Quagliarella super, Lippi che disastro

<strong>Marchetti – 5.5</strong> Sul primo e sul terzo goal non mi è sembrato incolpevole. Comunque certamente non è il responsabile primo della disfatta.
<strong>Zambrotta 6</strong> Non spinge mai. Se ne sta prudentemente dietro la linea del centrocampo. Anche per lui un triste epilogo.
<strong>Cannavaro 4.5</strong> Sempre incerto nell’uno contro uno. Si fa anticipare sul primo goal. E’ fuori posizione sul secondo e sul terzo. Graziato anche dall’arbitro per un fallaccio su Hamsik. Insomma triste canto del cigno.
<strong>Chiellini 4.5</strong> Si impegna. Sgomita. Chiude. Ma Wittek lo brucia in occasione dei tre goal. E specialmente sul secondo si comporta da pivellino.
<strong>Criscito 5</strong> Anonimo per tutto il primo tempo non ne fa una buona. Giustamente sostituito.
<strong>Maggio 6</strong> Esordio mondiale nella peggiore situazione possibile. Prova a dare vivacità sulla fascia. Ottimo qualche recupero. Comunque se doveva entrare per fare il terzino…
<strong>Gattuso 4,5</strong> Corre, lotta ma non proprio non c’è. Un disastro annunciato. E un giocatore come lui proprio non meritava di essere esposto ad una figuraccia simile.
<strong>Montolivo 5</strong> Distratto e molle si fa anticipare sul primo goal degli slovacchi. Sempre sovrastato in mezzo al campo. Lippi lo toglie e fa bene.
<strong>Pirlo 6.5</strong> Spes ultima dea. Entra  e subito si accende la luce. Fioca magari. Ma sufficiente a ricordare che senza qualità è difficile giocare al calcio.
<strong>De Rossi 4.5</strong> Imperdonabile l’errore sul goal degli slovacchi. Spesso superficiale, supponente e approssimativo negli appoggi e nelle aperture. Sembrava non reggersi in piedi.
<strong>Pepe 4.5</strong> Travolto dal marasma complessivo. Non si capisce che cosa avrebbe dovuto fare. Non tenta mai di saltare l’uomo. Sbaglia palle elementari. Insomma un pianto.
<strong>Iaquinta 5</strong> Il meglio di sé lo dà saltando nella nostra area in fase difensiva.
<strong>Di Natale 5.5</strong> Entrati Pirlo e Quagliarella è un po’ rinato dopo un grigio primo tempo. E ha fatto un goal da prima punta. Il problema è che senza qualità le punte soffrono.
<strong>Quagliarella 7.5</strong> Esordio mondiale nella peggiore situazione possibile. Si fa vedere subito e costringe l’avversario ad un fallo da ammonizione. Belli alcuni spunti sulla fascia destra. Sua una  conclusione respinta non si sa se sulla linea o oltre la linea. Inventa da solo il goal del due a uno. Fa un secondo goal da fuoriclasse. Insomma una  prestazione bellissima.
<strong>Lippi 3</strong> E’ vero non ha lasciato in Italia nessun Messi. Ma ha fatto nel complesso lo stesso errore fatto da Valcareggi nel 1974 e da Bearzot nel 1986: si è fissato con i suoi fedelissimi. A prescindere dall’età e dalla condizione. Possibile che non vi fosse in Italia un centrale sotto i quaranta anni? Ha rinunciato in tutto e per tutto alla qualità. Ha tenuto in panchina l’attaccante più in forma e di maggior classe, cioè Quagliarella. Insomma un disastro fortemente voluto.
<strong>Guido Trombetti</strong>

ilnapolista © riproduzione riservata