Napoli ignora Maradona. Piazza Plebiscito vuota segna l’addio al passato

Cinquemila persone in piazza. La sconfitta del sindaco de Magistris che ha provato a cavalcare la tigre della napoletanità che gli si è ritorta contro

Napoli ignora Maradona. Piazza Plebiscito vuota segna l’addio al passato
Piazza Plebiscito vuota per Maradona

Addio tigre della napoletanità

Il giorno in cui Napoli dice addio a Maradona. La vita reale prende il sopravvento sul racconto mediatico. La tigre della napoletanità si è prima ritorta contro il sindaco de Magistris e poi si è sciolta nel vuoto irreale di piazza Plebiscito: non più di cinquemila presenti. Sarà dura ora gettare a mare i fumi d’inchiostro intinti nella retorica. Napoli non è quella che viene raccontata. È una città che stasera ha chiuso probabilmente in maniera definitiva col passato e guarda speranzosa al presente e al futuro. È una città che non dimentica Maradona, ma che non si commuove per una cerimonia dall’evidente sapore propagandistico nella speranza e nell’illusione di accrescere il proprio consenso. Come se i napoletani fossero idioti.

La sconfitta di de Magistris

È il giorno della sconfitta di Luigi de Magistris che ha preferito evitare piazza Plebiscito per paura dei fischi. La decisione, in realtà, l’aveva già presa ieri. Aveva capito a cosa sarebbe potuto andare incontro. Ai primi fischi del de Magistris sindaco di Napoli. Una città che lo ha sì rieletto un anno fa, ma che non si può nutrire solo di slogan sulla rivoluzione permanente e su una non meglio precisata ribellione dei sud del mondo. L’uomo non è stupido. Tutt’altro. È scaltro. Quando fu disarcionato dalla legge Severino, seppe come ripartire. Sindaco di strada e via verso la rielezione, complici anche il ritorno di politici non più agili (eufemismo) dall’altra parte della barricata.

Il sindaco rintanato nel Palazzo

De Magistris stavolta ha avuto paura della strada. È tornato sindaco di palazzo per evitare i fischi del suo popolo. Sarebbe la notizia del giorno se non fosse surclassata dalla piazza vuota, da Napoli che ignora Maradona e non per cattiveria o ingratitudine. Napoli , lo ripetiamo, non è una tribù studiata da Levi-Strauss. Non vediamo l’ora di ascoltare la fatidica frase da studio: “Come vive Napoli il ritorno del suo re Maradona?”. SE NE FOTTE, caro il mio. Napoli guarda avanti. Napoli domani va a lavorare, sempre che autobus e metro passino in orario.

Il Gambrinus senza wi-fi

È il giorno della svolta. E non è un giorno amaro per Maradona. Diego è sempre Diego. Sempre lo sarà. Il mito, ovviamente, per essere alimentato, ha bisogno di assenza. È un uomo stanco. Che ha vissuto in maniera a dir poco intensa. Non spremetelo più. Napoli lo amerà per sempre. Ma ora basta. È un giorno storico per Napoli. Ai tavolini dei caffè attorno alla piazza non c’è nessuno. Il Gambrinus, che si picca di essere un bar storico, non ha nemmeno il wi-fi. Poco importa. Nelle case dei napoletani c’è. Oggi Napoli ha rotto il cordone ombelicale. La città ha chiuso un capitolo. 

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Effettivamente la piazza era vuota la gente si è dimenticata di Maradona è stato un flop??
    https://youtu.be/kHaGec8GXUs

  2. Stefano Sosti 8 luglio 2017, 18:17

    Il delirio di uno pseudo-giornalista che strumentalizza l’evento della cittadinanza conferita a Maradona per attaccare in modo maldestro e per nulla intelligente il sindaco. Sembra quasi che con questo articolo abbia voluto reggere il vergognoso striscione di quegli pseudo-tifosi che si definiscono ultra.

  3. Neapolitan Joe 7 luglio 2017, 22:57

    Cari Napoletani miei concittadini,
    credo che stiamo assistendo ad una svolta epocale. Finalmente.
    Probabilmente questi fischi ad Alessandro Siani rappresentano l’inizio del giro di boa.
    Anzitutto mi preme scrivere che è facile prendersela con lui. In fondo ci ha messo fin troppo la faccia, si è “sovraesposto” e visto che non è andata bene, la gente, per il momento, ha trovato in lui un facile capro espiatorio. Tutto qui.
    Chi veramente sognava un vero ritorno di immagine da questa vicenda si è rinchiuso nel Municipio.
    Poi credo che Siani da questa avventura, se è vero quello che ho letto e che lui ha dichiarato ieri, ne sia uscito oltre che moralmente e professionalmente provato anche con una consistente perdita economica.
    Ha infatti affermato che alcune spese sono state coperte da lui visto che i 180000 euro degli sponsor non bastavano per tutto. Ma dico io, chi glielo ha fatto fare sin dall’inizio? Mal consigliato: davvero spiace per Siani, credo sinceramente che sia un bravo artista. Lo accusano in tanti di imitare troppo Troisi, forse è vero.
    Credo che in questa faccenda, forse in parte tirato per i capelli, Alessandro abbia fatto il passo più lungo della gamba.
    Se vuole salvare la sua carriera farebbe bene a non farsi coinvolgere più in “imprese” dove figuri anche De Magistris.
    E veniamo al sindaco!
    In generale, credo che finalmente a Napoli stia cambiando il vento nei confronti di questo sindaco incommentabile, indecifrabile, incredibile: ci sono voluti esattamente SEI anni ed UN mese! Un grande Bluff!
    Luigi “DEMAgogo” DE Magistris, se vuoi davvero il bene di Napoli e dei Napoletani TUTTI (non solo il bene dei residuati riciclati “Radical chic” ex (per il momento) di sinistra, degli esagitati dei Centri sociali che già a marzo, grazie anche al tuo “inzufare”, devastarono Fuorigrotta e diedero dignità nazionale a Matteo Salvini, il bene degli artisti mercenari e compiacenti che ti circondano come circondavano Bassolino e soprattutto il bene di tutti quelli che cercano pretesti per scagliarsi contro il “Governo ladro”, Renzi, il PD, il Presidente della Regione De Luca, il centrodestra, contro chi non ama i gay, gli U.S.A. con la portaerei nel golfo, l’Unione Europea, contro chi non ama la TAV, contro chi non ama le coppie gay che adottano, contro chi, come me, non occupa, ma giustamente si preoccupa, i Grillini e così via) ebbene, Demaggì, DIMETTITI, VAVATENNA, CE RUTT’ O’ CAZZ’!
    Siamo stanchi del tuo leaderismo populista fondato sul NULLA, del tuo ISOLAZIONISMO a 200 KM dalla Capitale d’Italia con la bandana in testa, delle tue offese scurrili vagamente minatorie ad uno che comunque era Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica, del tuo braccio di ferro con Minniti, un buon Ministro, poi col Questore e col Prefetto, dell’ “incidente diplomatico” di ieri sera con l’entourage di Maradona, a cui hai conferito indegnamente la cittadinanza onoraria.
    Per favore, vattene.
    Torna a fare il magistrato del Pubblico ministero, ruolo grazie a cui comunque non ti sono mancate critiche pesanti e frequenti. Fai il magistrato come tuo padre, tuo nonno e forse il tuo bisnonno.
    Qui Tu dovevi fare solo il SINDACO, non il caudillo, il capopolo, il tribuno della plebe, il Masaniello, il rivoluzionario: non ce lo possiamo più permettere un sindaco così, STIAMO AFFONDANDO. Teniamo altro “per la capa”!
    Ma quale Presidente della Regione Campania!? Quale Prsidente del Consiglio!? Ma hai visto e compreso appieno che tragici risultati ha conseguito alle ultime elezioni Comunali la lista/movimento/partito DEMA di tuo fratello Claudio? Avete preso solo Arzano. Che figura grama, sembrava voleste spaccare il mondo, pareva che da re di Napoli, Tu stessi diventando imperatore di mezza Europa! O mio novello, ma mancato Napoleone, politicamente è finita.
    Hai giocato bene le tue carte, ma ci vuole anche altro e cioè i FATTI. I fatti vuol vedere la gente, non solo più “panem et circenses”, “Forca, farina e feste”.
    Ma poi dopo SEI anni ancora non ho capito cosa è il MOVIMENTO ARANCIONE? Quale è la sua ideologia? Il suo Manifesto politico? Le sue linee guida? Insomma, ma che cazz’è!?
    Sennò fai altro, reinventati ancora, sei fotogenico, potresti provare a “Un posto al Sole”, vedi se ti pigliano come comparsa.
    Sei bello e alto, “altezza è mezza bellezza”, no?
    Liberaci, ti prego.
    Un Napoletano come tanti.

  4. “Diego è sempre Diego. Sempre lo sarà. Il mito, ovviamente, per essere
    alimentato, ha bisogno di assenza. È un uomo stanco. Che ha vissuto in
    maniera a dir poco intensa. Non spremetelo più. Napoli lo amerà per
    sempre. Ma ora basta.”

    Concordo in pieno con Gallo.
    De Magistris, invece, lo valuterò in base al pieno raggiungimento di quantio promesso:

    – rifacimento completo della via Marina.
    – ristrutturazione del San Paolo con i 25 ML finanziati da non ricordo chi.

    Caratterialmente non mi esalta (come del De Laurentis, del resto) ma questo non vuol dire assolutamente niente.

  5. Questa volta non sono d’accordo con l’articolo, innanzi tutto per motivi di sicurezza il comune aveva autorizzati un numero limitato di accesso (30.000) alla piazza e molti non sapendo a che ora e se il Pibe sarebbe salito sul palco e conoscendo che il servizio pubblico non e’ cosi efficiente certamente in una calda serata di luglio non si sono “affollati”
    Poi mi sembra la solita “guerra delle cifre” il Mattino ad esempio ne dice 10.000, certamente al di sotto di quello che si ci aspettava, ma in quella incertezza e sopratutto visto che il tutto è a tarda sera di un giorno infrasettimanale con uno sciopero incombente e tanti “nemici” del sindaco è grasso che cola.
    Il Wifi? Siamo ancora Napoli non ci si può attendere in Italia che i soldi della UE per le desertificazione della rete vengano spesi per degli hotspot nelle piazze principale come avviene in tutta Europa

  6. Carlo Beccaria 7 luglio 2017, 0:02

    due passati, due misure (scopri perchè).
    1) Passato uno: https://www.ilnapolista.it/2015/10/napoli-t-shirt-borbonica-de-laurentiis/
    2) passato due: https://www.ilnapolista.it/2017/07/maradona-rito-mediatico-napoli-indifferente/

    (ecco perchè)
    Passato uno è oltre 200 anni fa
    Passato due è 40 anni fa (molti di noi ci sono ora e c’erano allora, quelli che non c’erano è perchè ancora dovevano nascere)
    Passato uno, è una grande innovazione culturale del più grande innovatore culturale a Napoli e unico vero e grande imprenditore che ha trasformato 8 palloni in 8 anni consecutivi di qualificazione in europa
    Passato due, non è vera napoletanità, anche se fu possibile solo con un’escamotage del banco di Napoli (e poi de magistris è interista!!!
    Passato uno ci consente di spiegare che se le cose non funzionano è perchè duecento anni fa, cavour ci colonizzò con la forza, ma ai tempi Napoli era la più grande realtà industriale del italiana, aveva il bidet, il treno fino a portici quando nel resto d’europa ci si puliva il dietro con le mani e …..va beh il resto della storia la conoscente
    Passato due è pacchiano (tranne se rivissuto sui murales), appartiene ad un altro Napoli, ad un altra Napoli, al sole, alla pizza, al mandolino

  7. Fabio Milone 6 luglio 2017, 20:20

    Dovevate censurare proprio il mio post che, seppure molto critico nei confronti di Gallo, era privo di qualsiasi insulto che invece vedo a profusione in altri?
    Complimenti! Sempre piu’ basito di quanto sia cambiato questo blog sportivo che una volta mi trovava tra i piu’ ferventi ammiratori.

  8. Dottor Gallo, ho la vaga impressione che DeMa non riscuota il suo gradimento.

  9. De Magistris ha conferito la meritatissima cittadinanza a Lina Wermuller e nessuno ha avuto nulla da eccepire, anzi in pochi ne hanno parlato. Poi lo stesso De Magistris decide, finalmente direi, di conferire la cittadinanza ad un uomo che più di altri, ed assieme a pochissimi, ha segnato la storia di questa città, e pare che lo faccia solo per farsi pubblicità.
    A chi analizza le cose di Napoli bastano 50 persone che schiamazzano sotto una stanza d’albergo per eleggere Diego a Dio di questa città, per poi ricredersi immediatamente davanti a una serata come quella di ieri. La verità è che il napoletano ultra 40enne si porta nel cuore le emozioni ed il riscatto che Diego gli ha regalato, lo rispetta per come si rispetta un uomo che non si è piegato a nulla. Il personaggio in se però non attira, è retorico, sopra le righe (a volte a ragione), ma ascoltarlo non emoziona e non ti fa sentire una persona migliore.
    Penso che De Magistris abbia evitato la piazza non tanto per paura dei fischi, ma soprattutto per scollegare nettamente l’evento istituzionale da quello spettacolare, per cui Diego è stato pagato, e per cui De Magistris sarebbe stato ancora di più criticato.

  10. Fabio Milone 6 luglio 2017, 15:43

    Direttore Gallo, sono sconcertato da tanto livore politico su un blog/testata che dovrebbe essere solo sportiva.
    Non la riconosco piu’ rispetto al Gallo di qualche anno fa.
    Sono sicuro che non gliene puo’ fregare di meno, ma dovevo scriverlo, se non altro per soddisfazione personale.

    • Carlo Beccaria 6 luglio 2017, 21:12

      Ma non lo sapevi che il Napolista è una testata che parla anche di politica? Infatti sotto la dizione Napolista c’è scritto “Informazione e analisi politico calcistica”.
      Peccato però che la questione della cittadinanza onoraria non ha nulla di politico e che Demagistris consegnandola in comune e non in piazza, ha fatto di tutto per depoliticizzarla ancora di più.
      Perchè Gallo non ci fa una bella ricostruzione della questione del bilancio e dei debiti ulteriori imposti dal governo renziano a De magistratis? Così, giusto per…almeno ci facciamo un’idea di come stanno le cose, poi ognuno in sua coscienza valuta se Giggino ha fatto male, malissimo, benino o bene.
      Gallo non lo fa perchè quello sarebbe un minimo di ricerca e analisi giornalistica, mentre Giggino che si nasconde per paura dei fischi fa tanto gossip e polemica facile…con tanti tanti tanti click, compresi i miei

      • Fabio Milone 7 luglio 2017, 8:47

        No, francamente mi era sfuggito il sottotitolo della testata.
        D’altra parte secondo me e’ alquanto letale mischiare calcio e politica e mai mi sognerei di argomentare su quest’ultima con degli sconosciuti.
        Resta il fatto che mi trovo molto in disaccordo sulla strumentalizzazione di un evento che nulla dovrebbe avere a che fare con la politica.
        Comincio seriamente a pensare, con sincero disappunto, che a Gallo ormai interessa piu’ generare clicks che non i contenuti calcistico-napolisti e il dibattito su di essi.

  11. Andrea Castaldo 6 luglio 2017, 14:21

    Premesso che non sono un ammiratore di Luigi de Magistris continuo a non capire il nesso fra Maradona, la piazza vuota o presunta tale, il sindaco, il wifi del Gambrinus e il passato/futuro di Napoli. Con tutto il rispetto e’ un minestrone senza alcun senso oltre che una evidente forzatura mal riuscita.

  12. vicchiariell 6 luglio 2017, 14:19

    De Magistris ieri ha fatto una figuraccia, ha fatto la sua marchetta pensando di vivere un giorno da leone e finalmente è stato una sconfitta netta. Occhio per me DeMagistris è il miglior sindaco che abbiamo mai avuto a napoli in assoluto. La morale dei soliti ultras è davvero patetica sono anni che criticate il club per errori che inventate, attacchi gratuiti deleteri nella maggior parte dei casi c’è solo l’intento di diffamazione, e adesso invocate la clemenza per un errore grossolano, un patetico intento di propaganda che ha avuto l’esito meritato, siete patetici. De magistris si è impegnato nella lotta contra il club, sgambetti di tutti i tipi perchè teme il consenso che si possa generare attorno al napoli e che lui che ha sempre messo i bastoni fra le ruote rimanga fuori da tale consenso, da qui questa sceneggiata costosa presuntamente finanziata da privati (chi sarebbero? boh non si sa) . é stata una waterloo per demagistris quella di ieri, bisogna dirlo, chi di spada ferisce di spada perisce, ammettere l’errore chiedere scusa, e occuparsi di cose serie perchè è questo quello che deve fare un sindaco al posto di concentrarsi nella lotta contro delaurentis. Se vuoi far vedere che ci tieni per il napoli, facciamo fatti, 8-9 mesi per fare i bagni,a 25 milioni, sono un’altra sconfitta drammatica. La bonifica dei terreni di bagnoli cerchiamo di farla partire, giggino fai fatti basta con queste tarantelle andiamo al sodo, hai sbagliato adesso passiamo dalla propaganda becera alle azioni

    • Federico Villani 7 luglio 2017, 0:03

      Ho appena letto l’articolo sul caro biglietti dell S.P.A.L.. e mi è benuto in mente un quesito a cui potresti rispondermi:

      Se io sono il propritario si una scoietà di calcio x,, e stabilisco che
      i costi per un abbonamento in tribuna y sia di 1000 euro con
      conseguente risparmio rispetto all’acquisto del singolo biglietto delle
      gare casalinghe ma poi di fronte all’evidenza dell’elevato costo del
      biglietto e la conseguente difficoltà nella vendita sono “costretto” ad
      abbassare il costo del singolo biglietto andando ad inficiare il
      beneficio(promesso in modo vincolante) al povero abbonato che di fatto
      paga di più dello spettatore che acquista il singolo biglietto, vi
      chiedo: <>

      • vicchiariell 7 luglio 2017, 12:54

        vedi e che vuoi parlare di queste cose senza capirne le dimensioni. Il discorso abbonamenti non è quello che fai tu, l’abbonamento di calcio non è quello dell’autobus, tu non fai l’abbonamento per risparmiare, o meglio non è la ragione + importante, e ti spiego. L’abbonamento lo fai perchè è comodo, puoi scegliere il settore, non devi acquistare di volta in volta i biglietti, ed hai vantaggi per le partite di champions. Certamente se ti riferisci all’intero calendariopuoi ripsarmiare in generale un 10/15/20 % a seconda delle società. Ma sei obbligato a comprare l’intero pacchetto con partite che magari non hanno alcun interesse, molti non lo fanno perchè in fin dei conti tra andata e ritorno le partite interessanti chiave sono una decina. A napoli si è verificato un calo abbonamenti negli ultimi 2 anni drammatico, e le cause sono tante,
        1) la campagna diffamatoria ignobile messa in atto dai papponisti
        2) parliamoci chiaro il san paolo è tra i 5 stadi peggiori d’europa, visibilità 0, marciume nello stadio, bagni inesistenti, accesso impossibile
        3) molti guardano le partite in tv, e moltissimi aggratis
        Quest’anno èstato il primo anno dove si è verificato il problema che il costo dei biglietti era inferiore a quello dell’abbonamento, perchè la campagna abbonamenti è stato completamente fallimentare a inizio settembre c’erano 6 mila abbonamenti, se calcoli che la juve o l’inter hanno oltre 30 mila abbonamenti ti rendi contro della differenza economica mostruosa che questo genera. Il club a metà stagione ha dato per persa quella voce di bilancio, ed ha preferito portare la gente allo stadio per aiutare la squadra a tutti i costi, meglio un pò di gente anche se sotto costo, che lo stadio con 10 mila persone. Questo ha generato il paradosso per cui molte persone si sono sentite giustamente non tutelate.
        E come quando un negozio vende con i saldi merce sotto costo per liberarsene, magari tu qulle scarpe le hai pagate 200 euro e una settimana dopo il negozio le vende a 100, che fai vai a protestare? no certamente.
        Questa è la ragione principale per cui oggi non si vogliono + stadi così grandi e per il napoli uno stadio da 35 mila (40 esagerando) è + che sufficiente. Avendo uno stadio da 4° mondo è praticamente impossibile per la società operare correttamente e strategicamente in quel reparto, anche quest’anno ci saranno pochi abbonamenti e la società dovrà trovare il modo di risolvere un problema molto complesso. Eccoti dimostrato che parliamo senza sapere senza conoscere e bogliamo dare lezioni a chi a napoli ha fatto un miracolo, classico atteggiamento napoletano presentuoso, il noto “si je fosse….” ma s’ignora completamente la questione, non ci si informa e si da aria alla faringe aggratis

        • Federico Villani 7 luglio 2017, 18:07

          1 L’utente fa l’abbonamento anche per risparmiare.
          2 L’esempio delle scarpe non è pregnante erchè quello che ha comprato le scarpe prima dei saldi non ha fatto un abbonamento…
          3 avresti potuto rispondere che la politica dell’abbonamento(l’accordo che stipula la società nel rillscio) non prevede rimborsi etc. anche se non si sa perchè il Napoli non ha reso pubblico sul sito o in altro modo la politica sugli abboinamenti…
          4 Lo stadio è un rudere? Certo, allora perchè DeLa con la sua potenza… economica o con partnership non si accolla i costi di bonifica, firmi un impegnativa e in 4/5 anni costruisca uno stadio nuovo?(Fidati che lo stato(o il comune) se gli si bonifica un area senza che quest’ultimo spenda un euro è più che contento…
          Mi dispiace l’aria alla faringe è “pesante” e chi da aria è argomentato e pone una critica pregante e costruttiva(aggratis certamente,perchè non mi paga nessuno) Di tantissime cose buone che fa DeLa(in quanto ssc Napoli) ce ne sono altre che non fa evidenziando criticità nella gestione.e quando gli si chiede di ciò, il nostro ccro presidente si trasforma in un proselitista(un po quello che sei tu).

          • vicchiariell 7 luglio 2017, 20:17

            1) te l’ho scritto io
            2) l’esempio è perfetto perchè come il venditore così i club spera di vendere le scarpe senza dover ricorrere ai saldi, ma inevitabilmente se le scarpe ti rimangono in negozio le devi vendere
            3) le condizioni degli abbonamenti sono regolati dalla legge, informati
            4) hai idea di quello che suppone fare un’opera del genere, evidentemente non lo sai, ma poi sai quanti anni di media ci vogliono a napoli per un’opera del genere, calcola che la juve ci ha messo oltre 100 anni per avere lo stadio, mentre società ben + potenti come milan e inter non hanno neanche i progetti e le aree, in compenso il club napoli da anni è in questa lotta e nel giro di un decennio è molto probabile che si faccia, e sarebbe un vero miarcolo, non è mai successo in italia che una società di appena 14 anni riesca a realizzare uno stadio
            Le criticità, gli errori li fanno tutti e Adl ne ha ammessi anche troppi, non credo che tu ne abbia fatti di meno, per cui non credo che tu possa dare lezioni a nessuno meno a chi del napoli calcio ne ha fatto un eccellenza dal fallimento, e proprio sbagliando s’impara. La realtà è che grazie alla solidità della società la sua crescita da 0 ad un massimo di oltre 300 di fatturato (previsione 2017) oggi il napoli può parlare di progetti stadio, se avesse applicato le vostre insane teorie di sperpero e distruzione, oltre a non avere un progetto per il futuro e le capacità di sostenere progetti per centinaia di milioni oggi saremmo falliti, un tifoso che tale si definisce dovrebbe andare ogni giorno in chiesa e accendere un cero per delaurentis, e chiedere in ginocchio che gli imprenditori napoletani lo prendano ad esempio. Il vostro papponismo la vostra diffamazione, il vostro autolesionismo, vittimismo, presunzione, ignoranza sui temi di cui per forza volete parlare è solo deleteria

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 21:04

            Ho capito,De Laurentis mamma santissima !!! cos sei contento(anche se è un comune mortale…)
            Togli i paraocchi! fare da cassa di risonanza(cieca per di più, acritica) non ti innalza anzi… e soprattutto non apporta a DeLaurentiis nessun beneficio, cosa che invece fa la critica(obiettiva e super partes).
            Poi se De Laurentiis è cos’ bravo nella gestione e nell’amministrazione come mai città del cinema ha un buco di oltre 30 milioni di euro?
            Infine l’esemmpii dei saldi non è pregnante perchè se io compro un paio di scsrpe a prezzo pieno, è una scelta che faccio io di non aspettare i saldi. L’abbonato invece ssulla agriglia dei prezzi che si fanno ad inizio anno quanno si abbona sa che pagherà meno dell’acquisto del singolo biglietto e quindi andrebbe rimborsato per la differenza.
            Detto questo ti lascio alle lodi acritiche di DeLa. mi serva da lezione per non interagire con persone che rifiutano la critica aprioristicamente!!!!

          • vicchiariell 8 luglio 2017, 10:55

            lascio perdere la solita solfa che buttate sul delaurentis e la società, ma scusa se per le scarpe sei tu che decidi di comprare prima, perchè per l’abbonamento è diverso visto che si compra prima ugualmente? mica sai prima che iprezzi vengono stracciati per portare gente allo stadio? Infatti il problema è stato rilevato ad aprile e regolarmente denunciato attraverso una class action, nessuno sapeva all’inizio che l’abbonamento sarebbe costato di +, non inventiamo e cerchiamo di non arrampicarci sugli specchi
            Il parco giochi di cinecittà è stato un fallimento, ma li non c’era solo delaurentis, c’erano altri soci tra cuii della valle, ed effettivamente quell’operazione non è stata un successo, ma qui parliamo del napoli, cosa c’entra tirare in ballo quell’operazione? sicuramente nella vita di un imprenditore ci sono anche operazioni andate male, nel caso di Adl quell’esperienza è stata negativa, su centinaia di operazioni fatte ci sta che qualcuna non vada a buon fine. In 14 anni la scoietà si è meritata credito, una società sana e competitva molto di + di quanto in realtà la piazza meriti (per utenza e capacità economica), è inutile che diffamiamo o vogliamo dare lezioni senza averne le capacità visto che ne io ne tu abbiamo il livello, inutile fare il galli sulla monnexxxa

  13. Olga Acanfora 6 luglio 2017, 12:52

    Gallo chi??????

  14. Ernesto Everardi 6 luglio 2017, 12:17

    Ma cos’è un festival dei fake?

  15. giancarlo percuoco 6 luglio 2017, 11:36

    Il sindaco farebbe bene a dimettersi.

  16. onofrio marino 6 luglio 2017, 11:30

    Non vivendo a Napoli, ieri ho visto in tv il MARADONA day, un day volutamente in minuscolo perché se l’onorificenza a DIEGO gli era dovuta da molto tempo, il day di ieri avrebbe dovuto essere qualcosa di speciale, qualcosa da raccontare ai figli, ai nipoti, ai pronipoti. invece che dire, gli unici momenti da ricordare sono solo le parole di DIEGO sul razzismo e sulla napoletanità che LUI ha sempre indossato. Adesso basta sfruttare la Sua personalità per altri scopi. Io credo che abbia già dato troppo, lasciamolo vivere libero nella Sua grandezza e nella Sua geniale sregolatezza. Non si è geni se non si vive al di sopra delle regole. Viva DIEGO e sempre FORZA NAPOLI.

  17. Vittorio Romano 6 luglio 2017, 10:36

    Il flop della serata potrebbe essere un segnale di allarme per le ambizioni politiche nazionali del sindaco (speriamo bene).

    • Enrico Pessina 6 luglio 2017, 12:57

      Mica la serata l’ha organizzata il Sindaco.
      Ritenta, sarai più fortunato (forse).

    • e che c’entra tutto ciò con le velleità politiche di de magistris?
      era preferibile lettieri, immagino. camorra, corruzione, violenza.

  18. Sinceramente non ho capito questa campagna “anti”. Seguo il sito da diversi anni e mai tanto accanimento e perseveranza su un solo unico argomento.
    Maradona non mostra da anni un’immagine di se lontanamente paragonabile alle sue gesta calcistiche. E’ sempre stato facile attaccarlo per le sue gesta extra calcistiche, come sparare sulla croce rossa, ma di sicuro non è lui il male di Napoli.
    Questa città si deve compattare dietro un’idea, una bandiera altrimenti non rialzerà più la testa. Invece siamo stati capaci di dividerci anche sull’unico personaggio che ci ha fatto sentire, in passato , per una volta orgogliosi di essere napoletani.

    • Maradona non c’entra niente, è solo il loro mezzo per attaccare qualcun’altro.

  19. Luciana Calienno 6 luglio 2017, 9:46

    Ho da poco scoperto questo incredibile blog.sapete bene che si regge sulla nostra nauseata e indignata presenza.abbandoniamolo di corsa.addio

  20. Abbiamo fatto ridere l’italia per una cosa che a conti fatti non ha interessato nemmeno i napoletani stessi. Un grave danno all’immagine di Napoli arrecato allo scopo di raccattare qualche voto alle prossime elezioni.
    I commenti su questo sito spiegano le ragioni della nostra misera situazione meglio di un rapporto svimez.

    • Ma dico io dopo questa ampia e pubblica figur di mevda del tuo amato Gallo Napolista hai pure da parlare?
      In piazza plebiscito ieri erano in 10.000 mila più quelli che sono rimasti fuori per ordine pubblico dopo I fatti di Torino.
      Eh ma Napoli si è dimenticata di Maradona vuoi mettere?
      Il nuovo e vincente Napoli di Adl ricco di scudetti lo ha oscurato.
      Sei patetico come il Napolista

      ????

      • Sono rimasti fuori da cosa? Che era, un locale, una discoteca?
        E poi il numero interessa alla campagna elettorale del sindaco, a me o sono 5 o sono 10 o sono 20 non me ne fr@ga niente.

        • Intanto tu e il Napolista smettetela di raccontarci c@zzate.

          • Chi ti conosce? Io poi pensavo a te… manco tu fossi stata una bella femmina.

          • Eh ma ieri Napoli ha abbandonato Maradona vuoi mettere?
            Maradona si è intascato i soldi.
            De Magistris ha fatto tutto questo per ricevere consensi.
            Il nuovo Napoli di Aurelio De Pallettis ha oscurato il vecchio con i suoi 5 scudetti e 7 c.l.
            Bazellette a volontà!???

          • Chisto ne è ‘n ato. Siamo circondati.

          • Abbiamo fatto ridere l’Italia che a conti fatti non ha interessato nessuno.

            Sei tu l’autore di questa PERLA?

            Corriere dello Sport: in piazza ieri in 10.000.
            Sta azz e matematica!!???

    • alle prossime elezioni de magistris non può presentarsi.
      se poi parli di un ipotetico tentativo a livello nazionale…beh, preferisci forse chi parlava di 80 euro?

  21. Dicevo, la cosa che non capirò mai è perché viene visto dal nuovo Napoli e dai siti come questi il vecchio Napoli come un nemico da combattere, come un cancro da estirpare.
    Volete che la gente si “dimentichi ” di MARADONA e di quel periodo?
    Bene lo voglio anch’io. Allora dobbiamo VINCERE TROFEI!!

  22. diecimila persone, la stima più ottimista, è poco più della metà della capienza della curva b. per uno che portava allo stadio 80000 persone è oggettivamente poco. notevole comunque il polverone sollevato per questo articolo di gallo da quella decina di affezionatissimi lettori (stanno sempre qua) che per l’occasione si trasformano nei webeti di mentaniana memoria. manca solo il grido di battaglia “e renzie keffffaaaa??” (uno c’è andato vicino peró). tranquilli, napule nun adda cagnà. non lo farà senza il vostro permesso.
    https://youtu.be/7uwqZtE5u5M

    • Questi sono come i finti disoccupati o i nuovi amichetti del sindaco i “magnammece o pesone” che arrivano alla manifestazione in Bmw X5.
      È una compagnia di giro, ora sono di turno qua, domani chissà.

      • Tu invece sei talmente occupato che assieme al Napolista ci intrattenete con le vostre bazellette ???

      • Federico Villani 7 luglio 2017, 3:36

        Ma del fatto che il Napoli calcio non ha voluto dare i diiritti per riproporre alcuni goal di Diego per l’evento in piazza ne vogliamo parlare? Che figura magra e da rancorosi…

        • Se lo sai per certo fai benissimo a parlarne. Io non ne so niente e quindi non ne parlo.

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 18:30

            Lo ha annunciato l’avv. Pisani pubblicamente, avevano chiesto alla SSC Napoli(gentilmente) di prestargli per l’occasione materiale audiovisivo,
            Negato!

  23. cmq più che Napolista, sei un Napolese, uno di quelli che dovrebbero essere espulsi dalla città e esiliato a Milano, lì dove i Bar hanno tutti il wi-fi, e poco conta se poi il caffè e pisciaturo, a noi Napoletani piace il bar senza internet perche davanti al vero e ottimo caffè ci piace parlare e non bruciarci i neuroni come te sul telefono.

  24. Bene io credo che dopo questa grandissima figura di MEVDA il Napolista può pure chiudere.
    Gallo nascondi.

    P.s. non capirò mai perché avete da sempre tutto questo astio verso il vecchio Napoli e cioè al momento l’unica squadra che ci ha fatto veramente VINCERE.

  25. uha sembra che non aspettavi altro, secondo me e solo che non e stata pubblicizzata bene, in tanti specialmente in provincia non sapevano dell’evento altrimenti penso, si sarebbe riempita la piazza, e non solo per maradona, ma la serata era piena di Napoletani abbituati a riempirle le piazze, ma credo che tu manco li conosci a gente come Foja, Tommaso Primo e altri, quindi fa na cosa, cagn mestier, vedi se ti assume il Gambrinus per portare il wi-fi sfuso ai tavoli.

  26. Antonio Baiano 6 luglio 2017, 8:18

    Gallo questo articolo così astioso mi è incomprensibile. Aldilà del fatto che io non posso vedere De Magistris.

    • Attento che poi se chiedi che mettano per iscritto per quale motivo lo odiano invece di scrivere questi articoli ridicoli arrivano i difensori d’ufficio a dirti che fai campagna elettorale al sindaco. Se poi come me addirittura riconosci che qualcosina di buono l’ha fatto e chiedi di proporre delle alternative ti dicono che fai agiografia. Discussione 0, o gli dai ragione o hai automaticamente torto.

      • Basta vedere Ferdinando e Vennio Vanni o come azzo si chiama che gli fanno da palo appoggiando le loro Perle.
        Eh niente Napoli ieri ha abbandonato Maradona.
        Maradona si è messo pure in tasca i soldi e De Magistris fa tutto questo per ricevere consensi.
        Il vero e unico Napoli il più forte di tutti i tempi è solo quello del tuo caro Aurelio De Pallettis

        • Non c’è nessuna contrapposizione tra il Napoli di Maradona e quello di De Laurentis. Sono i Napoli figli dei rispettivi tempi. Quando c’era Maradona a Napoli ci si poteva indebitare con una banca per comprare il miglior giocatore al mondo e vincere alla faccia del Nord. Oggi il Banco di Napoli ce l’hanno scippato e dobbiamo fare le nozze con le mozzarelle (che non mi pare siano fichi secchi quelli che ci sta servendo questa squadra). Oggi, e se non oggi domani, sono arabi e cinesi a comandare. Noi nel nostro piccolo ci toglieremo tante soddisfazioni, e comunque qualcuna ce la siamo anche già tolta mi pare, no?

          • Il Napoli all’epoca senza i soldi che si fanno oggi con il calcio ci regalò MARADONA e TROFEI investendo SENZA AVERE UNA LIRA IN TASCA.
            Ti devo ripetere tutti i giorni le solite cose sull’argomento?
            Per vincere bisogna investire.
            Per il resto leggiti le bazellette del tuo caro Napolista.

          • Veramente è come se ti facessi prestare i soldi per comprare una Ferrari. Ti ci diverti per un po’, e dopo perdi la casa perché hai sperperato tutto quello che avevi. Però che hai fatto il figo in Ferrari mica te lo può togliere nessuno, te lo ricorderai per tutta la vita XD.

            No grazie, lo lascio volentieri agli altri il Napolista. Dai, per una volta non litighiamo, ci afferreremo al prossimo articolo XD.

          • Effettivamente una grande azienda si dirige solo con i soldi che hai in tasca… proprio come di solito fa GIGGIN O FRUTTAIUOLO??

          • Veramente i soldi per comprare la squadra se li è fatti prestare, in tasca aveva solo qualche cinepanettone XD dai fai il bravo, prometto che al prossimo articolo a favore della società litigo con te quanto ti pare :p.

          • Azz dici che non aveva neppure 30 mil?
            Un miserabbbbile allora.
            ??

          • Aveva speso tutto per pagare Boldi e De Sica mi sa XD

          • I suoi top player??

          • Player non so, top perete di sicuro XD

      • “per quale motivo lo odiano”???
        Lo odiano? Ma tu stai bene o no?

  27. ecco perchè bisognerebbe staccare la spina alla fine del campionato.
    si scrivono cose strane, zeppe di imprecisioni dovute a stanchezza, mancanza di ispirazione, partigianeria, ecc.
    io non solo mi tengo il cordone ombelicale ma mi tengo soprattutto una figura come quella di de magistris che sta facendo solo il bene di napoli (sbagliando anche tanto, sia chiaro eh) e restituendo dignità ad un popolo.
    ps: quando sento critiche a de magistris mi viene sempre in mete che dall’altra parte c’era una deficiente e un evidente collusso con la malavita organizzata.

  28. Io queste contrapposizioni proprio non le capisco… Perchè se uno guarda al passato non può guardare presente e futuro? Perchè se uno è per AdL non può esserlo per Sarri? Ieri è stato fatto un atto doveroso verso un simbolo di Napoli, un atto di riconoscenza verso chi si caricava una città sulle spalle prendendo insulti in giro per gli stadi d’Italia. I bambini, che non hanno mai visto Diego ieri partecipavano alla festa, perchè quest’amore gliel’hanno trasmesso i padri innamorati di un simbolo di Napoli! Sto continuamente a guardare notizie di mercato del Napoli, sperando di vedere la nostra squadra forte come lo scorso anno, eppure ieri ho guardato la trasmissione e mi sono emozionato vedendo Diego sul palco ripensando al passato. Forza Napoli Sempre!!!

  29. Addirittura sminuire la partecipazione e l’affetto dei napoletani per Maradona, pur di attaccare politicamente il sindaco. E fatevene una ragione!

  30. Roberto Prinzi 6 luglio 2017, 2:40

    E in una sera di luglio, Gallo e la ciurma del Napolista gettarono la maschera Renziana..
    Gallo a quando un editoriale per Democratica..?

  31. Federico Villani 6 luglio 2017, 1:03

    Adio tigre della Napoletanità:
    Pubblicare una foto, da fine serata, probabilmente realizzata dopo che Maradona aveva di già fatto la doccia, fumato un sigaro, dormito e pronto per la partenza la trovo una “mossa” subdola, proporrei a Max e la redazione(ovviamente vestirsi per l’occasione di onestà intelletuale) di fare un sondaggio cosa ne pensano i Napoletani di Maradona.

    La Napoletanità è un vanto, un segno distintivo ed un messaggio d’appartenenza alla terra natia o allo stato d’animo/mentale dell’individuo. Rivolgersi al passato(Troisi, Totò, De Filippo, De Crescenzo ed altri innumerevoli fioria all’occhielllo di Napoli) non è una debolezza, una visione triviale e troglodita di una società incapace di evolversi bensì il tentativo di rivitalizzare e riproporre nelle nuove generazioni detminati valori, positivi, che benchè del passato non limitano a mo’ di zavorra l’evoluzione civile di questa terra e dei suoi abitanti. Napoetanià non significa non voler lavorare, evadere, essere furbi, mandooino e pizza etc. etc. come voi lasciate inetndere.

    Viva la Napoletanità

    • Federico Villani 6 luglio 2017, 1:19

      La sconfitta di De Magistris ed il sindaco rinchiuso nel palazzo(li ho uniti a differenza tua perchè ho trovato ridondante la biforcazione data l’univocità del messaggio):
      Sei più simile a De Magistris di quanto credi, caro Max, Perchè i tuoi articoli sono spesso propagandistici e di natura politica!
      Detto questo, vorrei capire una cosa:<>,<>
      accusare(che è un termine che personalmente non userei),dire(che trovo più consono) ad un POLITICO( per di più ad un solo anno dopo l’elezione, quindi il valore della stessa è minima dato che l’elettore dimenticadopo mezz’ora, esempio di Renzi che disse se perdo il referenndum ho chiuso con la politica per pi ripresentarsi alle primarie… xD) di fare propaganda e come accusare un imprenditore di voler guadagnare(fare utili)
      in tutta la vicenda sai cossa ha fatto De Magistris, caro Max? Il Sindaco.

      • Federico Villani 6 luglio 2017, 1:34

        Dulcis in fundo…
        Il Gambrinus senza wi-.fii:
        Stralcio ovviamente scritto in collaborazione con Gigi e Ross(che non mi fanno ridere, tengo a precisarlo)
        Un bar senza wi-fii nel 2017? chiamate CSI e sveliamo il mistero del perchè un bar storico abbia come politica aziendale di non avere una connessione ad Internet… Max dammi le coordinate bancarie che ti faccio un versamento mensile di 10 euro in questo modo avrai sempe connesso lo smartphone con una linea 3 g xD
        Il Mito(termine che usate come scudo per poter poi scrivere la quallnque su Maradona) nella prolungata assenza si dissolvve, assume una forma rarefatta ed inquinata. Il mito per essere tale ha bisogno di cantori, romanzieri e della periodica manifestazione(anche Dio per non perdere i clienti di tanto in tanto fa i imiracoli…).
        Personalmente ho una sensazione ben diversa dalla tua, Il cordone è ancora ben saldo,Basta parlare con le persone comuni, scendere in starda e non confrontars nel proprio circoletto dal pensiero unic e sentenziare che quello che si è deciso all’interno delle sue mura è la realtà!!!

  32. Enrico Iossa 6 luglio 2017, 0:25

    Bello potersi informare leggendo i giornali: 5 mila persone per voi, 15 mila per la gazzetta, ora la verità dove sta?

  33. Gallo: mi spiace hai fatto una figuraccia, de magistris non e’ andato per non rubare la scena, lui e’ l istituzione non un cabarettista, ha fatto bene a nn andare alla festa, inoltre c era molta gente altro che vuoto

    • Avrà scambiato l’organo per il chiosco delle bibite. In napoletano suona nettamente meglio, ma non lo posso scrivere, i napoletani capiscono.

  34. State proprio a pezzi, vi siete caricati per giorni con articoli ridicoli tra i quali spiccavano interviste con frasi inventate e città fisiologicamente indifferenti, Quando poi finalmente arriva il momento di prendervi la rivincita per tutte le critiche, la realtà vi irride e voi invece di prenderne atto e scusarvi decidete di mistificarla in diretta. Ca$$o stasera persino la gazzetta sembra una testata giornalistica seria in confronto a voi, e mi vergogno a dirlo.

    • Federico Villani 7 luglio 2017, 3:37

      Ma del fatto che il Napoli calcio non ha voluto dare i diiritti per riproporre alcuni goal di Diego per l’evento in piazza plebiscito ne vogliamo parlare? Che figura barbina…

  35. Luiz Ferrero 5 luglio 2017, 23:54

    Mettetevi d’accordo . Per la Gazzetta c’erano 10000 persone (e hanno pubblicato una foto dall’alto non come la vostra capziosa foto dal basso).

    • Enrico Pessina 6 luglio 2017, 0:00

      Per la Rai 15000.

    • Luiz, 10.000 persone sono tante, pensa che l’intera Cuneo ne fa di meno di abitanti. Anche se Piazza del Plebbiscito è una delle più grandi d’Italia più di 10.000 non vanno, forse il resto nei dintorni Pizzo Falcone, Monte di Dio, Santa Lucia, Chiatamone, Via Partenope, Molosiglio, e Piazza San Giacomo, senza metterci i quartieri Spagnoli, Santa Brigida, Via Verdi, Via Roma, Via Acton. Sparpagliati…insomma.

      • Domenico Sapio 6 luglio 2017, 10:48

        più di 10000 persone non c’entrano a Piazza del Plebiscito ……??????????
        Spero che tu o voglia scherzare, o un errore di battuta ti ha fatto dimenticare un altro 0 …….
        Per informazioni rivedere concerti di Pino Daniele in quella stessa piazza.

  36. Vergognoso leggerlo, rigo per rigo. De Magistis, che farà se gli fanno leggere ciò che scritto, dirà come disse a Giletti sciacquati la bocca prima di parlare di Napoli.

  37. Lei è fazioso, incredibilmente fazioso. Il Giuliano Ferrara dei poveri

    • Ferrara, Feltri buttassero il tuocco. Dunque, questo ce lo fate 2 volte al giorno, uno quando esce e l’altro quando rientra; mi raccomando il dito molle inumidito con la saliva se no esce un suono incomprensibile che non raggiunge l’obiettivo…..

  38. Joe Sebastianich 5 luglio 2017, 23:08

    Ora non siate pro o contro adl, pro o contro giggino… Fatto sta che abbiamo una squadra forte OGGI che lotta per primeggiare in Italia e per me i VHS i DVD i video possono provvisoriamente prendere un po’ di polvere perché è più bello vivere e sostenere OGGI la nostra squadra del cuore che ricordarci dei fasti del passato che possono solo essere rinverditi, ma che NON TORNERANNO PIÙ. E basta cu stu Maradon… Forza Napoli sempre

    • Speriamo che il Napoli non vinca nulla finché è sindaco De Magistris, sennò questi rosiconi diventano juventini.

    • Guarda che non è questo il punto. Credo che veramente in pochi non ammirino il Napoli odierno e non pochi ritengono sbagliati episodi come l’arringa di Diego negli spogliatoi del Bernabeu o l’idea di farne un ambasciatore ma sinceramente quest’astio a prescindere proprio non lo capisco e credo, come me, siano in molti a non capirlo. Almeno spererei di veder pubblicato un pezzo con i veri motivi di questi continui attacchi. Ci faccia sapere Gallo il vero suo scopo.

      • White, bianco squalo, poi il Gallo te lo dice il motivo? ha fatto l’intervista a TV LUNA patetica.

        • Me la sono persa. Non è che c’era alvino? Quello gli da una capata.

          • Squalo, Alvino ha semplicemente detto con grande enfasi guardate questa intervista a Massimiliano Gallo direttore de Il Napolista. Anche Alvino si è azzuppato.

    • Carlo Beccaria 5 luglio 2017, 23:17

      Questi bei proposti indirizzali a Gallo…..A me di Maradona importa il giusto ovvero: è la mia adolescenza allo stadio, due scudetti e una coppa uefa che no rivederemo mai più, l’inumano, il Dio del calcio che scende in terra e per uno strano scherzo del destino, arriva nella mia città a giocare a calcio. Non c’è bisogno di stare sempre con la testa indietro rivolta al passato, ma neanche cancellarlo. La memoria umana non è come quella dei PC, uno spazio riempito di byte che restano sempre lì, ma è qualcosa che ogni tanto devi rivisitare, altrimenti scompare.

  39. Domenico Sapio 5 luglio 2017, 23:08

    Condivido davvero poco di questo articolo inficiato troppo dalla malafede e da una visione assolutamente “forzata” della politica cittadina.
    Peccato………..

  40. Carlo Beccaria 5 luglio 2017, 23:03

    date immediatamente il Plitzer a Gallo…(ma non ditegli per pulire cosa)

  41. Carlo Beccaria 5 luglio 2017, 23:01

    ADL sindaco di Napoli, Chiavelli al bilancio, Giuntoli al turismo e Gallo ufficio propaganda!!!!!
    Gallo mettiti scuorno!!!!!!!

    • Sicuro non stavamo sull’orlo del fallimento con un sindaco che fa 500mila euro di debiti AL GIORNO.

      • Gianluca Vitale 6 luglio 2017, 11:09

        Aridicolo

      • Carlo Beccaria 6 luglio 2017, 12:41

        Vero, avremmo avuto il bilancio sanissimo, poiché ADL, prima di diventare sindaco, avrebbe aspettato che Napoli fallisse e poi avrebbe fondato una nuova Napoli……a Castelvolturno, anzi no, in provincia di Caserta, anzi no sopra la vecchia Napoli, anzi no a Bagnoli, anzi no ad Afragola, anzi no……

        • Ti piacciono i debiti? Buon per te.

          • Carlo Beccaria 6 luglio 2017, 13:11

            No, non mi piacciono…sopratutto quelli accumulati da anni e anni di magna magna delle precedenti amministrazioni. De Magistris è andato al potere con lo stato patrimoniale del Comune in pre-dissesto…a differenza di una società di calcio, non era possibile attendere il fallimento totale e poi cominciare a governare.

          • Grazie, capisco. I debiti sono cattivi quando li fanno gli altri.

          • Carlo Beccaria 6 luglio 2017, 15:23

            I debiti sono quasi sempre cattivi. Nessuno chiede al grande innovatore culturale di fare debiti. Come nessuno può pretendere di chiedere a Demagistris di risanare in un colpo lo sprofondo creatosi nel bilancio del Comune in 20 anni di mala amministrazione

          • Carlo caro, se tu neghi che dema abbia fatto di suo 0,7 miliardi di debiti è inutile che parliamo.

          • Esistono debiti e debiti. Ci sono quelli da magnamagna e debiti da investimenti. Non penso che DeMa sia il migliore dei sindaci possibili, ma certo Napoli è il migliore, come quella del primissimo Bassolino (che però ebbe i soldi del G8). Non ammettere una cosa del genere deresponsabilizza chiunque venga eletto in seguito.

          • Carlo Beccaria 6 luglio 2017, 20:58

            Vero…ma non poteva fare altro. Se conosci la storia dei vincoli posti dal governo e dei soldi dati a tasso zero per ripianare i debiti di Roma, Milano e Firenze, mentre quando è toccato a Napoli sono stati pretesi interessi monstre, Giggino non poteva fare altro che accettare. Quei debiti sono dunque una rifinanziarizzazione imposta, non uno sfonno creato come nei mandati precedenti per imperizia, incompetenza, ladocinio, clientelismo, camorra etc etc. Basta già questo per stabilire una distanza siderale tra il presente e il passato. Io tifo il Napoli e Napoli città: e così come tra Strinic e Mario Rui preferisco mille volte il primo, tra Dema e Lettieri o la Valente preferico mille volte il primo. Non sarà niente di che, ma almeno non ruba …e non è poco di questi tempi.

          • Concordo appieno… solo io invertirei l’ordine del tifo, io tifo napoli squadra perché innanzitutto tifo per napoli città. E se tifassimo tutti per la città come tifiamo per la squadra a Napoli non ci sarebbe una carta a terra.

      • Federico Villani 6 luglio 2017, 23:49

        Lo stato e gli enti predisposti al governo(Comuni) non possono essere gestiti come un’azienda…. Su! Non è difficile capirlo. Se perònon ti capaciti o hai dificoltà a capilo, ti posso spiegare il perchè!
        😉

        • Fai una cosa, invece. Spiegami allora come mai tanti altri sindaci non causano le voragini di debiti di dema. Forse che non hanno capito come si gestisce un ente locale?

          Ps non sarebbe meglio ammettere che dema ha tante qualità ma di amministrazione non ne capisce una mazza?

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 2:23

            Bè in base al tuo ragionamento dovrei rispondere senza aver fatto una
            ricerca approfondita, che sono più gli enti locali con debiti..(ed esitono modi e modi di far debito…) Ma
            invece ti rispondo che oltre a non dover fare utili, ma avvicinare il
            pareggio, le grandi città sono piccoli stati e come quest’ultimo devono
            ricorrere ad un economia di debito(Stiglitz, premio nobel per l’economia).

            poi subentrano tanti, altri, fattori come ad esempio: Di che entità era il disavanzo prima dell’insediamento?
            Dato che la somministrazione di fondi freschi non è regolamentata come in passato queste somme introitate tramite prestito sono soggette ad interessi? e a che percentuale?

            quello che tu auspichi sarebbe l’austerity?(che è un metodo fallimentare e brutale nei confronti della comunità, sempre Stiglitz) tagli selvaggi a servizi primari e non, con le coneguenze che tutti conosciamo, aumento della tassazione, continue manovre e manovrine finanziarie etc. etc.

            io non devo difendere De Magistris, che è capace di farlo da solo ma ho il serio sopetto che tu abbia una formae mentis conslidata(ed inoltre il mio intento non è quello di convincerti che De Magistris sia un buon indaco) da un tipo ben preciso di informazione che riporta sollo una parte,quindi parziale, che ha dell’astio veso iil sindaco di natura personale.

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 2:29

            Le critiche andrebbero fatte in modo obiettivo e costruttivo non di tipo personale per soddisfare il proprio ego o perchè non si prrovi simpatia per un personaggio. Bisogna evidenziare le criticità(supportando le parole con le prove e non avanzare come critica il debito(il freddo numero) senza capire perchè c’è il debito) ma al contempo riportare a 360 gradi il lavoro di una persona, quindi anche i meriti se esistono.

          • È un vero piacere leggere post così civili e argomentati.

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 18:20

            Mi stai perculando? ahahahah 😉
            Comunque non mi vedi d’accordo nel paragonare Napoli a Bari e Palermo che sono città con meno abitanti e dal chilometraggio inferiore(km quadrati di territorio), Napoli va confrontata(non solo in materia di Bilancio) a Roma e/o Milano.

          • Federico io non ho astio per nessuno, però tu e Stiglitz non potrete mai convincermi che 500mila euro di nuovo debito al giorno (a fronte di servizi cattivi o nulli) siano cosa buona e giusta.
            Non è facile amministrare, questo sì, ma non per questo possiamo ribaltare le priorità del buon amministratore pubblico italiano nel terzo millennio.

            Ps chi ha detto che il Comune debba fare utili? Addirittura!

  42. forse questo sito necessita di un direttore meno permaloso.

    • In Italia le dimissioni non si danno. Magari se gli danno una lauta buonuscita, magari ci pensa

      • Gallo, ne ha scritte di cantonate. Tifosi, Sarri, “l’amato” Benitez, Napoli Città….. mammamia da brividi. Le dimissioni? e che va a fare cosa sa fare?

        • Ormai è un barzellertiere

          • Hai visto, ti ho persino upvotato XD

          • Almeno su qualcos’altro andiamo d’accordo.
            Però smettila di vedere il Napoli perdente a vita e senza via di uscita.
            Maradona e qual Napoli è l’esempio.

          • Mai visto il Napoli perdente, lo vedo per quello che è, una società in crescita. Può fare di più? Si. Si deve indebitare per farlo? No. Però adesso non litighiamo mi raccomando XD

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 3:33

            Ma il fatto che il Napoli calcio non ha voluto dare i diiritti per riproporre alcuni goal di Diego? ne vogliamo parlare?

          • Non per difenderli, ma perché avrebbero dovuto? Ti ricordo che si è trattato di festa privata organizzata da privati con sponsor privati. La verità è che c’è stata disorganizzazione totale, sono stati sbagliati i modi e i tempi.

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 18:24

            Perchè si trattava adi Maradona, quello che prima di Sarri(e del suo gioco europeo) ha fatto parlare del Napoli nel mondo. Sarebbe stato un gesto carino e distensivo!
            Che poi è stato un evento disorganizzato(fatto con i piedi) ed errato per modi e tempi convengo pienamente con te.
            L’avv. Pisani(legale di Maradona) ha publicamente detto che avevano richiesto materriale audiovisivo alla SSC Napoli.

          • Guarda, ci sono troppi retroscena non svelati sul modo in cui è stata organizzata questa festa, e probabilmente c’entrano molto anche le tensioni tra comune e società. Ma stante così le cose, e trattandosi di festa privata, non me la sento di addossare colpe al Napoli di non aver acconsentito allo sfruttamento commerciale di un proprio bene.

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 19:04

            Una posizione che posso rispettare, quella dele Napoli, ma che non mi trova d’accordo. Alle volte tendere un braccio è più produttivo del muro contro muro!

    • Jacopo Carrucci 6 luglio 2017, 10:31

      Bianco!
      E drnice: nero!

  43. Dopo questo articolo fazioso, falso e patetico lontano da ogni reale informazione chiudete il Napolista? O la dignità è un optional?

    • Enrico Pessina 5 luglio 2017, 23:08

      La seconda che hai detto.

    • Jacopo Carrucci 6 luglio 2017, 10:30

      Chiudere? Ma se con tutti questi vostri clic (tanto sempre qui state) prospera una bellezza ahah.

      • Federico Villani 6 luglio 2017, 20:21

        Ma quale chiudere, ben vengano voci diverse, che si confutano l’una con l’altra. Tutto questo non fa che accrescere il dibattito, far proliferare la dialettica.
        Nel caso specifico della vicenda, però, Gallo ed il Napolista hanno toppato! trattando l’argomento con superficialità(Lacunosi e parziali).

  44. Stefano Valanzuolo 5 luglio 2017, 22:47

    La cittadinanza onoraria a Maradona era un atto dovuto (semmai resta scandaloso il fatto che sia arrivata dopo quella a Gokhan Inler!). Disastrosa l’organizzazione del tutto, con i cantanti (modesti), i presentatori (modestissimi), gli orrendi Pulcinella, i video sfocati, i falsi tifosi e quelli per cui il 5 luglio di 33 anni fa è stato un giorno qualsiasi. Questo dimostra, semmai, l’incapacità organizzativa di una parte della città che ancora si affida alla favoletta del napoletano fantasioso, creativo, simpatico… Cose del genere si organizzano per tempo e con cura professionale, o si rischia il flop. Un comico, per esempio, non si può improvvisare “direttore artistico”. A ognuno il suo mestiere. Da qui a parlare di “sconfitta” del sindaco che ha conferito la cittadinanza (peccando di superficialità, certo) mi pare ce ne corra e confondere una serata male organizzata con gli autobus che fanno ritardo mi sembra fuorviante. Dopo di che, almeno io, personalmente, quel cordone ombelicale non lo taglierò mai. Mai.

    • Jacopo Carrucci 6 luglio 2017, 10:42

      Stefano almeno tu fai un commento ragionato rispetto al latrare da teatrino da rivista di cui sopra. La sconfitta politica – politica non altro – del sindaco c’è, ed è una cosa che i giornalisti politici come Gallo (si è occupato di politica molto prima dello sport) non possono non notare. Se non vai in piazza, tu, ex sindaco di strada, è perchè temi l’effetto fischi De Luca-Battiato. Punto, è palese. È vero: mettere in mezzo i disservizi non c’entra ma il flop di piazza, l’inadeguatissimo Siani (ieri e al San Carlo), l’ambigua faccenda sponsor e la cittadinanza-show sono frutto di strategie improvvisate, raffazzonate, sbilenche. E de Magistris ne viene risucchiato: l’onda ‘popolare’ fa strani scherzi. Ps. Poi Diego è Diego ma evitiamo di consumarlo e di sciuparlo peró.

      • Mi sa che se De Magistris fosse andato in piazza avrebbe dato ragione a chi l’accusava di volersi fare pubblicità. Secondo me ha fatto bene a separare l’atto istituzionale da quello spettacolare.

        • Niente da fare, sono proprio in malafede. Non è andato? Per non prendersi i fischi (perché prevedono il futuro o, peggio, pensano che tutta Napoli la pensi come loro). Se fosse andato? Populista. Mettere in mezzo i disservizi non c’entra, ma ne viene risucchiato lo stesso. Anche se la festa è stata organizzata privatamente con fondi privati le strategie raffazzonate sono le sue. Poche idee e molto confuse.

    • Purtroppo a Napoli speriamo sempre che una bella inquadratura del Vesuvio o di Capri sullo sfondo risolva tutto. Questo è il livello organizzativo che abbiamo a Napoli.

      Comunque è ovvio che si sia voluto attaccare chi siede a Palazzo San Giacomo ma in maniera indiretta, cosa sempre meschina a mio parere. I problemi si affrontano apertamente e proponendo soluzioni realistiche e non usando solo l’arma della critica.
      E lo dice uno non particolarmente amante del lavoro di De Magistris, ma quando è troppo è troppo.

  45. Enrico Pessina 5 luglio 2017, 22:46

    Sig. Gallo, Gambrinus non ha il Wi-Fi, vabbè, ma lei ce l’ha la televisione?
    Se ce l’ha, si sintonizzi su canale 21 e provi a contare il pubblico.
    Se non ha pazienza, guardi con attenzione quando viene inquadrata la piazza.

    • Tu invece mettiti a contare i colombi come De Vico in Tototruffa

      • Fai il paio con Gallo. Il Gallo e la gallina. Ma tanto si sa, sputare in faccia è lo sport nazionale ma, come si dice, nun sputà all’aria ca n’faccia te torna.

        • Basta vedere Sky per capire che le cose stanno andando come descritto da Gallo…

          • Peccato non aver acceso il decoder. Tu invece canale 21 lo vedi? Sai, lo danno anche in streaming.

          • Ti piace farti del male??? La presentazione all’americana di Renica, Giordano, La Tota e De Napoli mi è bastata… Non ho bisogno di streaming… metto il canale nr 12… Sky parla di non più di 6500 presenze…

          • Sei tu che ti fai del male. A quelli di Sky gli do un fracco di soldi da un circa 8 anni e sinceramente non mi sono mai accorto della loro equidistanza quando si tratta di parlare del Napoli. Persino Ugolini mi sembra più napoletano di quel piacione di Modugno.

          • Siamo in due a pagare Sky profumatamente… purtroppo quello è un monopolio, le lacrime della D’Amico a Cardiff sono uno scandalo. Mediaset non è autorevole tanto da affidarsi a loro. Beviamo l’amaro calice…

          • Sei patetico

          • Ma dico io veramente credevi che NAPOLI si era dimenticato di MARADONA?
            E in base a che poi doveva farlo?
            Perché il tuo padrone va scrivendo ste fesserie??

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 3:34

            Ma del fatto che il Napoli calcio non ha voluto dare i diiritti per riproporre alcuni goal di Diego all festa di piazza ne vogliamo parlare?

          • Bravo hai detto bene: festa di piazza…. Poteva trasformarsi nella sagra del vino con la percoca…

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 18:27

            Ma che rispsosta lacunosa, come gli articoli di Gallo sulla napoletanità, la normalizzazione ed in generale su tutta la vicenda…

            Io sono capace di dire che l’evento è stato organizzato malissimo che tempi e modi sono assolutamente criticabili. Tu riesci a criticare la società? una volta nella tua vita?

          • A parte che visto l’argomento la società non si può criticare perché non ha preso parte all’evento. Ma criticarla quando c’è da sottolineare un aspetto negativo certo. Ma per cultura ed background tu critichi se il pallone è sgonfio io critico se la società mette a rischio la continuità di risultati o peggio l’affidabilità economica…

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 19:37

            1 Evidentemente non hai letto alcuni miei post sulle critictà, evidenti, della SSC Napoli… a proposito di pallone sgonfio!
            2 Il Napoi non è una squadra perdente(e sono d’accordo, in base alla dimensione della stessa) però da quando ero piccolo mi hanno insegnato che il risultato sportivo, a differenza di quello accademico, lavorativo etc., si soppesa con i trofei(infatti non mi sentirai mai ragionare in questo modo, parlando di risultati sportivi). Dall’immagine che utilizzi come avatar, presumo che sei un grande estimatore di De Laurentiis, Bene, sei conscio che allo stato attuale(salvo qualche vittoria importante o cammino importante in champions) il fatturato del Napoli non potrà crescere in maniera sensibile?(per politica aziendale) secondo calcio e finanza e sole 24 ore, salvo partnership con marchi multinazionali per far accrescere sensibilmete il valore introitabile dal marketing o la costruzione di infrastrutture quali lo stadio il Napoli non ha margini di crescita ulteriore. C’è il pericolo, molto reale di farsi scavalcare dalle Milanesi(cinesi) in breve tempo e quelli che tu chiami risultati sportivi(che consentono il Napoli di assestarsi a 150 milioni di fatturato e di sostenere costi fissi relativamente elevati) potrebbero diminuire e di conseguenza porteranno alla cessione dei pezzi migliori per insosteniblità dei costi fissi(stipendi) e ricominciare tutto daccapo, ecco perchè nonostante sia contento degli 8 anni consecutivi in euopa,vorrei che si facesse una costante pressione su De Laurentiis affinche stabiiizzi il Napoli tra i primi tre fatturati così da consentirci di essere perennemente tra le prime del campionato.(se hai fatto caso non ho mai detto vulimm vincere o cacc e sord…) Spero che addeso ti sia chiaro che non sono prevenuto verso la società(DeLa).

          • Il Napoli attuale rispetto alle dimensioni economiche della città è già sovradimensionato. Il Milan e l’Inter per retaggio ed economia cittadina sono molto al di sopra del Napoli e giocoforza sopravanzeranno il Napoli. È solo questione di tempo. Il Napoli attuale è competitivo grazie alle intuizioni di ADL. Il quale è un imprenditore che deve trarre dei profitti dalla propria attività. ADL non trova appoggi in città sullo stadio. Quindi il fatturato rimane quello legato per grandissima parte alle TV ed al risultato sportivo. I soldi della Champions “drogano” la società. Speriamo di manenterci nelle prime quattro in modo da consolidare la posizione autorevole in Italia ed in Europa. De Laurentiis è la garanzia perché questo possa avvenire nel lasso ti tempo più largo. Perché è un presidente, per fortuna, alieno alle pressioni della piazza. Cerca con iniziative estemporanee (imprenditori cinesi a Dimaro) di proporre il marchio Napoli su nuovi mercati. Ma la base (il San Paolo) per aumentare il volume del fatturato è inalienabile, ne il sindaco sembra disposto a fare carte.

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 21:28

            Talmente superiore che le due società culto, Milan ed Inter, sono finite in mani cinesi… altrimenti si sarebbero “caputat”! o nello scenario migliore avrebbero vivacchiato.

            De Laurentiis non è un buon presidente ma OTTIMO!!! però dire che i meriti sono tutti suoi lo trovo paradossale.. Il fatturato del napoli come dici tu sono dovuti al rendimento della squadra(Tv e champions) e quindi in pproporzione nella torta percentuale ilmerito maggiore lo hanno i dipendenti(Ds,tecnici e calciatori che si sono susseguiti) Inoltre se fosse questo re mida che tu dici ccme mai città del cinema ha un buco siderale di 30 milioni?
            ti ripeto, per aumentare sensibiimete il fatturato e continuare a gioire per il rendimento della squadra il Napoli necessita di infrastrutture(stadio) e partnership con multinazionali.e per fare ciò bisogna avere un piano aziendale nel lungo periodo(impegnare risorse, ingenti, e averne la volontà es. pallotta a cui consentiranno di fare lo stadio, perchè insieme ai partner si accolleranno la boniifica dell’area individuata e la costuzxione di tutti i collegamenti(es strade). DeLa ha una visone, attualmente, di breve/medio termine. e forse non ne ha la forza, non c’è nulla di male in ciò.

          • Pallotta sta vendendo mezza squadra con gli introiti CL garantiti. ADL con i preliminari tiene i migliori. Io non ho ancora tutti capelli bianchi, ma credo che quando sarò completamente canuto Napoli e Roma lo stadio di proprietà no lo avranno ancora. ADL non credo abbia la forza per fare da solo lo stadio. Ma la città ed sindaco non sono d’aiuto. Oggi l’unico strada possibile per un nuovo stadio è ripensare e ristrutturare il San Paolo. Bagnoli non è ben collegata ma poi è talmente un buco burocratico che forse nemmeno i figli dei nostri nipoti vedranno qualcosa di concreto… Per quanto riguarda le partnership io credo che vorrebbero anche investire ma ADL no lascia troppi margini di entrata e poi il mercato a cui vendere il Napoli non è troppo strutturato tantomeno attrattivo per investire. Il 95% delle sciarpe allo stadio sono false… Per la città questo Napoli attuale è già troppo… Napoli è una città povera. Non offre servizi, griffes e un’offerta culturale adeguata. Offre a pizz’ e i taralli oltre c’è il nulla per questo le multinazionali ci schifano…

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 22:09

            La Roma aveva un buco di 300 milioni post Sensi e con il lavoro certosino prima di sabatini poi in minor modo di Monchi sono arrivati quasi a ripianarlo del tutto…. il Napoli è partito con 0 debiti…
            Le due cose non sono paragonabili.
            Pallotta nel mentre ha firmato un impegnativa epresentato esosi studi di settore al comune di tasca propria e sicuramete lo stadio lo farà(posso scommeterci) perchè altrimenti abbandona armi e bagagli e se ne va.
            Per quanto riguarda Bagnoli(se è questa l’area interessatta ooè solo per parlare e acquietare gli animi sullo stadio) se DeLa firmasse un imoeganiva per la bonifica, la costruzione dello stadio e dei collegamenti a proprie spese(e dei partner) la burocrazia magicamente prenderebbe una strada velocissima nell’approvazione…
            Per quanto riguarda le multinazionali che ci schifano, da come hai potuto capire leggo molto illsole e calcio e finanza, c’erano due proposte di Adidas e Nike nettamente superiori ll’offerta della kappa il tutto lo ai perchè non si è concretizzato? perchè quando siiè parlato di storee punti vendita il napoli(8società) è scess dal pero e ha fatto scappare le due multinazionali che cito:<>

          • DeLa non si può sostituire alle istituzioni a Bagnoli. Quelli che tu citi sono passaggi che non possono essere di competenza di una società di calcio o di un imprenditore solo. Ci sono tavoli e commissari e tu lo vai trovando da ADL. Se ADL avesse la concessione per 99 anni del San Paolo, che non è il paltò di Napoleone, serebbe messo alla prova. Ma finché ci sono queste schermaglie la città sarebbe d’ostacolo a se stessa. Capitolo Pallotta: la Roma era/è piena di debiti e Pallotta ha investito con l’obiettivo di costruire lo stadio e ramificarsi nel tessuto capitolino. Quindi Pallotta come ADL fanno affari. Però nella tua lettura (capziosa) ADL avessa ffà a bonifica e Bagnoli e Pallotta è un santo perché paga di tasca sua i progetti per il nuovo stadio…

          • Federico Villani 7 luglio 2017, 23:09

            Sei tu che ci vedi la capziosità….(io riporto FATTI) e questo è tutto dire!
            Sia Pallotta che de Laurentiis sono due imprenditori che vogliono fare utili(guadagnarci dalle loro rispettive società) cosa legittima e non contestabile!
            Hai dimenticato che precedentemente ti ho incluso anche la Boniica tra le spese a carico della società di pallotta e parters.
            Esistono numerosi esempi di burocrazia che rallenta le operazioni(verissimo) ma altrettanti esempi dove la burocrazia invece ha favorito le operazioni. Se allo stato o agli enti locali gli bonifichiil territoriio e costruisci infrastrutture che ne aumentano la sicurezza, il proliferare di attività impreditoriali etc etc. a costo 0(quindi accolandoti i costi) per l’amministrazione non si oppongono mai!!!!

      • Sei un barzellertiere come questo sito.
        E’ da una vita che gli fai da palo.

  46. In questo momento, #Plebiscito è nei Trending Topics di Twitter. E le foto raccontano una realtà ben diversa da quella di Gallo. https://twitter.com/SC_ESPN/status/882699860935397376

    • Stavo per scrivergli di aggiornare il sito con un update. Vedo la trasmissione su canale 21 e ad occhio e croce mi sembrano un tantino in più di 5000. Ora, dopo DeMa e la Napoli che fu, chi ha perso?
      PS. E meno male che il Gambrinus (giustamente definito storico ergo conserva le origini) non ha il Wi-Fi, almeno un posto dove parlare di persona c’è rimasto in questa città avanguardista. Ora se la piglierà col caffè sospeso, così anacronistico, vuoi mettere un bel caffè pagato con PayPal?

    • Carlo Beccaria 5 luglio 2017, 23:00

      Gallo…..solo 50 tifosi del Napoli al raduno di Castevolturno!!!!!! per il Milan erano i 5.000
      Camma fà??? Dobbiamo dichiarare il fallimento di Aurelio??????

      • Gli altri un 64.950 tifosi stanno a Bagnoli, dove il magnifico presidente ha già risanato l’area e costruito la nuova cittadella del Napoli con lo stadio, il centro sportivo, i negozi, i cinema, il palazzo dei congressi… Purtroppo, per colpa di un semaforo manomesso da Giggino birichino, il pullman con la squadra finirà in Trentino. Meno male che c’è Gallo, perché gli altri queste cose non le dicono. Svegliaaaa!!!!1!!!1!

        • Carlo Beccaria 5 luglio 2017, 23:20

          Tra un anno dirà…..”ma a napoli non si può fare nulla, la bonifica andrà avanti per 10 anni”.
          E’ molto furbo. ha scelto l’unico posto dove fare lo stadio è impossibile, per ostacoli politici e ambientale, in modo da poter dire per altri 10 anni che la colpa non è sua, ma del sindaco di turno

        • giancarlo percuoco 6 luglio 2017, 6:30

          c’è pure un cinema porno.

  47. Carlo Beccaria 5 luglio 2017, 22:45

    La cerimonia della cittadinanza onoraria non prevede infatti che si siano milioni di persone
    Ora io non voglio difendere Giggino, però voglio fare una scommessa: quando ADL scenderà in politica, se un giorno dovesse farlo, Gallo diventerà il suo portavoce. Intanto la Repubblica – notoriamente filo ggggiggina – parla di 10.000 persone e non 5.000.
    Ma fossero anche 5.000 non vedo come questo possa indicare un fallimento di Giggino.
    Se Giggino ha paura dei fischi, cosa sarebbero stati i fischi di appena 5.000 persone.
    Gallo: Alla fine Maradona è andato in Comune. E non hai rettificato la tua panzana
    Gallo: se Giggino avesse paura dei fischi, non uscirebbe di casa
    Gallo: se Napoli ha chiuso con il passato, smettiamola di usare il passato per criticare il presente.
    Stai sempre a parlare male di Maradona, dell’era di Maradona e della rottura con il passato. Continuamente. Abbiamo capito che il tuo Aurelio, il più grande innovatore culturale a Napoli (con sede sportiva a castevolturno – non sua, ma in affitto – e sede legale a Roma) è il presente ed il futuro.
    Allora parliamo di presente e di futuro. Parliamo dei 12 milioni per Mario Rui e del quinquennale che ADL gil vuole fare.

    • de magistris e’ statosobrio ha fatto la parte formale e la parte formale si fa in una sala del comune ha fatto bene a nn andare sul palco nn e’ un cabarettista, inoltre potevano pensarci altri sindaci prima di lui avevano trent anni di tempo

  48. Max Gallo, hai dimenticato Ciro Ferrara lo juventino dentro, sobillato di caterve di fischi. Come vedi un po di movimenti c’è stato. I napoletani non amano lo juventino dentro, proprio no.

  49. Ma scusate ma sinpuo fare una cronaca seria? A canale 22 sembra tutto pieno dite la verità per chi non c è ps ho visto maradona straubriaco che tglia la torta al ristorante non riusciva nemmeno a parlare che pena che strazio

  50. Enrico Pessina 5 luglio 2017, 22:34

    Com’è il limone?

  51. Ripeto pure qua.
    Faccia rettifica a questo articolo, le immagini in diretta su canale 21 raccontano altro.

  52. Gallo sei patetico

    • Ieri consigliava ai nostalgici di guardarsi i video su youtube, perché a Napoli c’è internet. Oggi scopre che al Gambrinus non funziona il wifi. Domani scriverà che è colpa di De Magistris, che ha rotto l’internet.

      • Federico Villani 6 luglio 2017, 1:35

        ahahahahahahhahhahah xD

      • Musica Pertutti 6 luglio 2017, 10:09

        Per fortuna che non ha internet il Gambrinus altrimenti al tavolino ti faceva pagare l’intero abbonamento flat!

    • Squalo, lo sa!

    • aristoteles logatto 6 luglio 2017, 6:33

      Desolato direttore ma sono d’accordo con i vari squali. Va bene che Napoli guardi avanti, va bene che il gambrinus non abbia il wifi ma l’ennesimo attacco al sindaco proprio no. A meno che lei non preferisse come sindaco qualcuno che permettesse infiltrazioni mafiose

      • Sto chiedendo da giorni a chi odia De Magistris (perché questo è odio, non sono differenze politiche) chi vorrebbe al suo posto. Hai presente l’elettroencefalogramma piatto? La verità è che a taluni va bene chiunque, basta sia del partito per il quale tifa, a questo sta la discussione politica nel nostro paese.

Comments are closed.