7 alla squadra, 8 alla stagione, 9 alla società

<strong>Le pagelle di Sampdoria-Napoli 1-0, del rettore dell’Università Federico II Guido Trombetti</strong>

<strong>7 politico</strong> a tutti per la gara di oggi. Senza andare a cercare il pelo nell’uovo tra chi dovrebbe avere mezzo punto in più o mezzo punto in meno. Non si possono pretendere motivazioni particolari in una inutile (per noi) e quindi insapore ultima partita di campionato.
<strong>8 politico</strong> a tutti per il campionato nel suo complesso. Grande impegno e grande dedizione. Su questo non ci piove. Superare un inizio di campionato disastroso affidandosi alle capacità di un fior di tecnico subentrato in corsa è prova di grande professionalità di tutti i giocatori. Si poteva fare di più? Certamente. Nella vita si può sempre fare di più. Ma è vero anche che ad impossibilia nemo tenetur.
<strong>9 politico</strong> ad una società che passo dopo passo è riuscita a rientrare nel calcio di élite. Si sono commessi errori? Certamente. Chi non fa non sbaglia. Criticare è facile. Operare difficile. Perché chi opera deve fare scelte che trovino il giusto equilibrio tra la passione di noi tifosi e la crudezza dei numeri del bilancio. Tra i sogni che aiutano ad andare avanti e la prudenza che aiuta a non tornare indietro.
<strong>10 politico</strong> a Massimiliano Gallo e Fabrizio d’Esposito che hanno inventato il Napolista.
<strong>Guido Trombetti</strong>

ilnapolista © riproduzione riservata