Er cinese, Torpigna, e la signora Franca: Mazzari e le radio romane nell’anno 2014

[musica e coro su uno sfondo di effetti da stadio, sfuma] “Aventinoooooo”

Tornamo alle telefonate. Lucio da Torpigna
“Mio nome Zu Yuan ma Torpigna mi chiama tutti Lucio. Dico allinatole Mazzalli deve andale via, Roma mèlita meglio, basta via…”

Aho’, Marce’, mo’ pure i cinesi se so rotti er ca’…. Ma ce sta n’artra telefonata, chi sssei?

“So Franca de Largo Preneste. Nun date retta ar cinese che è ‘ no stronzo mongoloide italiano, nun è cinese. O’ conosco perché c’ha er bare all’Acqua Bullicante vicino casa de’ miei. Però su Mazzarri c’ha raggione, oh. Questo ‘a rotto, basta, ‘amo perso quattro vòrte ‘n du’ mesi de campionato. Tornasse a Napoli a raccatta’ a’ monnezza, sto mafioso de’ mmerda ebbreo”.

Ecco , Marce’, magari l’ascoltatrice è ‘n po’ estrema nel linguaggio però mette er dito n’a’ piaga…

Marcello: Luca, i tifosi hanno ragione da vendere. Mazzarri prende 4 milioni di euro l’anno. Lasciando Napoli aveva detto che era stufo dell’inconcludenza e dell’avidità di De Laurentiis, aveva detto di avere una rosa “all’altezza della Juventus” e il risultato ad oggi è che stiamo già sette punti sotto la Juve, capisci bene che l’impatto de immaggine è devastante

Sì, Marcello, però Mazzarri ha fatto una analisi spietata sui giovani della Roma: inesperti, poco coraggiosi, incostanti
Marcello: no, dai, nun se po’ sempre mettere tutto sulle spalle dei giocatori, qui non è Napoli, nun gli hanno venduto Cavani, la Roma s’è rafforzata

Luca: aspetta, Marcello, c’è un’altra chiamata

“Ciao oh”
Luca: Chi sei, dicci er nome
“No er nome nun conta e er nummero der cellulare è criptato. Ve volevo di’ solamente du’ cose. Una che noi semo passati ai fatti: stasera ‘amo tagliato e’ gomme a’ mercedes de Mazzarri…

Luca: “No, scusa, tu non pòi telefona’ e fa n’apologia de reato, prego la regia da taglia’ er colegamento”

Marcello: “Luca però dobbiamo essere comprensivi verso l’esasperazione della gente. C’è una crisi economica gravissima, i partiti sono marciume, i politici rubano e fanno schifezze di ogni genere. C’è disorientamente morale perché la democrazia ha mostrato tutta la falsità delle sue promesse. Il governo è nelle mani delle banche, la gente è inferocita. Per ora è la macchina de Mazzarri, ma preso sarà altro, ben altro…

Luca: “Telefonata, prego!” [sottofondo fuori onda: a’ Marce’, e nun fa sempre i comizzi, poi o’ sai che ce rompono er cazzo, dìcheno che sémo fasci, e o’ siamo, ma ce dovemo da da’ na regolata, ‘nnamo”]

“Pronto, posso parla’, aho state a parla sempre voi, ‘nse capisce ‘na ceppa… Io vorrei di’ che noi dobbiamo da’ tempo a Mazzarri. State a fa ‘n casino pe’ du partite perse ma Mazzarri è uno che sa motivare i giocatori giovani…”

Luca “Tu sei Giulio de’ Ponte Màmmolo, te conosco. Senti, di quelli pagati da’ a’ società per fa le telefonate addomesticate non ne possiamo più. Tocca che telefoni all’artre radio, anzi visto che ce sei, laziale, telefona a’ e’ radio lazziali così parlate da Lazzieee che oggi ce sta ‘n bel Gielo Limbidooo”

[coro di belati di scherno in redazione, almeno sei voci]

Marcello: ce sta Strinati al telefono

Luca: Il nostro amico Gianclaudio Perilli Strinati, testaccino doc che lavora a NeboSport 24/7 e ci fa un’analisi professionale de quello che sta succedendo

Gianclaudio Perilli Strinati: “Ciao, forse ci sono un po’ di rumori che entrano in onda, ma sono qui a Piazza Santa Maria Liberatrice, a Testaccio, che resta il cuore del tifo romanista vero…”

Luca: [fra sé e sé: nun cominciamo co’ e’ pippe letterarie, come se vede che è frocio] poi ad alta voce nel microfono: “Caro Gianclaudio, Mazzarri è già per la seconda volta quest’anno sotto processo, una analisi di questa doppia falsa partenza…”

GPS: “Ma oggi ne abbiamo a lungo parlato nella nostra riunione di redazione a NS24/7. Sai, bisogna prendere in considerazione anche lo shock culturale di Mazzarri che proviene da un ambiente tutto sommato…. cerco il termine… adorante, e perlomeno pieno di consenso come quello di Napoli. E che oggi si trova sotto la lente di un contesto forte, abituato al successo, lasciatemi dire “civile”, abituato alla cultura del risultato come quello romanista…”

Luca: scusa la franchezza GianClaudio, Mazzarri deve andarsene?

“Queste valutazioni competono alla società [continua a parlare]

Mentre il giornalista parla si apre inavvertitamente il microfono dello studio, voci irriconoscibili: “Leva sto senza palle che sta a’ ammoscia’ er cazzo a tutti.
Ce sta Jeff Latronico che ha preparato ‘n dossier che prova che Mazzarri e’ figlio de ebrei e che c’ha rapporti co’ a’ Lazio, mannamolo in onda adesso e fàmo er botto…”

“ma chi, Latronico quello che è stato già du’ vorte n’ galera, nun se po’ da’ fiducia a uno così”

“e allora teneteve Mazzarri e i dirigenti laziali da’ a Roma come Sabatini, bravi, stronzi”

[in onda] GPS – … una analisi che senz’altro il management saprà condurre insieme a ….

Luca: grazie Perilli Strinati, tra pochi minuti si torna al microfono aperto ai nostri tifosi qui a “Dentro l’Altare Giallorosso”, ora pubblicità

[entra la musica con il coro, fortissimo] Aventinooooo
Vittorio Zambardino
Avvertenza: questo testo è un prodotto di fantasia: circostanze, nomi, fatti sono del tutto inventati. Ogni somiglianza con persone o avvenimenti è puramente casuale

ilnapolista © riproduzione riservata