Chievo-Napoli 1-3, magia di Insigne poi Hamsik e Zielinski. Finale in sofferenza

Terza vittoria consecutiva in campionato, 3-0 al 58esimo poi la sofferenza finale. Per il Chievo, gol del subentrato Meggiorini.

Chievo-Napoli 1-3, magia di Insigne poi Hamsik e Zielinski. Finale in sofferenza

Chievo-Napoli 1-3, segnano Insigne e Hamsik nel primo tempo. Poi, Zielinski nella ripresa e Meggiorini per il Chievo.

Primo tempo

Il primo tempo di Chievo-Napoli non è molto diverso da quello che ti aspettavi, da quello che ti saresti aspettato. La squadra di Maran non attacca il primo portatore se non in situazione statica, resta compatta nella sua metà campo. Il Napoli ci mette poco a capire che l’unico modo per creare occasioni è muovere velocemente il pallone dall’interno verso l’esterno. Sovrapposizioni e triangoli continui, inserimenti e tagli. Il solito Napoli, ma il Chievo è difficile da oltrepassare. Due mezze occasioni, nei primi 20′: punizione di Insigne di pochissimo a lato e un tiro al volo di Callejon rimpallato dalla difesa. Per il Chievo, un buon tiro di Birsa su un errore in costruzione di Insigne. Bravo Reina in allungo.

Poi, la nuova magia di Insigne. Palla per lui nella sua mattonella, classico dribbling a uscire e altrettanto classico tiro a giro sul secondo palo. L’uno a zero scuote la partita, il Chievo alza un po’ il ritmo della ripartenza ma poi cade su un errore banale della premiata ditta Gobbi-Sorrentino. Allan crede nel pallone filtrante di Callejon, gli avversari non si capiscono e Hamsik ha il pallone del gol numero 105 e la porta vuota. Due a zero all’intervallo, Allan esce per infortunio.

Secondo tempo

L’inizio del Chievo è turbo, ma il Napoli riprende coscienza del gioco e si impadronisce di nuovo della partita. Il gol del 3-0, siglato da Zielinski, compensa la fortuna della deviazione (decisiva, di Spolli) con un’azione fantastica che parte da Hamsik e Ghoulam e si completa con il quarto gol in campionato del polacco. Il Napoli tiene, Sarri inizia il valzer dei cambi e all’improvviso segna il Chievo. Palla lunga per Meggiorini, Koulibaly buca l’intervento e rete dell’attaccante del Chievo. Comincia la partita di sofferenza, due buone occasioni per i gialloblu su azione tambureggiante. Nel finale, la squadra di Sarri scompare dal campo e il Chievo viene su. Koulibaly e Maksimovic sono in difficoltà, ma il Napoli tiene. È 3-1, Roma momentaneamente superata e Inter ricacciata a -6. Una vittoria che ci voleva, per ripartire al meglio.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Detto di KK e di Maksimovic, Pavoletti è questo?
    Completamente fuori condizione
    Miljk un palmo sopra

    • Effettivamente ho visto un Milik già bello tosto…in pochi minuti ha fatto rivedere il suo talento ormai dimenticato…Pavoletti è comunque una buona riserva nel ruolo…

    • Enrico Pessina 19 febbraio 2017, 17:29

      D’accordo con te: è chiaramente ancora indietro.
      Però mi è sembrato di intravedere segnali di miglioramento.
      Almeno ha giocato 70 minuti e ha dato una mano in difesa.

  2. Primo tempo dominato, a parte la classica cappellata per cui ci stavano per punire alla prima occasione…dopo il tre a zero (con azione spettacolare), abbiamo chiaramente lasciato il gioco agli avversari…del resto la partita di mercoledì e soprattutto il dopo partita non potevano non incidere fisicamente e mentalmente…

  3. Finale? Dimentichiamoci sempre chi abbiamo affrontato mercoledì, mi raccomando. KK è ancora in Africa, ma va bene così per ora. Forza Napoli sempre, dovunque e comunque

    • Sai come la penso, sono Sarriano, ma talvolta proprio non lo capisco… è la terza partita di seguito che Kouly toppa, un po’ di riposo no?

      • Non saprei dirti. Forse come per Zielinsky avrà pensato di farlo rimontare subito a cavallo dopo la sbornia Ronaldo. Chiriches in ogni caso avrebbe meritato di giocare. Mi rendo però pure conto che ormai ogni punto perso in campionato è determinate e più fieno in cascina metti, meglio è. Speriamo di non rimpiangere quei maledetti punti col Palermo.

  4. Enrico Pessina 19 febbraio 2017, 16:59

    Partita discreta, KK e Maksimovic in difficoltà.
    Però contavano i tre punti e sono arrivati.
    Con buona pace di corvi, ciucciuettole e contro-rematori.

    • KK ha dei blackout davvero inspiegabili (soprattutto per uno con il suo talento e il suo fisico). Maksimovic credo avrebbe bisogno di giocare con più continuità per trovare sicurezza.

      • Enrico Pessina 19 febbraio 2017, 17:22

        Vero, Maksimovic è come se fosse sempre un po’ spaesato.
        Su KK ha ragione squalo bianco: non è ancora rientrato dall’Africa.
        Ma per oggi va bene così.

    • Secondo me dall’Africa ci hanno rispedito il fratello gemello Kiavikou Koulibaly…non si spiega altrimenti il cambiamento…

    • giancarlo percuoco 19 febbraio 2017, 17:40

      a me Maksimovic non è dispiaciuto. forse ha sofferto un pochino le mancanze di KK.

Comments are closed.