LE PAGELLE DEL RETTORE Napoli-Parma 2-3

La pagella di Napoli-Parma 2-3 a cura del rettore dell’Università Federico II Guido Trombetti.

Un bell’uno a Quagliarella un inutile capuzziello

DE SANCTIS – 6 – Tre gol. Nessuna colpa.
GRAVA – 4,5 – In una difesa che prende quei gol nessuno merita la sufficienza.
CANNAVARO – 4,5 – Vale quando detto per Grava.
CAMPAGNARO – 4,5 – Quando lo tieni dietro sembra un motore sempre in “fuori giro” e non dà alcun affidamento. Meglio a spingere.
ARONICA – 5 – Prestazione incolore. Dopo una lunga assenza forse non puoi pretendere di più.
HAMSIK – 6 – Non brillante come contro la Lazio. Il solito difetto: gioca ad intermittenza. A volte sembra aver paura del takle. Combina bene con Zuniga in qualche occasione. Sbaglia un gol non da lui. Poi d’improvviso quel piatto sinistro dolce, preciso e inutile.
GARGANO – 6 – Pressa e riparte come sempre. Insieme a Pazienza detta il ritmo alla squadra. Determinante un suo recupero su Biabiany. Nella ripresa travolto nel suicidio collettivo.
PAZIENZA – 6 – Corre meno di Gargano ma (forse?) ragiona di più. Ripara spesso su Galloppa che (credo) toccherebbe ad Hamsik. Chiude buchi, mette toppe, riparte. Anche per lui ripresa da dimenticare.
ZUNIGA – 5,5 – Abbastanza lucido, non fa rimpiangere molto Maggio sulla fascia destra. Buoni alcuni suoi tagli per l’appoggio di Hamsik.
LAVEZZI – 5 – Ritorno all’antica. Gira al largo dall’area avversaria. (Mi irrita quando gigioneggia inutilmente nel cerchio di centrocampo.) Altro che “prima punta”. Sì, mette al bacio la palla per Quagliarella sul gol. Per il resto fumoso, fumoso, fumoso. E poi quando vede la porta va nel panico.  Che non ci voglia uno psicologo?
QUAGLIARELLA – 1 – Inqualificabile! Intollerabile! Proprio non ci serviva un “capuzziello”. Maturo e professionale solo quando si tratta di pretendere un signor ingaggio.
CIGARINI – 5 – Mi hanno detto che è entrato in campo. Non ho motivo di dubitarne.
BOGLIACINO – 5 – Mi hanno detto che è entrato in campo. Non ho motivo di dubitarne.
HOFFER – S.V.
MAZZARRI – 4,5 – La partita si era messa su un binario ideale. Il Napoli non è stato capace di chiuderla. E lui ha snobbato i cambi di Guidolin. Ma allora in panchina ci va solo per togliersi la giacca. Ora temo sarà l’inferno per il toscanaccio. Che, sia chiaro, continuo  a stimare.
Guido Trombetti

ilnapolista © riproduzione riservata