Parla il giudice Tosel: applico solo un tariffario

Parla il giudice sportivo, per la prima volta. Giampaolo Tosel è stato ospite di Radio DeeJay e ha spiegato il suo ruolo delicato nel calcio italiano: “Nelle mie decisioni la base sono i 55 articoli del codice di giustizia sportiva, la mia funzione è quella di un notaio e ragioniere che prende atto di quello che c’è scritto nel referto degli arbitri e in base a quello commina le sanzioni. C’è un tariffario nel codice che non tutti conoscono: espressione ingiuriosa all’arbitro, minimo due giornate; condotta violenta, minimo tre giornate; doppia ammonizione, minimo una giornata. Non c’è spazio per interpretazioni. I giudici non guardano la tv, non ascoltano le radio, non leggono i giornali. Gli unici atti ufficiali su cui vertono i miei giudizi sono i referti degli arbitri e i rapporti della procura federale. Perché se la tv smentisce un episodio, il giudice commina lo stesso una squalifica? Il giudice può solo attenersi ai referti”. calciomercato.com

ilnapolista © riproduzione riservata