Messi chiama Lavezzi: “Com’è il San Paolo?”

E Messi chiamò il Pocho. Ce lo racconta il Mattino in una telefonata tra la pulce e Lavezzi ricevuta durante una cena alla quale hanno preso parte anche altri giocatori del Napoli. “Com’è il san Paolo?” pare si sia informato. Sull’asse Napoli-Barcellona la linea è caduta più volte anche se la prima telefonata sembra l’abbia fatta Lavezzi per informarsi sullo stato di salute del compagno di Seleccion. Poi la chiacchierata avvenuta tra gli sguardi basiti dei compagni di squadra. Fin qui la cronaca raccontata dal quotidiano.
Ora l’immaginazione. Pare che Messi gli abbia detto che è stanco di Barcellona e stia cercando di andare da qualche altra parte dove possa esprimere maggiormente la sua classe e dove possa essere osannato al primo respiro. Pare che, come Cavani con Gargano, abbia chiesto informazioni sulla città e sulla società. Pare che Messi abbia concordato un blitz napoletano in gran segreto in queste settimane in cui debba riprendersi dall’infortunio. Pare che Ujfalusi sia un lontano parente di Andoni Goicoechea. Del resto giocano tutti e due nell’Atletico (solo che uno è di Bilbao, l’altro di Madrid). E allora il dado è tratto per il delfino di Lui.
Dalla fantasia si ritorna alla realtà. “Ciao Leo come stai?”. “Bene grazie per l’interessamento, ci vediamo in Nazionale”. Sogni di una notte di fine estate.
Paolo Carafa

ilnapolista © riproduzione riservata