Niente niente abbiamo
trovato il centravanti?

Ed eccoci qua, alle tre di notte, di ritorno da Firenze. Insomma, un pareggio al Franchi non è da disdegnare. Poteva andare meglio, ma anche peggio. Il Napoli ha giocato un gran primo tempo; forse il gol non c’era ma il vantaggio era più che meritato. Strepitosi i primi quarantacinque minuti di Dossena: erano anni che non avevamo uno così bravo a fare i cross. Gargano ha giocato un’altra bella partita. Per il resto il solito Napoli, nei pregi e nei difetti, come ho letto anche dai vostri commenti. Una novità, però, c’è, è innegabile: forse abbiamo trovato il centravanti. Questo Cavani è forte, sembra leggerino, però si muove bene; se conquista un centimetro di vantaggio lo protegge e arriva primo sul pallone. Il colpo di testa vincente su cross di Dossena è stato un capolavoro. Se nel secondo tempo Maggio lo avesse servito in profondità su quel contropiede, forse il nostro centravanti di notte avrebbe realizzato un’altra doppietta. Gol a parte, gioca con disinvoltura, detta i tempi del passaggio, sa dare profondità. Attorno a lui è sempre un po’ il solito Napoli. Hamsik vaga per il campo e raramente entra nel vivo del gioco; Lavezzi non affonda quasi mai, gli piace stare un po’ più dietro anche se ha colpito la traversa con un bel tiro (su passaggio proprio di Cavani, se non ricordo male). Insomma, un po’ le solite cose. Con la differenza, però, che se un pallone arriva in area, Edinson c’è e la mette dentro. E non è poco.
Certo, quella di ieri era la formazione titolare, mancava solo Pazienza. Un po’ leggerina per fare il salto di qualità. E visto che Mazzarri ha annunciato che parlerà a mercato chiuso, vuol dire che forse la società ha qualche altro colpo in canna. Noi aspettiamo fiduciosi.
Massimiliano Gallo

ilnapolista © riproduzione riservata