavolino del Napoli. Ebbene il Sig. Berlusconi riuscì anche in quel tempo a far annacquare la Responsabilità Oggettiva che sanciva molto spesso il 2 a o a tavolino, ed era diventata uno spauracchio perchè molti episodi si registravano per lo più sui campi del Nord contro gli azzurri. Quindi la storia si ripete e non c’è da meravigliarsi se queste, diciamo così “Indulgenze” provengono da un altro “Polentone” come Tavecchio.

  • entomologo

    Uffa, avevo scritto due commenti e il Napolista me li ha censurati entrambi, manco il razzista/insultatore fossi io

  • entomologo

    Comunque vi invito ad ascoltare attentamente lo speaker dello stadio, in particolare quando dice “a disposizione “: ha un marcato accento meridionale. 🙂

  • Stefano Valanzuolo

    Che poi, Tavecchio è il primo che sembra si diverta con storielle di scimmie e banane. Figuriamoci…

  • Giulio Ceraldi

    Mi duole ammetterlo ma ho l’impressione che il problema verrà affrontato nel momento in cui qualcuno reagirà alle provocazioni con qualche “reazione scomposta” (e, per carità, sbagliata).

  • n3m0

    A me erano sfuggiti. Sono davvero allibito. Fosse dipeso da me, non avrei giocato la partita. Non è possibile, non dobbiamo permettere che un episodio del genere passi sotto silenzio

  • cave canem

    Sui veronesi, bergamaschi e affini c’è poco da dire.
    Sono i veri beneficiari della cosiddetta unità d’Italia, hanno conosciuto cibi nuovi e hanno finito di mangiare solo polenta, liberandosi così dallo scorbuto e da altre malattie che li decimavano.
    Ignoriamo la loro ignoranza e mettiamo nel mirino la nostra classe dirigente storica. Nel parlamento subalpino del 1861 i deputati del Sud sfioravano la maggioranza assoluta ma nessuno di loro ha mosso un dito a favore dei conterranei meridionali.
    I vari Benedetto Croce, Gaetano De Sanctis, con tutta la pletora di politici e intellettuali nati e cresciuti alla loro ombra, ai quali dedichiamo monumenti, strade, piazze, e giù giù fino ad arrivare agli accademici contemporanei annidati nelle varie Università del Sud, non hanno fatto altro, per servilismo e per carrierismo, che introiettare, diffondere e rafforzare il pregiudizio dell’inferiorità dei meridionali. Peggio di Lombroso.

    • Antonio Chiacchio

      grande.