Mazzarri: Era scritto che dovevamo perdere

Walter Mazzarri analizza la sconfitta con l’Udinese: “Non è vero che siamo stati irriconoscibili. L’Udinese era messa bene in campo, ha segnato alla prima occasione e poi ha potuto giocare di rimessa. Nel secondo tempo abbiamo giocato bene, ma gli episodi finiscono per condizionare la partita. Era scritto che dovevamo perdere. Sul 2-0 Hamsik ha sbagliato un rinvio facile e poi ha fallito il rigore. Il risultato mi sembra eccessivo”. Di Natale è un po’ la bestia nera: “Si scatena sempre contro le mie squadre. Ha segnato un gol bellissimo in occasione del 2-0”. E’ la seconda sconfitta consecutiva in trasferta: “L’Udinese ha sbloccato il risultato subito proprio come era successo con la Lazio. Noi, invece, abbiamo fatto fatica, Lavezzi non riusciva ad incidere. Dopo il primo gol, ci siamo disuniti e innervositi, non abbiamo giocato come sappiamo. La prestazione della ripresa non è stata brutta. La sconfitta ci può anche stare. Il rigore? De Sanctis ha detto di non averlo toccato, ma lasciamo stare. Forse poteva accompagnarlo senza buttarsi. Comunque l’Udinese è un’ottima squadra e ci ha messo in difficoltà”.
A Rai Sport  parla di Hamsik e delle distrazioni di mercato: “Non penso proprio che per Marek questo rappresenti un autentico problema: lui pensa al Napoli e basta. A volte ragazzi così giovani risentono delle troppe critiche e delle pressioni, ma per Marek oggi è stata semplicemente una giornata storta, per noi continua a essere un punto fermo”.  Su Raidue Bruno Gentili gli fa la domanda sui rifiuti, ricordando le parole dell’allenatore e chiedendogli che cosa può fare il Napoli per risolevere l’emergenza, Mazzarri dice qualcosa, che loro ne parlano, che le istituzioni e anche i cittadini devono fare la loro parte, poi Varriale interviene e afferma che grazie al Napoli si parla di Napoli anche in senso positivo.

ilnapolista © riproduzione riservata