Al 25′ Higuain omaggia il rugbista Dominguez: tira in porta come se stesse al Sei Nazioni

Al 25′ Higuain omaggia il rugbista Dominguez: tira in porta come se stesse al Sei Nazioni

Il Napolista è riuscito a entrare in possesso dei dati che vengono catturati e analizzati dai droni di Sarri. I droni sono quattro e a Castel Volturno gli hanno dato i nomi dei quattro semi delle carte napoletane. Il drone di bastoni, il drone di coppe, il drone di denari, ma noi abbiamo scelto il drone di spade. Ecco i dati per Napoli-Milan.

Dopo aver rifiutato il trasferimento qualche anno fa, Montolivo tradisce la voglia di Napoli quando dopo due minuti per poco non fa autogol.

Sotto le suole delle scarpe di Higuain è stata spalmata una speciale sostanza anti aderente, come nelle padelle ultramoderne. Scivola ogni due e tre.

L’anticipo in spaccata di Zapata su Higuain ricorda quello di Bonucci. Solo che Zapata non si fa male. 

Bello l’omaggio al 25′ del primo tempo fatto da Higuain al suo connazionale Diego. Non Maradona, ma Dominguez. Il rugbista. Tira in porta come se stesse al Sei Nazioni.

Un vuoto d’aria al San Paolo al 32′ del primo tempo. È l’effetto che ha messo Reina nel rinviare il pallone coi piedi. Dopo il tocco successivo di Higuain, la palla ancora gira.

Passa un minuto e Reina provoca un’altra onda gravitazionale lanciando il pallone con le mani fino a metà campo. Al posto dei bicipiti tiene due galleggianti.

Dato di Donnarumma. A fine partita avrà toccato 52 palloni. Nel Milan solo Abate, con 56, tocca la palla più di lui. Servivano 90 minuti di recupero.

Ben sei giocatori del Napoli toccano la palla più volte di Abate. Il record è di Jorginho che ce l’ha fra i piedi 129 volte, mentre Hamsik 102.

Le 18 combinazioni di passaggio più frequenti della partita sono tutte del Napoli. Quelle che Sarri innesca più spesso stanno a sinistra fra Jorginho, Hamsik e Ghoulam.

Le gambe ci sono, la tenuta c’è. Non manca la forma, manca il cambio di ritmo.

Omaggio di Hysaj a Umberto Eco. Sulla fascia fa il pendolo di Foucault.

Il fatto che invece a deviare il tiro di Insigne sia Abate è un chiaro riferimento all’ambientazione del Nome della rosa.

Sull’azione dell’1-1, nata da una deviazione di Koulibaly, Bonaventura conferma che il suo cognome è la traduzione di Ciorta.

Palloni giocati dal Napoli nella trequarti del Milan: 225. Palloni giocati dal Milan nella trequarti del Napoli: 71. 

Il segno di un Milan stretto e corto, che lascia pochi spazi, è nei 256 passaggi all’indietro che giochiamo: 256 su 636. Il tiki taka rilascia un’intervista al tg1 per chiedere rispetto.

Qualcosa non va sugli esterni: solo 4 dribbling riusciti e solo uno dagli esterni (Insigne), gli altri vengono da Jorginho e Albiol. Se non si salta l’uomo, il Napoli sbatte.

Balotelli quando entra è tutto un repertorio di finte, mosse e tacchi. Meno male che a Sarri non gli grida niente. L’arbitro però gli legge il pensiero e lo caccia.

Negli ultimi 25 minuti: il palo di Mertens, la girata di Higuain, il flipper di El Kaddouri, l’egoismo di Gonzalo che non apre a sinistra su Mertens, la chiusura di Abate su Mertens. Ne bastava una giusta.

14 palloni sui 25 persi in tutto sono stati persi da Insigne Higuain e Hamsik. Chi perdeva il pallone nella Floridiana, doveva andare a prenderlo. Giovedì Villarreal: riprendiamocelo.

ilnapolista © riproduzione riservata