Tardelli a Patrizio Oliva: “Offensive le tue parole sugli arbitri e la Juventus”

A La Stampa: “Dire che sarà dura giocare 11 contro 14 potrebbe far male a un ambiente poco tollerante e nervoso. Dietro le vittorie ci sono sacrifici”

Tardelli a Patrizio Oliva: “Offensive le tue parole sugli arbitri e la Juventus”

Le parole a La Domenica Sportiva

Nel consueto appuntamento settimanale su La Stampa, Marco Tardelli parla di Patrizio Oliva e delle sue parole all’ultima puntata de La Domenica Sportiva. Il titolo è: “Basta complotti per giustificare le sconfitte”.

Tardelli tesse l’elogio dell’ex pugile napoletano, scrive di averlo sempre ammirato e di essere per questo profondamente sorpreso quando a La Domenica Sportiva ha dichiarato: «Napoli-Juve? Sicuramente ci proveremo, anche se sarà dura giocando in 11 contro 14».

“Le parole sono pietre”

Tardelli scrive: “la tua dichiarazione mi ha lasciato perplesso, di stucco: non ho replicato proprio per non fomentare una polemica che avrebbe lasciato strascichi spiacevoli, creando tensioni delle quali il calcio deve fare a meno (…). Quello che hai dichiarato è offensivo per tutti, arbitri, giocatori, sport italiano e tifosi. Sai benissimo che dietro a una partita di calcio, così come a un incontro di pugilato, ci sono mesi di preparazione, sacrifici e rinunce. Ridurre tutto questo a una pura e semplice mala gestione arbitrale mi sembra insensato, superficiale e irrispettoso verso sportivi che credono di ottenere risultati per le loro qualità”.

Cita Carlo Levi e aggiunge che le sue parole (pietre appunto) “potrebbero fare male a un ambiente poco tollerante e nervoso. Perché non cerchiamo, soprattutto noi, di riportare il calcio nella dimensione che merita?”

ilnapolista © riproduzione riservata