Hamsik e il Napoli si assomigliano: sono bellissimi, ma a volte si smarriscono

Marek e la sua squadra sono capaci di lampi accecanti e di improvvisi blackout. A entrambi manca l’ultimo passo, dopo aver fatto da zero a novanta: arrivare a cento.

Hamsik e il Napoli si assomigliano: sono bellissimi, ma a volte si smarriscono
Hamsik

Il momento per capirlo

Il momento in cui l’abbiano capito è stato quello del lancio per Insigne. Il momento del gol, dell’uno a zero. Tutto bellissimo, anzi di più. Hamsik è il Napoli, e questa non è una notizia. Non è una novità? Nel senso che siamo coscienti del fatto che molto del Napoli dipende da Hamsik. Gira lui, girano tutti.

No, stiamo dicendo un’altra cosa: Hamsik e il Napoli si assomigliano. Anzi, di più: questo Napoli somiglia ad Hamsik. Entrambi sono bellissimi, capaci di strappare e riempire gli occhi. Ma poi, sono pure inconcludenti. Ovviamente è una forzatura, ma ragioniamoci insieme. Nella narrazione comune, magari quella che supera i confini di Bagnoli e San Giovanni a Teduccio (un modo enfatico per dire “oltre Napoli”, che è una zona abbastanza grossa, e che esiste), Hamsik viene considerato come uno che non ha mai espresso il suo vero potenziale. Un quasi fuoriclasse.

Il problema non sono “le grandi partite”

Un prodotto calcistico incerto, irrisolto nel senso di incompiutezza. Certo, su questo giudizio pesa la (benedetta, per noi) decisione di sposare Napoli. Questa scelta deforma la realtà. La nostra, perché Hamsik è giustamente un simbolo, intoccabile e immarcescibile. Ma anche quella degli altri, che magari avrebbero voluto che uno così finisse in un top club internazionale a far vedere le sue doti. Invidia, certo. Ma anche un ragionamento sulle opportunità.

Quindi, chiariamoci. Non stiamo criticando Hamsik, come potremmo dopo una partita giocata così bene, con dati e statistiche complete (ne abbiamo parlato nella nostra analisi tattica) e quella roba che abbiamo visto sopra. No, il punto è un altro. Stiamo constatando che la storia di Hamsik, la sua dimensione, si sta estendendo sul Napoli. Ci stiamo chiedendo se quella sensazione che il capitano dà in alcune partite non abbia finito per contagiare la sua squadra. Non è un discorso di grandi partite: la storia che “Hamsik sparisce” dai grandi incontri è vera solo quando succede. Basti pensare a Besiktas-Napoli, alla finale di Coppa Italia del 2012, a Napoli-Benfica 3-2 e 4-2, a Juventus-Napoli 2-3 del 2009. Certo, è capitato che qualche gara rilevante sia andata male. Ma è capitato a tutti, a chiunque.

Discontinuità, sensazioni

Il discorso che facciamo noi riguarda il senso di Hamsik, la sua caratteristica e improvvisa assenza in un determinato periodo, in una determinata partita. Se proprio vogliamo trovare un difetto a Marek (si può fare, anche se siamo tifosi del Napoli), è quello della discontinuità. Ecco, appunto. La sensazione che dà il Napoli di quest’anno (ma pure quello dell’ultimissima parte dello scorso campionato) fa riferimento a una cosa che potrebbe essere bellissima, che ne avrebbe le opportunità e le capacità. E invece, all’improvviso, si smarrisce. Per un attimo, anche solo e appena una occasione concessa agli avversari, ma lo fa.

Come il suo capitano, un giocatore di gran classe e dai grandi colpi che ha saputo reinventarsi mezzala completa oltre le incursioni a rete. Come il Napoli, che da squadra-simpatia ha saputo evolversi fino a quello che è oggi, un’aspirante grande squadra. Capace di lampi accecanti, ma anche di improvvisi blackout.

Da novanta a cento

Non stiamo mettendo in discussione le doti, la professionalità, l’attaccamento alla causa di Hamsik. Non stiamo nemmeno cercando di individuare e/o risolvere i problemi genetici dello slovacco e del Napoli (anche se sono soprattutto mentali, per l’uno e per l’altro), stiamo solo notando un percorso parallelo ma al tempo stesso sovrapposto, a braccetto. Una crescita continua, un’evoluzione, un’escalation. Da zero a novanta. Manca l’ultimo tratto, più breve e più difficile. Quello che conduce a cento.

Che poi, a voler essere più romantici e fatalisti possibile, il fatto che questa identificazione sia così profonda, radicata, anche in discorsi come questo, è una cosa bella. Nel senso che poi, dovesse saltare il tappo del grande successo, che a quel punto sarebbe di entrambi, immaginiamo insieme la reazione. Di Hamsik, che da irrisolto (a volte anche per noi, con affetto infinito) diventerebbe vincente e basta. Del Napoli, che porterebbe a compimento un percorso praticamente identico. Immaginiamo la loro gioia, la nostra gioia. La gioia di avercela fatta, anche contro se stessi e una dimensione che sembra una condanna. E che oggi li accomuna, li fa assomigliare e camminare insieme. Lì, a pochi passi dal traguardo.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Ma che volete da hamsik (e callejon) se Sarri li massacra! Non li fa rifiatare mai!

  2. Federico Belli 30 novembre 2016, 18:47

    Se questo è il ritratto del miglior giocatore che avete,figuriamoci tutti gli altri:
    Società 50/100
    Rosa 75/100
    Allenatore 75/100
    Tifoseria 10/100
    Circo mediatico partenopeo 1/100
    Seriamente,non avrà le palle di Bonucci o la concentrazione di Barzagli,ma di certo è l’ultimo dei problemi del napolicchio.

    • Ah ah le palle di Bonucci
      Mi fai morire dal ridere
      Anche io se potessi picchiare gli avversari restando impunito 90′ oppure dare un testata all’arbitro potrei giocare al centro della difesa rubentino in campionato. Infatti in Europa o con la nazionale Bonucci ritorna il difensore mediocre che è

    • Pensa devo quotare un troll Juventino….

  3. Hamsik lo uso come xartina di tornasole per vedere se uno capisce di pallone o meno.

    Hamsik ha la bravura di far sembrare le cose più difficili semplice.
    É una dote innata che lo fa passare sotto traccia.
    Basta andare a spulciare i dati e vedere come sia un leader tecnico ed é ai vertici di tutte le statistiche sui CC.
    Dai goal ai passaggi alle azioni create.

    Grazie per questo articolo, un altro scrittore del Napolista si é palesato 🙂

  4. Diego della Vega 30 novembre 2016, 17:41

    Questo articolo fa pena. Assai. Hamsik irrisolto, inconcludente, discontinuo..il quarto marcatore della storia del Napoli. L’unico vero titolarissimo di questa squadra negli ultimi 10 anni. Hamsik poteva essere chiunque e poteva esserlo ovunque. Lo hanno chiesto tutti. Ha portato una squadra di scafessi a giocare un mondiale e un europeo. Lui ha scelto di restare in una squadra di medio livello e ha dato al Napoli più di quanto il Napoli abbia dato a lui in termini di trofei e vittorie. Hamsik ha dimostrato nei fatti di essere più napoletano dei napoletani quando ha deciso di restare nonostante fosse chiaro che qui avrebbe vinto quasi niente. Perché noi abbiamo avuto il più grande giocatore della storia ma che alla fine ha vinto meno di Barzagli o Torricelli. Inconcludente è questo articolo. Dovete per forza cercare paralleli arditi e arguti. Gli irrisolti siete voi.

  5. Rileggendo il blog mi sono saltati all’occhio un paio di commenti che senza offesa mi hanno fatto un po’ ridere.
    In pratica alcuni vogliono fare catenaccio quando facciamo il golletto.
    Ma come? Anni fa avete riempito di pernacchie Mazzarri e adesso rivolete il suo gioco?
    Credete che il calcio e’ come la play station che si schiaccia il bottone e di colpo si passa nella modalita’ difensiva?

    • giancarlo percuoco 30 novembre 2016, 19:42

      La seconda che hai detto.

    • MA infatti per fare 30 volte uno a 0 devi cambiare mezza squadra

      • Raffaele Sannino 2 dicembre 2016, 0:37

        I soldi c’erano.L’attacante forte non era possibile prenderlo,ad eccezione di tuo nonno.Quindi si ingaggiano giocatori diversi,anche trentenni e parametri zero con ingaggi alti.Prendere meno gol,per compensare la mancanza del grande bomber.Ti sembra così illogico?Guarda che se fosse il caso,tornerei pure al 352 .Hamsik ci ha giocato con quel modulo.

  6. Anch’io sinceramente continuo a non capire cosa ci puo’ fare il buon Sarri se:
    1 lo hanno lasciato con un solo centravanti di ruolo. Assurdo.
    2 gli hanno affibiato un mercato pieno di scommesse.
    Nell’11 titolare quest’anno ci siamo indeboliti con una la panca ricca di scommesse e doppioni.
    Certo dopo avere venduto Higuain per 93 mil di euro, non era questo il mercato che i tifosi sognavano.

    • Ferdinando Palermo 30 novembre 2016, 15:49

      Care’ c’è una ragione perché a me e a te nessuno ci dà 5000 euro netti al giorno per fare gli allenatori. Se fossimo allenatori sapremmo cosa fare.

      • Appunto allora lasciamo lavorare in pace Sarri che a Coverciano era considerato un maestro.

        • Senza soldi non si cantano messe Sarri può fare il bel gioco come a empoli il barcellona se togli neymar suarez messi fa lo stesso palleggio ma nn segna chiaro o no?

    • Raffaele Sannino 2 dicembre 2016, 0:54

      Sarri ha fatto il mercato,se ha un solo centravanti è colpa sua.

  7. Ferdinando Palermo 30 novembre 2016, 12:59

    Il Napoli è arrivato a 90 bruciando le tappe partendo dallo 0 del fallimento. Sarei curioso di sapere se mai qualcuno al mondo ha fatto altrettanto. Come gli sportivi praticanti ben sanno il tratto da 90 a 100 è quello piu duro, lungo e difficile (il lancio della fetta di cocco non è considerato sport).
    Non resta che armarsi di pazienza, forza d’animo e compattezza per affrontare l’ultima scalinata.
    Forza Napoli e adremevuj.

  8. dobbiamo essere consapevoli che il napoli ha iniziato un progetto di gioco votato all attacco, al
    possesso palla, al palleggio all imporre il proprio gioco ed ora devo
    leggere che c é gente che chiede a Sarri di vincere tutte le partite 1 a
    0 neanche fossimo il milan di Capello con Desailly a metá campo mentre
    abbiamo Jorginho, ricordo a tuitti che quando avevamo Mazzarri eravamo
    gli stessi che criticavamo la presenza di Gargano Pazienza e l´assenza
    (cosa sottolineata milioni di volte da ADL di un vero regista “mazzarri m
    ha fatto perdere verratti”) ebbene abbiamo preso benitez per iniziare
    un percorso di bel gioco, l abbiamo notevolmente migliorato e
    perfezionato con Sarri, ha dato organizzazione alla difesa e alla
    squadra, gli hanno venduto il miglior realizzatore della storia della
    serie a la bocca da fuoco e ora VOI CHIEDETE A SARRI DI GIOCARE MALE E
    VINCERE UNO A ZERO di ricredere il suo calcio di fare non uno ma due
    passi indietro e glielo chiedete con i jorginho i mertens gli insigne i
    callejon gli hamsik i ghoulam i zielinski i giaccherini in rosa
    ??????????? giocatori bassi e senza fisico, palleggiatori, perfetti per
    il progetto di Sarri, due sono le cose: O DI CALCIO NON CAPITE NULLA O
    SIETE IN MALAFEDE

    • Ferdinando Palermo 30 novembre 2016, 12:22

      Mammà, quelli che o sei d’accordo con loro o sei in mala fede non si sopportano più.

      • Io non sopporto più quelli che trollano, guarda un po’

        • Ferdinando Palermo 30 novembre 2016, 12:54

          La capacità logico-argomentativa non è di tutti. Sicuramente avrai tante altre belle qualità.

          • Nessuno ti aveva chiesto di confermare la mia tesi, ma grazie lo stesso.

          • Ferdinando Palermo 30 novembre 2016, 13:14

            Se io scrivo che il manicheismo non è più di moda e tu mi dai del troll sarebbe cortese da parte tua spiegare le ragioni a favore del manicheismo stesso. Visto che ti rivolgi a me. Se poi intervieni solo per provocare allora il troll sei tu, ti pare?

          • non hai argomentazioni a supportare le tue tesi, parlo di argomentazioni tecniche..

          • Ferdinando Palermo 30 novembre 2016, 15:53

            Veramente io sono l’unico ad avere una tesi oggettiva e inoppugnabile: la situazione di adesso è questa e bisogna fare di necessità virtù senza lacrime napulitane.
            Tutte le altre si basano sui se e i ma.

          • Raffaele Sannino 2 dicembre 2016, 1:49

            Ma nemmeno sui se ed i ma:si basano sul postulato che Sarri sia completamente all’oscuro della campagna acquisti e che quindi l’attuale situazione sia imputabile del solito colpevole.Quando invece Maurizio è correo di Aurelio…

          • Tu scrivi ciò che scrivi, se non sei capace di veicolare il tuo pensiero… Cmq don’t feed the troll

          • Raffaele Sannino 2 dicembre 2016, 1:17

            Se la mettiamo così,io non sopporto più questi papponisti in incognito che non scrivono mai cacc e sord ma poi alla fine puntano sempre al solito bersaglio.Meglio delcore che questi subdoli…

      • pensa che io non sopporto piu quelli che se critichi la societá sei un cacciasordista antipapponista etc etc … cmq non ho mai detto che tu o altri siete in malafede, ho detto che non capite di calcio, secondo me ovviamente e vi ho anche scritto perché, se poi ti senti chiamato in causa sulla malafede beh.. si vede che hai la coda di paglia..

        • Ferdinando Palermo 30 novembre 2016, 13:35

          Il punto è proprio questo, tu sei sicuro di capire di calcio? Tu dici “io ho ragione perchè ne capisco e chi non è d’accordo…”.
          E allora io ti chiedo: hai fatto Coverciano? Perché pensi di capirne più di chiunque altro? Sentiamo.

          • ho fatto coverciano ma questo non é il punto, il punto é che casualmente il napoli bello efficace con un bel gioco con un allenatore ottimo con giocatori funzionali al palleggio e al gioco vende higuain e crolla e alcuni danno la colpa a Sarri, mi pare un caso troppo strano la concomitanza di questi due fatti o no? poi vabbe inutile che sto qui a dire “l avevo detto” ma cmq l avevo detto che gabbiadini era da vendere, che immobile o balotelli erano le soluzioni come attaccanti di scorta che insigne non diventerá mai un campione…

          • Il fatto è: tu credi veramente alla balla del tecnico quando dice che lui non fa mercato?

          • Perche’ non dobbiamo credergli??
            Per usarlo meglio come parafulmine di Dela?

          • Perché i fatti dicono che non è vero. Anche l’attaccante tanto agognato sarebbe potuto venire tranquillamente Bacca.

          • Sono convinto che nel calcio devi sempre ascoltare e di conseguenza prendere dei giocatori adatti al gioco che intende praticare il tuo allenatore.
            E poi al di la’ di questo, non credo poi tanto che avrebbe speso altri 30 milioni per un 30enne come Bacca dopo che aveva gia’speso 32 per Milik.
            Per me voleva rilanciare l’investimento fatto su Gabbiadini e gli e’ andata male.

          • Fino a un certo punto, gli allenatori hanno spesso fissazioni e ansie bisogna anche imporgli delle intuizioni societarie. Io bacca lo avrei preso dopo Milik a prescindere.

          • Bacca? E mo fumi.. adl spende 30-35 mln per un 30enne? E poi se hai sarri gli prendi lacazette vardy hurry kane costa o chi per esso nn bacca

          • Raffaele Sannino 2 dicembre 2016, 0:46

            Quando qualcuno propone tesi che non accetti allora fuma.Quindi non solo capisci di calcio,ma sai anche tutto tu.Anzi sai cosa?Fatti un blog personale e mettiti a pontificare,così te la canti e te la suoni…

          • No lo dice per dare importanza a giuntoli e responsabilità alla società che nn si palesa mai (vergognoso che Sarri è lasciato solo ai microfoni e adl se parla o twitta sa solo attaccarlo) sceglie i giocatori ovvio ma tu pensi sul serio che abbia voluto o meglio preferito milik a Higuain o a uno forte affermato gabbiadini che nn giocava mai L anno scorso e già sarri disse che era difficile da collocare (si parlo di callejon ceduto perché nn aveva ruolo nel 4-3-1-2 poi cambio modulo ) che sarri preferisce diawara o rog a gente affermata e d esperienza??? Su dai cerchiamo di essere onesti

          • Però come vedi adesso addirittura Diawara è diventato titolare, prendere qualche giocatore che non è proprio nelle fissazioni del tecnico non è sempre questa tragedia che qualcuno fa diventare, altrimenti gli allenatori dovrebbero dimettersi quasi tutti, ma le scenate le fanno solo a Napoli.

            Secondo, non lo dice per dare importanza a Giuntoli, ma perché non gli piace il calcio moderno e la moda dell’allenatore manager all’inglese. Lui è sempre il bastian contrario che non gli piace nulla del calcio di oggi, avrà pure ragione, ma allora smetti di allenare o fai il politico nel calcio non il tecnico. Anche Benitez dava importanza a Bigon, ma veniva considerato normale che anche lui mettesse becco. L’ipocrisia di Sarri nel dire che lui fa solo l’allenatore, per quanto sia realpolitik a volte sfiora il ridicolo.

            Bacca ti ricordo che quest’estate era completamente ostracizzato dall’ambiente Milan vittima della pessima stagione con Mihaijlovic, nonostante avesse segnato 18 gol e Galliani lo avrebbe venduto sui 20 milioni non 30. Sarri ha rifiutato lui e Witsel e chi cerca di difenderlo su questo per sostenere la tesi dell’ADL tirchio sbaglia di grosso, secondo me.

          • Witsel è scandaloso un pachiderma segnatelo pure cosi se va alla juve poi saprai che te l ho detto meglio hernanes di witsel

          • Sì, ma tecnicamente e fisicamente poteva servirti. Comunque tanto per dire che i nomi il Napoli li ha cercati, per poi virare sui giovani talentuosi viste le difficoltà. Il Napoli ha provato Herrera, ma il prezzo era troppo alto, Tolisso praticamente già comprato e Witsel praticamente già comprato.

          • Quindi fammi capire oltre questi nomi c è il vuoto? MA veramente crediamo che tutti rifiutino napoli e che questi fossero gli unici nomi? Per esempio anche van persie era un nome per dire e quella di icardi l ho detto dall inizio che è stata una farsa

          • Secondo me accessibili alle casse del Napoli e bada che quelli stavano già sui 30 40 milioni erano probabilmente i più forti che ds e scout avevano individuato. Altri o stanno già in grandi squadre o prendono grandi cifre di ingaggio.

          • Raffaele Sannino 2 dicembre 2016, 0:49

            Van persie?Ma i cadaveri riesumati li vai a scavare tutti tu?Perché no van Nistelrooij ?Ha l’età di Totti,potrebbe tornare utile.

          • Giuseppe Ballirano 1 dicembre 2016, 3:00

            Molto d’accordo con te.
            Quanto scetticismo, quanto avvilimento, quanto arrovellarsi e tutto per qualche punto in meno in un inizio d’annata, di una di tante annate, tutte di livello, no? perchè poi la verità è che il napoli continua a giocare con una identità precisa e produttiva, ha gli stessi numeri dello scorso anno (non mi parlate di gol subiti e fatti perchè mi incazzo, piuttosto parliamo di quante azioni creiamo e quante ne concediamo) e tutto questo con defezioni importanti (vedi attaccante infortunato). E poi la sfortuna! perchè nessuno parla di sfortuna? sembra quasi sia una parola indicibile, vergognosa, sporca, ignorante, da gente che di calcio non ne capisce. Non è così. siamo assolutamente stati sfortunati fino ad ora: tutto o quasi l’imponderabile e/o incontrollabile ci è andato contro. Quello che voglio dire è che poi, per quanto il calcio possa spiegarsi con tanti teoremi e teorie, tutte giuste ed argomentabili, ha sempre una componente di casualità, che va considerata, ma della quale in pochi ne parlano.

          • Raffaele Sannino 2 dicembre 2016, 0:42

            chi consiglia immobile o balotelli non può capirne di calcio,molto meglio che tu commenti e non prendi decisioni in società.Faresti solo disastri…

        • Sono d’accordo con te, qui non si tratta di commentare per partito preso, ma di dire le cose come realmente stanno. La chiamano onesta’ intellettuale, quella che purtroppo hanno in pochi.

  9. Ti pareva che gira e rigira non era colpa di Hamsik…

    • Ferdinando Palermo 30 novembre 2016, 13:00

      Hai capito tutto, genio!

      • È un paragone abbastanza cattivo verso il capitano, vittima dei luoghi comuni che a volte si creano sui calciatori. Mai sul serio amato come i fuochi di paglia argentini e uruguaiani.

        • Michele De Santis 30 novembre 2016, 14:05

          quoto assolutamente il boemo..mai come quest’anno marek è continuo…per il carattere dovete chiedere a tutta la squadra…

  10. VOGLIO CRITICARE SARRI E LO FARÓ .
    -quando in panchina lascerá giocatori affermati che cambiano le partite
    -quando non inserirá giocatori che nel curriculum hanno molti goal all attivo e possono risolvere il match
    -quando la squadra giocherá male e non fará risultato
    -quando non proporrá il bel gioco che gli era stato chiesto all inizio
    -quando gli chiederanno di vincere uno a 0 ma daranno a lui i giocatori forti fisicamente e non i palleggiatori per fare questo gioco
    -quando i risultati non arriveranno nonostante in rosa ci sia un sostituto degno di Higuain
    -quanto la campagna acquisti non sará di soli giovani

    • Luigi Ricciardi 30 novembre 2016, 11:33

      Franco concordo praticamente in tutto.
      Volere la luna, in questo momento, e’ fuori dal mondo.

      • Ferdinando Palermo 30 novembre 2016, 12:48

        Dai, chi pretende la luna?
        Chi dà la colpa alla società pretende la luna-scudetto, poi c’è qualcuno che “io speriamo che me la cavo” e vorrebbe fare modestamente punti col Sassuolo.
        Cortesemente non sovvertiamo le posizioni.

        • da coloro i quali due anni fa dicevano che con il rigore dentro di Higuaìn contro la Lazio la stagione era da champagne… Ma per piacere

        • Luigi Ricciardi 30 novembre 2016, 13:31

          Ma infatti punti col Sassuolo ne abbiamo fatti, ‘nu bell’paregg’! :))))

          • con un attaccante serio finiva 3 a 0 nemmeno a 1 perché sul 3 a 0 il sassuolo crollava

        • caro Ferdinando siamo arrivati secondi con una cavalcata spettacolare, un progetto tattico ben fatto ben articolato con una squadra che ha giocato un calcio piacevole, chiedere di mettere LA METÁ i 150-160 mln di euro sul mercato E PRENDERE UN CAVANI 3.0 DOPO UN CAVANI 2.0 (HIGUAIN) ti sembra la luna? il napoli aveva trovato la quadratura del cerchio investendo in un puntero di classe costoso ma di classe, meglio un acquisto forte che 8 potenziali buoni giocatori, non mi sembra la luna

          • L’hai preso: Milik.

          • Mulik e’ una scommessa

          • Intanto il campo aveva dimostrato che era ormai l’attaccante del Napoli, senza l’infortunio ci saremmo limitati a dire che Gabbiadini continuava ad essere un’alternativa in cui Sarri non crede e avremmo detto tutti che andava sostituito a gennaio senza tanti drammi, invece siccome si è fatto male si vuole dire che dopo Cavani e Higuain non si è preso nessuno.

          • perche’ invece Kane e’ calciatore affermato ed affidabile!?!?

          • Ferdinando Palermo 30 novembre 2016, 14:32

            Tu trascuri le modalità con le quali la Juve ci ha privato di H. Lo ha fatto scientificamente per impedirci di trovare un sostituto. La Juve ha pagato 50 milioni per H. e 40 per danneggiare il Napoli.

          • Io veramente non capisco…ogni volta batti su questo punto! Chi doveva prendere il Napoli? La Juve ha provato a prendere Icardi, gli hanno sbattuto la porta in faccia e ha dovuto spendere 90milioni per venirsi a rubare Higuin (con la sua complicita’)! Il Napoli ha poi provato a prendere Icardi, stesso risultato! Mi dici sul mercato di quest’estate ci c’era di veramente forte, almeno al livello di Higuain, in vendita? Ibrahimovic? La scommessa Immobile? molto bravo in area ed in contropiede? La mina vagante Balotelli….lo trovavamo alla casetta dei puffi a secondigliano secondo me! Serio dimmi secondo te chi di fattibile il Napoli doveva prendere…

          • Diego costa lacazette aboumayang vardy hurry kane mio nonno che cmq è meglio di crisantemo gabbiadini

          • perche’ secondo te Kane (23 anni, 5gol) e’ cosi meglio di Milik? Ma poi se noti credo che nessuno degl’atri che hai menzionato si e’ mosso dal proprio club anche dopo offerte molto consistenti, come per Vardy.

          • no ma meglio di gabbiadini si , se vendevi gabbiadini e prendevi milik e al posto di higuain prendevi kane non era meglio? milik é costato tanto quanto pagavano per gabbiadini

          • secondo me la societa’ ha provato fine all’ultimo di prendere un altro giocatore al posto di Gabbia. Ma se non si e’ riuscito a trovare nessuno di nettamente piu’ forte secondo me il pensiero e’ stato mi tengo Gabbiadini!!! Con il senno di poi…sbagliato?Quasi sicuramente ma soltanto visti i rendimenti del giocatore dopo l’infortunio di Milik! E’ facile aprire bocca e criticare dopo…..

          • Andrea Filippo Gagliardi 1 dicembre 2016, 17:00

            Ma il nonno di Franco non è di bergamo 🙂

          • Non sta a noi dire chi dovevano prendere, pero’ una cosa e’ certa:
            se vai in champion’s e vendi uno che ti porta nelle casse 93 mil di euro, non ti puoi presentare con 4 ragazzotti da lanciare.
            Su dai diciamolo una volta e per sempre, siamo obiettivi.

          • Esatto

          • In principio sono concorde pero’ tralasciando per un attimo la questione Higuain. Secondo me l’obbiattivo della societa’ e’ stato quella di migliorare la panchina. E quindi sono stati presi giovani forti (questo e’ innegabile) e costosi. Anche perche’, d’altronde, la rosa titolare era arrivata seconda.

      • Andrea Filippo Gagliardi 1 dicembre 2016, 12:21

        Ragazzi qui ci vuole garra cavolo. qui si pensa agli schemi al bel calcio ma noi nn tiriamo a porta se non al centro e nelle mani del portiere. ADL chiamasse Klopp 2.0 voglio vedere mentalità. siamo finiti nel secondo tempo di NapoliBenfica

    • Ferdinando Palermo 30 novembre 2016, 12:50

      Ma anche quando lo stadio avrà i gabinetti nuovi, non ce lo dimentichiamo. Nessun allenatore può vincere coi gabinetti vecchi.

    • Ad oggi ha la seconda (al massimo terza volendo pensare alla Roma) migliore rosa della serie A. Non sarà da scudetto, ma neanche da pareggio contro il Sassuolo in casa.
      Quindi, di cosa sta parlando? mo la società compra Suarez per battere il Sassuolo…

      • ragionamento elementare secondo il quale la classifica finale é giá decisa, si trascurano fattori tecnici psicologici etc etc. ps l inter ha una rosa ancora superiore ma fa lo stesso

        • Se non fosse per la difesa (in parte, perché gente come Hisaj e Strinic sono da brividi), la Lazio ci sarebbe davanti.

    • Andrea Filippo Gagliardi 30 novembre 2016, 15:46

      Franco ciao. A me qs Napoli mi fa addormentare. Non mi diverte più. E gli manca pa garra. Non sarà tutta colpa di Sarri ma sicuramente – come Pioli alla Lazio – il secondo anno dimostra k è più fumo k arrosto. O no?

      • Il goal è l apice delle partite se manca anche il giudizio sul gioco ne risente ovvio poi arriviamo davanti e rallentiamo sappiamo chi e cosa manca o voleva fare la champions con gabbiadini milik

        • Andrea Filippo Gagliardi 1 dicembre 2016, 12:13

          ma uno schema più adatto ai giocatori k ha, quello no? allegri battè il barcellona 2-0 con pato e ambrosini, non cannavaro e maradona…qs allenatore demoralizza la squadra come el gordo

          • tutti a noi quelli che demoralizzano la squadra?

          • Andrea Filippo Gagliardi 1 dicembre 2016, 15:44

            buona domanda. spero abbia ragione tu k sia solo il problema del fianlizzatore. attenzione a rizzoli e tagliavento. è come
            partire da 0-2.

  11. Luigi Ricciardi 30 novembre 2016, 9:57

    Il Napoli e’ arrivato a 90 perche’ Hamsik, per ragioni prettamente personali, ha deciso di farsi tutta una carriera tra Gargano, Pazienza e Jorginho piuttosto che al Real, al Chelsea o altre del genere.
    Se non arriva a 100 e’ perche’ da solo Hamsik non puo’ fare da 0 a 100. Ma senza di lui si torna a 10.

    • concordo

    • Il Napoli sta a 90 perchè un imprenditore ha capito come guadagnarci portando la squadra a un punto alto, ma non altissimo. Non è certo grazie ad Hamsik

      • Luigi Ricciardi 30 novembre 2016, 10:51

        Beh, io parlavo di aspetti tecnici. Hamsik e’ uno dei migliori centrocampisti della storia del Napoli, almeno secondo me.

        • giancarlo percuoco 30 novembre 2016, 11:09

          Lo è. Ed è anche uno dei più rappresentativi. Spero che riesca ad infrangere almeno il record del miglior realizzatore.

Comments are closed.