Napoli impazzita per il terno di Diego: 10-15-50

Domani sarà come festeggiare il compleanno di Napoli. Non si eccede in retorica se indichiamo in Maradona colui che ha segnato emotivamente e in profondità la città, più di ogni altro uomo delle lettere, delle arti e della politica, dal decennio degli anni Ottanta a seguire. Venerdì 29 ottobre 2010: Diego compie cinquant’anni. Napoli si prepara a celebrare il suo idolo più grande con un tour fatto di spettacoli e poesie (una sorta di giubileo maradoniano). Fibrillazione, e non poteva essere altrimenti, anche nelle ricevitorie partenopee dove impazzano le combinazioni in onore del Pibe de Oro. In testa ai sogni dei napoletani, come informa l’agenzia Agipronews, c’è il terno al lotto 10-15-50, omaggio al numero di maglia, al compleanno (nella smorfia il numero 15) e al traguardo dei 50 anni. Altri terni sono suggeriti dalle date fondamentali della sua storia calcistica: 5-7-84, il giorno in cui fu presentato ufficialmente al San Paolo; 5-10-87 la giornata campale del primo scudetto del Napoli (10 maggio 1987); 6-29-86 rivive il sogno del Mondiale vinto in Messico; oppure 30-10-60,combinazione secca sulla sua data di nascita.
FILE IN RICEVITORIA – «Da inizio settimana abbiamo appeso in vetrina un cartellone con i numeri di Maradona – racconta ad Agipronews Salvatore Troncone, titolare della ricevitoria di via Caravaggio – ma quasi non ce n’era bisogno, i nostri giocatori sanno molto bene su quali numeri puntare. La giocata tipo è di due euro, uno sulla sorte dell’ambo e uno sul terno, ma chi può punta di più. In questi giorni non facciamo che convalidare il terno 10-15-50, naturalmente su Napoli. Una cosa è certa, se dovesse uscire sbanchiamo il Lotto». Anche Ausilia Celeste, che gestisce una ricevitoria in via del Carretto, la sa lunga in fatto di giocate legate allo speciale anniversario. «Noi il terno di Maradona lo proponiamo da un mese. Mio marito è un tifoso sfegatato di Diego, ha ancora il suo poster appeso in camera. Negli ultimi giorni le puntate sono sempre più numerose e qualcuno non si ferma al solo terno, ma gioca anche sulla quaterna o addirittura la cinquina, aggiungendo alla base 10-15-50 anche il 60 e il 20». «Il terno di Maradona a Napoli è sulla bocca di tutti – conferma Maria Verde, titolare di una tabaccheria in Corso Italia – non si parla l’altro. Ma i nostri giocatori non dimenticano di affiancare alla giocata su Diego anche un’altra con il 51 su Napoli, il massimo ritardatario del lotto in questo momento». Il coro, insomma, è unanime: Maradò facci vincere ancora.
Alessandro Chetta (corriere del mezzogiorno.it)

ilnapolista © riproduzione riservata