E’ un cimelio la sciarpetta prestata a Mazzarri

Norberto Di Meglio è il tifoso che ha passato la sciarpa a Walter Mazzarri per fargli pulire gli occhiali, durante la partita di ieri con il Cesena, ecco le sue dichiarazioni a Radio Marte:  “Ce l’ho da 20 anni e glie l’ho passata con piacere. I miei amici hanno scherzato dicendo “menomale che non ha sputato sugli occhiali per pulirli meglio”. Quando è arrivato è in tribuna era arrabbiato perché il Napoli non meritava di stare sotto e poi parlava sempre al cellulare per gestire la squadra. Mi sono emozionato, sembrava di essere in panchina. Conserverò questa sciarpa come un cimelio, è appesa nella mia stanza. Ai gol non sono riuscito ad abbracciarlo perché scappava via ad esultare per le scale che portavano agli spogliatoi.  In dieci minuti avrà studiato almeno dieci tattiche da suggerire alla panchina, spostava i giocatori sul campo come fossero pedine di una partita a scacchi. Si è arrabbiato tantissimo con la panchina quando non protestava con l’arbitro per la perdita di tempo durante l’infortunio di un giocatore del Cesena. Poi quando non ha fatto entrare Maggio mi ha spiegato che c’era Cribari che stava male e forse doveva sostituirlo con Cannavaro, ma subito dopo ha avuto l’idea di spostare Campagnaro al centro, mettere Maggio “che spinge di più” e togliere comunque Cribari, ma poi il Napoli è passato in vantaggio e dunque non se n’è fatto più nulla”.

ilnapolista © riproduzione riservata