’Ndrangheta e bagarinaggio, Rocco Dominello condannato a 7 anni e 9 mesi

Il Tribunale ha sostanzialmente accolto le tesi della Procura. Assolto l’ultrà juventino Fabio Germani

’Ndrangheta e bagarinaggio, Rocco Dominello condannato a 7 anni e 9 mesi

Condannato anche il padre Saverio (12 anni)

Rocco Dominello, grande protagonista della giustizia penale e sportiva per l’accusa di aver fatto da trait-d’union tra Juventus e gli ultras e aver arricchito gli affari della ‘ndrangheta col bagarinaggio, è stato condannato a 7 anni di carcere dal Tribunale di Torino al termine del processo “Alto Piemonte. Il padre, Saverio, 62 anni, è stato condannato a dodici anni, un mese e dieci giorni.

Per l’accusa, padre e figlio hanno gestito per anni il bagarinaggio tra ultrà, e garantito un clima di tranquillità allo stadio. In cambio, hanno avuto libero accesso al mercato nero dei biglietti, nel senso che avrebbero ottenuto centinaia di ticket da rivendere, «grazie alla forza del loro nome». Assolto invece Fabio Germani fondatore dell’associazione “Italia bianconera”.

Questo l’esito del primo grado del processo penale che avrà un’appendice sportiva a settembre e potrebbe avere ripercussioni sulla Juventus e Andrea Agnelli.

ilnapolista © riproduzione riservata