Con questa partita il Napoli ha fatto un passo avanti enorme

Abbiamo avuto a un certo punto il sogno a portata di mano e troppa è stata la delusione. Abbiamo fatto un passo avanti, enorme.

Con questa partita il Napoli ha fatto un passo avanti enorme
L'esultanza di Insigne e Hamsik al gol di Mertens (Cuomo)

La definizione della Treccani

Quando dall’urna è uscito l’accoppiamento Napoli-Real Madrid lo sapevamo tutti che saremmo usciti dalla Champions League. Nello stesso istante, però, abbiamo cominciato a coltivare il sogno del passaggio del turno. Un sogno. Il vocabolario Treccani lo definisce “immaginazione vana, fantastica, di cose irrealizzabili”. Eppure il Napoli l’ha inseguito quel sogno. È andato in vantaggio sia nella partita di andata che in quella di ritorno. Ha lottato, corso, sperato.

I sogni si possono realizzare solo così, in fondo, mettendocela tutta, facendo di più di quanto puoi ragionevolmente pensare.
Il Real è più forte e nello sport i più forti, di solito, vincono. È andata come doveva andare, quindi. Ma non è stata la passeggiata che doveva essere sulla carta.
Per realizzare il sogno avremmo dovuto segnare due gol senza subirne. Il Napoli per 50 minuti ha letteralmente annichilito i blancos. In un San Paolo che non si vedeva così bello e festante da troppo tempo, gli azzurri hanno fatto quasi tutto alla perfezione.

Il collega spagnolo…

I giornalisti spagnoli nel dopo partita hanno chiesto conto a Zidane di quel primo tempo in cui Ronaldo & Co. sembravano non essere in campo. Ne sono rimasti meravigliati, così come ne è rimasto incantato il pubblico azzurro allo stadio e davanti alla Tv. Quando erano trascorsi 135 dei 180 minuti complessivi della doppia sfida il Napoli era ad un gol dal passaggio del turno. La “cosa irrealizzabile” non era più tale. Ci hanno svegliato due colpi di testa di Ramos, uno che di gol in carriere ne ha fatti 68, alcuni pesantissimi, non serve ricordarli.

Niente graduatorie

La partita è finita lì. Avremmo voluto e meritato un risultato diverso, ma non si poteva chiedere a chi ha visto un sogno svanire proprio mentre lo sta afferrando di continuare a giocare per la gloria. Troppa era la delusione. Comprensibile.
Dopo una serata così, ad ogni modo, non ce la sentiamo di fare classifiche, di dire chi si è impegnato di più e chi di meno. D’altronde l’immagine che più rappresenta la grandezza di questa squadra non è il gesto tecnico di un singolo, ma sono le decine di palloni che i Galacticos sono stati costretti a gettare in tribuna o a spazzare via come se fossero un Crotone qualunque, asfissiati dal nostro pressing a tutto campo.
Questa squadra ha fatto tutto quello che poteva, ha alzato l’asticella. In fondo alla Champions si partecipa per questo, per giocarsela con i più grandi e poter dire la tua.
Usciamo a testa alta, come ha detto il Capitano nel dopo partita, e con la consapevolezza che quello che avevamo preso per un sogno, in realtà era un progetto. Abbiamo fatto un passo avanti, enorme. Sappiamo di potercela giocare con il Real e, dunque, con chiunque.
ilnapolista © riproduzione riservata
  1. dino ricciardi 9 Marzo 2017, 9:04

    Condivido tutto

  2. Gianni Scotto 8 Marzo 2017, 16:38

    Sottoscrivo al 100% riguardiamoceli quei 55 minuti. Non ci annoieremo. Abbiamo alzato l’asticella, aspettiamo fiduciosi la prossima Champions. E a proposito, vediamo di far bene nelle due partite contro la juve.

  3. mah , secondo me bisogna avere un piano per arrivare ad esssere una grande squadra.
    consolarci per il buon impegno dei giocatori non basta, ci vogliono investimenti e con questa società non si va oltre

    • non so perché pensare che “non si va oltre”, mi sembra che la crescita sia costante e regolare…certo non abbiamo nababbi che mettono sul piatto 300 milioni per fare ciò che si vuole, ma con accortezza mi pare che le risorse disponibili si stiano facendo fruttare. Se già riuscissimo a fare due o tre champions consecutive non sarebbe mica un miglioramento da poco. Insomma, credo che società, allenatore e giocatori meritino un pizzico in più di fiducia

  4. Mario Pansera 8 Marzo 2017, 12:05

    riflessione perfetta

  5. Gianni Montieri 8 Marzo 2017, 11:42

    parola per parola, caro Fabio

Comments are closed.