Fassone: un acquisto
a gennaio, uno a giugno

Marco Fassone, direttore generale del Napoli, parla ai microfoni di Marte Sport Live. Si parla dell’attuale momento della squadra nonostante la sconfitta con la Lazio: “Siamo terzi in classifica, ma un primo bilancio lo potremmo fare dopo il girone d’andata. Ci mancano ancora gli scontri con Inter e Juve che al momento sono alle nostre spalle”. A gennaio, il Napoli farà un acquisto: “Il fair play finanziario ci impone di non spendere più di quanto fatturiamo. Ma possiamo spendere tutto quello che abbiamo in cassa. Sicuramente faremo un colpo in questo mercato, poi allo stesso modo il direttore sportivo e l’allenatore individuaranno i giocatori giusti a giugno”. Domani, intanto, si riprende la preparazione a Castelvolturno senza i sette nazionali. Alcune ‘convocazioni’ non sono andate giù al Napoli: “Non dico niente su Hamsik. Gioca a due ore da Napoli ed è il perno della Slovacchia. Mi aspettavo – però – un trattamento diverso da Tabarez. Cavani e Gargano erano stati già convocati per il tour di amichevoli in Cina e Indonesia e magari potevano essere risparmiati contro il Cile. Rientreranno soltanto venerdì mattina e saranno stanchi. Evidentemente sono diventati perni dell’Uruguay”. Altro argomento caldo è il rinnovo del contratto collettivo dei calciatori: “Mi auguro si possa arrivare ancora ad una soluzione entro il 30 novembre. Abbiamo dato mandato a Lotito e all’avvocato Briamonte di trattare”. Chiusura sugli arbitri. Il Napoli ha un profilo basso. Altre società no: “Ho trovato strumentale la politica della Juve contro l’arbitraggio di Rizzoli che ho trovato intelligente. E’ venuto a mancare il solito stile. Con la Lazio, c’è stato un episodio a nostro sfavore, a Cagliari ci è andata bene. Non mancheremo di far sentire la nostra voce in caso di episodi clamorosi”.

ilnapolista © riproduzione riservata