Il lungo elenco dei record del Napoli e un solo punto debole: concessi 34 gol in area

Nessuno tira meglio del Napoli, nessuno segna e corre di più, la squadra di Sarri è prima anche per gioco nella metà campo avversaria. La Juve, però, subisce meno conclusioni.

Il lungo elenco dei record del Napoli e un solo punto debole: concessi 34 gol in area

Statistiche basiche e statistiche avanzate

I numeri riescono a raccontare storie. Soprattutto quando si parla di calcio, le statistiche definiscono tutto quello che è necessario sapere, o quasi. Definiscono i confini, i sistemi di gioco. Spiegano dove come una squadra ha vinto o perso, al di là della caratteristica episodica dei punti in classifica. Quelli possono essere definiti anche in base a una deviazione sfortunata, ma sono soprattutto legati a una serie di fattori iniziali. I gol fatti, quelli subiti; il rendimento in casa, quello in trasferta; il numero di vittorie, pareggi e sconfitte.Statistiche basiche, insomma, in cui il Napoli è descritto e si descrive alla perfezione. Il miglior attacco della Serie A, con 92 gol fatti; la terza miglior difesa, con 39 reti al passivo; il miglior rendimento esterno, con 43 punti su 57, e il terzo posto in classifica per quanto riguarda le partite casalinghe (43 punti anche in questa graduatoria particolare).

Per andare oltre queste cifre, bisogna scendere nei dettagli. Nei particolari. I cosiddetti Big Data, ovvero la serie di numeri che poi porta alla formazione delle statistiche abbiamo letto sopra. Che, in qualche modo, riescono anche a spiegare come gioca una squadra. Quali sono i principi che hanno portato, per esempio, il Napoli a segnare così tanto. È la descrizione del tipo di calcio. Parametri oggettivi che si integrano con quelli già citati, li ampliano e li completano. Questi, per esempio, dicono che il Napoli è la miglior squadra per molti aspetti.

Attacco

Intanto, il numero di gol su azione manovrata. Anzi, in Open Play, per dirla con la dicitura ufficiale. Nessuno come gli azzurri, a segno per 75 volte su senza ricorrere a calci piazzati. La Roma, seconda in questa graduatoria, arriva a 58. Anche i gol su calcio piazzato sorridono alla squadra di Sarri. Più di quanto fatto l’anno scorso, ad esempio: 5 rigori, 9 azioni d’angolo e 3 da calcio di punizione. Totale 17. Nel 2015/2016 ci si fermò a 13, però con 7 rigori. Nella stagione in corso, c’è differenza rispetto alle 29 realizzazioni della Lazio e alle 25 della Roma. Le due squadre capitoline, però, contano 12 rigori segnati a testa. Per la Juventus, cifra simile al Napoli: 20 gol su palla da fermo, 3 da penalty.

Conclusioni verso la porta: Napoli secondo in classifica nella quota per match, 17.7. La Roma è prima con 17.8. Nessuno meglio degli azzurri per conclusioni da fuori area (8.1 per match), quarto posto per quelle all’interno dei 16 metri (367, 9,66 per match). Il Napoli è terzo in classifica per shot accuracy, ovvero il rapporto tra tiri tentati e tiri finiti nello specchio della porta (50%). In realtà, le prime due di questa particolare graduatoria (Cagliari e Sassuolo) arrivano a 52% e 51%, ma hanno un numero di tentativi molto più basso rispetto a quelli del Napoli (11.05 e 11,63 per partita, contro i 17,7 del Napoli). Ultima statistica particolare per i tentativi verso la porta: nessuno come la squadra di Sarri per numero di conclusioni col piede destro, addirittura 12 per partita.

Ultime statistiche riferite al gioco d’attacco: Napoli in testa per occupazione del campo avversario. La squadra di Sarri, infatti, primeggia nella percentuale di gioco nel terzo offensivo di campo (31%) e nel terzo centrale (48%). Come logica conseguenza, nessuno gioca il pallone per meno tempo nella propria metà campo (21%).

Difesa e possesso palla

La zona arretrata è il luogo delle dolenti note, ma non troppo. Il Napoli, infatti, è la seconda squadra della Serie A per numero di conclusioni concesse per match (10.2). Al primo posto c’è la Juventus, che in realtà non sarebbe neanche lontanissima (9,3). Il Napoli è anche la squadra più corretta del torneo, con un totale di 9,9 falli per match e appena 58 ammonizioni. Due soli, invece, i cartellini rossi.

Queste statistiche difensive, ovviamente, non tengono conto della qualità delle occasioni concesse. Il tallone d’Achille di questa squadra è stata proprio la tendenza ad offrire agli avversari conclusioni facili. Dal punto di vista statistico, questo dato è riferibile, per esempio, alle 34 reti concesse dall’interno dell’area di rigore. Una cifra molto alta rispetto a quella della Juventus, che si ferma a 23. Ma non molto differente da quella della Roma, che anzi è in vantaggio di appena una marcatura (33 gol incassati dall’interno dell’area).

Le buone cifre difensive vanno ricondotte anche al grande lavoro di possesso palla e copertura del campo da parte della squadra di Sarri. Nessuno corre come gli azzurri (109 km percorsi in media), nessuno tiene palla come gli azzurri: 87% di accuratezza nei passaggi, lunghezza media negli appoggi di 17 metri (la più bassa del torneo), possesso palla medio del 57% con 578 passaggi riusciti per match. La Juventus, seconda in classifica, arriva a 448.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Statistiche “avanzate” nel senso di avanzate da qualcuno in trattoria?

    Anche un dilettante può trovare delle statistiche decenti, non proprio avanzate.

    Ad esempio il Napoli ha totalizzato 70 E-G (al netto di rigori e autogoal) e fatto 94 goal, che al netto di rigori e autogoal sono 89.

    E’ una grande performance dei giocatori, non solo del gioco.Quasi il 30% rispetto ai goal attesi.

    Viceversa ha concesso 29 E-G (sempre al netto di autogoal subiti e rigori subiti). Ha subito 39 goal che al netto diventano 36. E questo quasi 25% in più di quanto dovuto annulla i vantaggi della performance degli attaccanti.

    Di chi è la colpa?

    Può essere del portiere o semplicemente il Napoli è stato sfortunato a beccare attaccanti più precisi del solito contro di lui.

    Per valutare quuale componente ha pesato di più bisogna valutare la performance di Reina. Non è facile valutarla ma un buon indicatore è la differenza tra le reti reali e le reti attese al numeratore, con la percentuale di parate (sui tiri subiti) al denominatore.
    Reina non ha fatto molto bene e sta abbastanza in fondo nella classifica dei portieri di serie A.
    Anche utilzzando altri parametri non si ottiene per lui una buona classifica.
    Quindi diciamo un po’ di sfortuna e un po’ però anche Reina.

    • Un’altra tra le varie cose di un qualche interesse e questa: Il Napoli gioca praticamente quasi in un solo modo, sia che stia pareggiando, sia che stia vincendo, sia che stia perdendo.E’ anche la sua bellezza e la sua spettacolarità però porta anche a fare dei goal per così dire superflui.
      La Juventus gioca in diversi modi e se spinge e si assicura il risultato tende a controllare la partita e questo comporta che segna anche meno.

      Quanti sono i goal superflui del Napoli? 34
      E quelli della Juve? 28

      E quelli superflui subiti? 2 ciascuno.
      Sottraendo i goal superflui abbiamo:
      Napoli 94-34=60 e 39-2=37
      Juve 77-28=49 e 27-2=25
      Questi sono i goal “utili” di entrambi.
      Il rapporto è per il:

      Napoli 60/37=1,62

      Juve 49/25=1,96

      Che rappresentano quanti goal utili hanno fatto per ogni goal utile subito.
      La Juventus ha fatto 91 punti ma ha realizzato quasi 2 goal (1,96) per ogni goal subito.
      Il Napoli ha realizzato 86 punti con 1,62 goal “utili” fatti per ogni goal subito.

      E’ evidente come il Napoli abbia capitalizzato bene i goal utili, ma sia mancato di goal nelle partite “da vincere” e abbia invece abbondato dove bastava anche meno.

  2. Enrico Marrucci 30 maggio 2017, 14:44

    I gol segnati non sono 94?

Comments are closed.